Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Mi Presento

  • : Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • : Diari di viaggio delle passeggiate prevalentemente sulle montagne del Ticino, con foto e testo. Articoli tematici e links utili per la pianificazione di una escursione. Trekking ed escursionismo per tutti.
  • Contatti

Scrivimi

Puoi mandarmi un mail a questo indirizzo: upthehill chiocciolina gmx punto ch

Cerca Nel Blog

Archivio

Feedelissimo

Ticino Top - classifica blog e siti ticinesi

28 settembre 2008 7 28 /09 /settembre /2008 21:36

Percorso effettuato: Campo Blenio (Q1250), capanna Bovarina (Q1870), Ronco di Gualdo (Q1573), Pradasco (Q1780), passo Cantonill (Q1973), pizzo Rossetto (Q2099), Campo Blenio.

Difficoltà: sentiero T2.

Dislivello: circa 1'200 metri.

Lunghezza del percorso: 13 Km.

Sforzo equivalente: 25 Km.

Durata (incluse le pause): 9 ore e 15 minuti.

Serie dei "Laghetti alpini della Svizzera Italiana".

07:45 Danila, Pierfranco, Rita ed io partiamo dal parcheggio della Coop di Castione. Alle 8:35 siamo a Campo Blenio, caffé con cornetto (non ho fatto colazione), e via.

09:00 La meteo è perfetta, il cielo azzurro, anche se qui il sole non è ancora sorto.

La vallata verso la capanna Bovarina
Iniziamo la salita sul lato sinistro, percorrendo un pezzo nel bosco. Siamo ben coperti, dato che l'aria è pungente (il termometro dell'auto marcava circa 5° centigradi). Il sentiero si innalza gradualmente. Il solito cartello giallo dice "2 ore e 20 minuti alla capanna Bovarina". Non lo prendo troppo sul serio, solita fregatura di ascensionisti che vanno più veloci della luce.


Dietro di noi, la diga del Luzzone, che ci accompagnerà con la sua presenza per tutta la giornata. La vedremo da tutte le angolazioni...

La diga del Luzzone
La capanna Bovarina è là in alto, circa al centro della foto.

La vallata verso la capanna Bovarina
09:20 Una mongolfiera si staglia nel cielo: loro per salire non hanno fatto la fatica che faremo noi.


Nel frattempo siamo passati sul versante destro, già illuminato dal sole. Veloce strip-tease, via il paille, via la canottiera, sennò l'acqua oggi non mi basterà.


09:35 Siamo arrivati al primo alpe. Abbiamo dovuto percorrere la strada asfaltata, cosa non piacevole per i piedi. Il ritmo è buono, la pendenza per il momento non eccessiva.

La vallata verso la capanna Bovarina
09:50 Siamo rientrati nel bosco, la pendenza comincia ad aumentare. Stranamente sono l'ultimo della fila. Tutto attorno il sottobosco mostra il riconoscimento per la quantità di acqua caduta durante la primavera. Era da diversi anni che non vedevo le nostre montagne così verdi.


10:05 Siamo arrivati al Ronco di Gualdo,  situato a 1'573 metri s.l.m. Purtroppo oggi dovremo ripassare di qui, ma ancora non lo sappiamo... Abbiamo percorso la metà della salita, e fin'ora tutto bene.

Ronco di Gualdo salendo verso la capanna Bovarina
L'alpe non è ancora stata scaricata, e tutt'attorno è un tintinnio di campanacci. Se fossi una mucca diventeri scemo, a sentire quel rumore ad ogni movimento che faccio.

10:40 Il sentiero ora si inerpica in modo deciso, per portarci alla prima meta della giornata. Per fortuna buona parte del percorso è nel bosco, altrimenti, non ostante la stagione avanzata, credo che moriremmo di caldo.

La catena di montagne verso l'Adula
11:00 Rivediamo la diga del Luzzone, ma adesso ci siamo spostati ben alto, e si vede anche lo specchio d'acqua dietro la stessa. Oggi saliremo ancora più in alto, e si vedrà tutta la vallata del Luzzone.

