Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Mi Presento

  • : Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • : Diari di viaggio delle passeggiate prevalentemente sulle montagne del Ticino, con foto e testo. Articoli tematici e links utili per la pianificazione di una escursione. Trekking ed escursionismo per tutti.
  • Contatti

Scrivimi

Puoi mandarmi un mail a questo indirizzo: upthehill chiocciolina gmx punto ch

Cerca Nel Blog

Archivio

Feedelissimo

Ticino Top - classifica blog e siti ticinesi

29 dicembre 2008 1 29 /12 /dicembre /2008 16:00

Percorso effettuato: San Bernardino villaggio (Q1650), passo del San Bernardino (Q2080), San Bernardino villaggio.

Difficoltà: sentiero WT1.

Dislivello: 475 metri.

Lunghezza del percorso: 8 Km.

Sforzo equivalente: 13 Km.

Durata (incluse le pause): 4 ore.

Rita ed io ci siamo regalati le racchette da neve (ciaspole) per Natale, e dopo aver frequentato il corso valanghe del CAS Bellinzona e Valli domenica scorsa, abbiamo deciso che era ora di innaugurarle.

Memore della passeggiata fatta in febbraio fino alla capanna Dötra, decido per il percorso Camperio - passo Cantonill - capanna Dötra - Acquacalda - Camperio. Clemente (responsabile delle passeggiate con le ciaspole dell'UTOE Bellinzona) mi sconsiglia di salire al passo Cantonill, dato che la zona non è ancora assestata. Telefono al gerente della capanna Dötra per sapere se sarà aperta. Il gerente mi comunica che sono pieni: oddio, la zona sarà più frequentata dell'Idroscalo di Milano in agosto! Poi ripenso al numero di motoslitte che sono salite e scese durante la passeggiata di febbraio, e decido che conviene cambiare itinerario.

Ritelefono a Clemente, gli spiego la situazione, e gli chiedo qualche alternativa. Clemente mi propone il monte Bar, oppure il monte Lucio (entrambi nel Sottoceneri), o da ultimo San Bernardino. Mi descrive la passeggiata di San Bernardino (che sta effettuando mentre lo chiamo), e decidiamo che è quella giusta per noi.

10:20 Arriviamo al villaggio mentre il sole sta sorgendo. Il termometro dell'auto segna -8°, ma non ci lasciamo intimorire: siamo coperti come Inuit, niente ci fa paura. Scendiamo in paese, ci beviamo un caffé, poi passiamo all'Ente Turistico per chiedere da dove parte il sentiero. La signora ci spiega che dobbiamo arrivare dietro al complesso alberghiero denominato "Albarella", e li troviamo l'inizio del sentiero.


11:35 Come pelandroni finalmente siamo pronti per partire. Gamasce su, ciaspole su, bastoni pronti.


Partenza. Il sentiero è battuto dal gatto delle nevi, e centinaia di piedi sono passati prima di noi. E' talmente ben marcato che è impossibile perdersi. Saliamo tenendo la costa sinistra della montagna.


Non ostante la bassa temperatura, il sole scalda, e possiamo alleggerire il vestiario. Il famoso vento di San Bernardino per intanto non si è fatto sentire.


Salendo incontriamo diversi gitanti che scendono. Decisamente sono partiti prima di noi, e hanno già fatto il percorso completo.


Sotto di noi si stende il villaggio, iniziamo a vedere anche la diga.

13:30 Arriviamo all'ospizio del passo.


L'ospizio è chiuso, ma vi sono due signore presenti. Chiediamo loro il permesso di mangiare il nostro panino nella cucina, per ripararci dal vento che qui ha iniziato a soffiare. Ci danno il permesso, e così ci godiamo il nostro pasto al riparo, e in piacevole compagnia. Ci informano anche che ci sarà una salita al chiar di luna in gennaio, con panettonata e vin brulé all'ospizio. Rita ed io decidiamo che è il caso di partecipare.

14:15 Ripartiamo. Dobbiamo infilare tutto ciò che abbiamo, compresi i sottoguanti termici, perché il vento è davvero gelido!! Camminiamo sulla piana del laghetto del passo, completamente coperto dalla neve.


La discesa è agevole, questa volta siamo sul lato destro della valle, ed il sentiero segue sostanzialmente il percorso della strada carrozzabile del passo. Ci divertiamo a fare un po' di "fuori pista" per verificare come tengano le ciaspole sulla neve fresca: tutto bene, divertimento assicurato.



Mentre scendiamo il sole si nasconde già dietro la catena montuosa che delimita la valle Calanca, ma per fortuna la temperatura non scende immediatamente.


15:30 Arriviamo nuovamente al villaggio. The caldo e fetta di torta prima di scendere a Bellinzona. Passeggiata splendida, non impegnativa, adatta a dei principanti come noi. Tra l'altro deve essere molto piacevole anche in estate...

Se vuoi vedere tutte le foto della passeggiata (non che ci sia qualcosa di speciale), clicka qui.


Condividi post

Repost 0
Published by UpTheHill - in Mesolcina - ciaspole
scrivi un commento

commenti

Parole chiave

Geolocalizzazione: Svizzera, Ticino, Sopraceneri, Sottoceneri, Leventina, Bedretto, Blenio, Riviera, Mesolcina, Calanca, Maggia, Verzasca, Onsernone, Muggio, Bellinzonese, Locarnese, Luganese, Mendrisiotto 

 

Interessi: trekking, escursioni, passeggiate, foto, natura, rifugi, capanne, flora, fauna, laghi

 

Percorsi: forestale, sentiero, transumanza, valico, passo, bocchetta, ganna