Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Mi Presento

  • : Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • : Diari di viaggio delle passeggiate prevalentemente sulle montagne del Ticino, con foto e testo. Articoli tematici e links utili per la pianificazione di una escursione. Trekking ed escursionismo per tutti.
  • Contatti

Scrivimi

Puoi mandarmi un mail a questo indirizzo: upthehill chiocciolina gmx punto ch

Cerca Nel Blog

Archivio

Feedelissimo

Ticino Top - classifica blog e siti ticinesi

25 gennaio 2009 7 25 /01 /gennaio /2009 22:00

Percorso effettuato: San Bernardino villaggio (Q1650), lago Doss, alpe Pian Doss (Q1735), Acubona, San Bernardino villaggio.

Difficoltà: sentiero T1 / WT1.

Dislivello: 250 metri.

Lunghezza del percorso: 8 Km.

Sforzo equivalente: 11 Km.

Durata (incluse le pause): 3.5 ore.

Laura e Fiorenzo ci hanno chiesto di accompagnarli nella loro prima uscita con le ciaspole, in modo da rendersi conto se fanno al caso loro. Rita ed io discutiamo la meta: deve essere qualcosa di facile, non pericoloso, ma che nello stesso tempo dia soddisfazione e permetta loro di valutare se questo tipo di passeggiata sia o meno di loro gradimento. Decidamo di portarli a San Bernardino, prendendo in considerazione due varianti: fino al passo come abbiamo già fatto il 28.12.2008, oppure fare il giro che facciamo normalmente in estate passando dall'alpe Pian Doss. Scelta da effettuare sul posto in funzione della meteo e del vento.

12:00 Arrivati a San Bernardino alle 11:00, ci siamo imboscati immediatamente in un ristorante per il caffé di rito. La giornata è soleggiata, e non troppo fredda, ma il vento colpisce come uno staffile. Così decidiamo per il giro corto, passando dal lago Doss, Pian Doss, Acubona e nuovamente San Bernardino. La preparazione è un po' laboriosa, ma finalmente siamo pronti per partire.


Ci incamminiamo verso la pista di pattinaggio, per passare il ponticello e portarci fino all'inizio del percorso Vita. Arrivati alla pista, prima fermata: le signore devono cambiare equipaggiamento, risistemarsi, e quant'altro.


Fiorenzo ed io continuiamo fino all'inizio del percorso Vita, e aspettiamo. E aspettiamo. E aspettiamo. Finalmente arrivano le signore, le quali hanno già calzato le ciaspole, non ostante si possa percorrere il sentiero con gli scarponi senza problemi.

12:15 Saliamo lungo il sentiero pedonale che porta alla strada cantonale, e mi diverto a guardare le signore attraversare la strada con le ciaspole: mmmmh, sembrano volare a 10 centimetri da terra...


Adesso siamo sul sentiero che ci porterà al lago Doss (appena sopra, a dire il vero). A sud appaiono le prime nuvole, ma nello stesso tempo il vento cala. E' talmente largo che tempo ci sia un casello per il pagamento del pedaggio alla fine... Sembra proprio un'autostrada.


12:35 Certo che più che una pista, qui parliamo di un'autostrada... e ben frequentata, anche.


12:40 Arriviamo al bivio che porta verso il lago oppure all'alpe. Svoltiamo a sinistra, e iniziamo a salire. Via vai continuo di gente: e io ingenuo che pensavo saremmo stati gli unici a salire all'alpe.

13:00 Arriviamo all'alpe. Avevo pensato di fermarci a pranzare al tavolo esterno della latteria, ma i miei piani vengono sconfitti da alcuni cartelli, il primo dei quali dice "No picnic self-service", per continuare con "Affitto sedie a sdraio 10 franchi" e per terminare con il pentolone della polenta ed il vin-brulé. Decisamente gli "agriturismi" si occupano di mucche da mungere anche in inverno, non solo in estate.


Così tiriamo dritti fino al cartello del sentiero, e li, in piedi, ci beviamo il nostro passato di verdura preparato da Rita al mattino, e ci mangiamo il panino.



13:30 Dopo la meritata pausa, anche Fiorenzo ed io calziamo le ciaspole, dato che a partire da qui il percorso ci porterà finalmente nella neve fresca. Nel frattempo il cielo ha iniziato a velarsi pesantemente, e sono contento di non aver scelto il percorso fino al passo. Il pizzo Uccello si staglia netto davanti a noi, carico di neve.


Ci rimettiamo in moto verso Acubona: la neve inizia ad essere soffice, segno che questo tratto non è percorso da così tanti piedi come il sentiero precedente. Davanti a me si stende il segno evidente dell'intervento dell'uomo sul paesaggio: la linea ad alta tensione, sotto la quale siamo costretti a camminare in questo tratto, udendo un continuo ronzio sopra di noi.


14:10 Siamo alla stazione di monte dello scilift di pian Cales, e continuiamo dritti lungo il versante della montagna. Adesso ci si comincia a divertire veramente, di qui non è passato praticamente nessuno prima di noi. La camminata si fa più impegnativa, ed arriviamo alla baita che segna Acubona, zona di pascolo estivo per le mucche.



Dato che non possiamo invadere la pista di sci che scende in paese, continuiamo dritti verso il pizzo Uccello restando sotto il gruppo de la Lumbreida. Il pianoro dove in estate veniamo accolti da campanacci si presenta come uno spettacolare prato di neve, e non ostante le ciaspole si sprofonda di diversi centimetri.


14:40 Foto ricordo prima di iniziare la discesa.

 
La discesa segue sostanzialmente il sentiero che da Acubona porta al villaggio, ma noi non lo seguiremo fino in fondo, dato che lo stesso passerebbe attraverso le piste da sci. Questo significa che potremo divertirci un po' nella neve fresca.


Davanti a noi le cime del Trii Oman.


14:55 Finalmente eccoci nella neve fresca. La pendenza è forte, ma le ciaspole tengono benissimo. Tra scivolate, surfate, sprofondamenti e ruzzoloni arriviamo all'impianto di risalita per i bambini.



15:30 Siamo nuovamente al parcheggio dell'ostello di San Bernardino, e dopo aver sistemato in auto armi e bagagli, indovina cosa facciamo? Si, the e fetta di torta, prima di rientrare a casa.

Se tutto va bene, domenica prossima uscita in ciaspole con il gruppo Why Not, anche se non so ancora la destinazione. Laura e Fiorenzo sono rimasti soddisfatti di quest'uscita, e questo ci rincuora. D'altronde il giro non è impegnativo, e sicuramente è adatto a chi vuole fare un po' di road-test delle racchette da neve. Ma domenica prossima, si comincia a fare sul serio.


Se vuoi vedere tutte le foto della passeggiata (non che ci sia qualcosa di speciale), clicka qui.

Condividi post

Repost 0
Published by UpTheHill - in Mesolcina - ciaspole
scrivi un commento

commenti

Alex 04/27/2009 17:02

Proprio carino.

Parole chiave

Geolocalizzazione: Svizzera, Ticino, Sopraceneri, Sottoceneri, Leventina, Bedretto, Blenio, Riviera, Mesolcina, Calanca, Maggia, Verzasca, Onsernone, Muggio, Bellinzonese, Locarnese, Luganese, Mendrisiotto 

 

Interessi: trekking, escursioni, passeggiate, foto, natura, rifugi, capanne, flora, fauna, laghi

 

Percorsi: forestale, sentiero, transumanza, valico, passo, bocchetta, ganna