La diga del Luzzone
In basso, alla nostra sinistra, vediamo l'alpe di Pradasca, da cui passeremo questo pomeriggio per andare al pizzo Rossetto.

L'alpe Pradasco
11:15 Non ci posso credere, ecco la
capanna Bovarina. Vuoi vedere che questa volta rispetto i tempi del cartello? La capanna è di proprietà dell'UTOE: piccola, accogliente e deliziosa. Posta a 1'870 metri s.l.m., è il crocevia per diverse passeggiate: verso il lago Retico (vedi la serie "Laghetti alpini della Svizzera Italiana"), il passo del Lucomagno, la capanna Dötra.

La capanna Bovarina
11:20 Sono arrivato alla capanna (beh, Pierfranco, Danila e Rita sono arrivati già da un bel pezzo). Chi ha preparato il cartello che ho visto a Campo Blenio doveva essere un santo. Ci fermiamo sulla terrazza per un caffé prima di pranzare


11:35 In settimana ho rinnovato un abbonamento di telefonia mobile, e ho preso un cellulare con GPS incorporato. Inoltre ho preso una scheda prepagata di un altro fornitore di telefonia, il tutto sulla base dei ragionamenti fatti durante l'escursione del Cristallina. Primo controllo: il cellulare con la scheda prepagata mi dà il massimo della ricezione, il mio la metà del campo. Mhhh, la scheda prepagata è stata una buona idea. Poi attivo il GPS: in meno di un minuto il telefono trova la posizione. Chiaramente sulla cartina del GPS non si vede niente (conosce unicamente le strade), ma premo il tasto "Info", ed ecco le coordinate del punto. Fuori la cartina 1:25'000, e veloce controllo: ci siamo, metro più, metro meno, le coordinate corrispondono. Decisamente mi sento più sicuro. Oggi non avremo bisogno del GPS, ma in un domani...

11:50 Avremmo voluto mangiare fuori, ma come spesso succede in montagna, si è alzato un vento fastidioso. La signora che gestisce la capanna (simpaticissima, si vede che ama il suo lavoro), apparecchia all'interno. Minestra, panino e caffé: ormai è il menu fisso della domenica...

L'interno della capanna Bovarina
12:40 Partenza. Quando ho pianificato la passeggiata ho deciso di non includere il laghetto Retico nel percorso: ci vogliono circa 3.5 ore per andare e tornare, e non avremmo potuto arrivare al pizzo Rossetto, che la cartina mostra con un bel "binocolo" (punto con vista eccezionale). L'itinerario prevede una piccola discesa fino a circa 1'700 metri, poi lungo la costa della montagna dovremmo arrivare all'alpe Pradasca.


Uno sguardo al sentiero che porta verso la Gana Nera ed il passo del Lucomagno. Lo metto in memoria per un'altra passeggiata.

Guardando verso la Gana Nera (che porta la passo del Lucomagno)
13:20 Fregatura fregatura. Il sentiero che porta direttamente all'alpe Pradasca è chiuso. Probabilmente le pioggie di questa primavera, o i temporali violenti di agosto hanno fatto franare il sentiero, e per ragioni di sicurezza è stato chiuso. Ci tocca scendere fino al Ronco di Gualdo, per risalire poi all'alpe Pradasca, aumentano di 200 metri il dislivello rispetto a ciò che avevo calcolato.


13:25 Eccoci nuovamente al Ronco di Gualdo. Svoltiamo a destra, ed iniziamo la salita verso Pradasca.

Ronco di Gualdo salendo verso la capanna Bovarina
13:55 Vediamo nuovamente la diga del Luzzone: siamo scesi bene, non si vede quasi il laghetto.

La diga del Luzzone
14:00 Siamo arrivati all'alpe Pradasca. Qualcuno ha cancellato dal cartello giallo il sentiero per la Bovarina: alla Bovarina però non hanno avuto la stessa accortezza. Noi dobbiamo continuare verso il passo Cantonill, passarlo, per poi poter salire al pizzo Rossetto.


14:05 Uno sguardo indietro per rivedere lo stallaggio dell'alpe.

L'alpe Pradasco
14:20 Il sentiero è rientrato nel bosco, e sale con una pendenza impressionante. Resto mooOoolto indietro rispetto agli altri. Mi accorgo di quanto siamo saliti guardando nuovamente la diga del Luzzone.

Campo Blenio e la diga del Luzzone
La diga del Luzzone
14:55 Arrivo anch'io al passo Cantonill. Il cartello ci dice che da qui si può andare praticamente dovunque. Pierfranco, Danila e Rita si sono goduti in pace l'attesa del mio arrivo.

Il passo Cantonill

Lo sguardo spazia sulla vallata del Lucomagno, verso la capanna Dötra. Il paessaggio è stupendo.

Dal passo Cantonill guardando verso la capanna Dötra ed il passo del Lucomagno
15:00 Partiamo per il pizzo Rossetto. I miei tre compagni mi danno un po' di vantaggio, ma se lo mangiano in un attimo.

La salita al pizzo Rossetto
15:30 Arrivo anch'io sul pizzo Rossetto. Gli altri tre sono già li che mi attendono (che pazienza che hanno).

Il pizzo Rossetto
Mi guardo attorno: è valsa veramente la pena. Lo sguardo spazia libero in tutte le direzioni, e la vista è mozzafiato.

Il costone della montagna con la capanna Bovarina.

La capanna Bovarina dal pizzo Rossetto
Il Luzzone e la capanna Scaletta (se riesci a vederla).

La valle Camadra con la capanna Scaletta
Il Luzzone e la capanna Motterascio (idem come sopra), detta anche "Michela".

La diga del Luzzone e la capanna Motterascio / Michela
Campo Blenio e dintorni.

Campo Blenio e la diga del Luzzone dal pizzo Rossetto
Aquila, Ponto Valentino, Dangio e Torre.

La valle di Blenio dal pizzo Rossetto
L'Adula e dintorni (sopra Olivone).

L'Adula dal pizzo Rossetto
Il Lucomagno, e tutto a destra il pizzo Colombe con l'omonimo passo e il passo del Sole.

Dal pizzo Rossetto guardando verso la capanna Dötra ed il passo del Lucomagno
16:00 Iniziamo la discesa, ci attendono 900 metri di dislivello IN GIU: povere le mie gambe.


Durante la discesa veniamo accompagnati per un bel pezzo dalla vista del monte Sosto, che domina Campo Blenio.

Il monte Sosto sopra Campo Blenio
16:45 Il sentiero rientra nel bosco, e vi resterà praticamente fino in basso. La pendenza è ammazzaquadricipiti. Loro tre mi guardano con un'aria un po' ironico-sarcastica-compassionevole.


17:40 Arriviamo a Risareta, a 1'393 metri. Il peggio è passato. Si inizia a vedere Campo
Blenio in basso.


Campo Blenio scendendo dal pizzo Rossetto
Solita foto al cartello giallo, memoria delle fatiche e del piacere.


18:10 Arriviamo a Campo Blenio: il Sosto ci saluta per oggi.


Il monte Sosto sopra Campo Blenio
Alla prossima!!!

Se vuoi vedere tutte le foto della passeggiata (non che ci sia qualcosa di speciale), clicka qui.

Condividi post

Repost 0
Published by UpTheHill - in Blenio - trekking
scrivi un commento

commenti

Parole chiave

Geolocalizzazione: Svizzera, Ticino, Sopraceneri, Sottoceneri, Leventina, Bedretto, Blenio, Riviera, Mesolcina, Calanca, Maggia, Verzasca, Onsernone, Muggio, Bellinzonese, Locarnese, Luganese, Mendrisiotto 

 

Interessi: trekking, escursioni, passeggiate, foto, natura, rifugi, capanne, flora, fauna, laghi

 

Percorsi: forestale, sentiero, transumanza, valico, passo, bocchetta, ganna