Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Mi Presento

  • : Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • : Diari di viaggio delle passeggiate prevalentemente sulle montagne del Ticino, con foto e testo. Articoli tematici e links utili per la pianificazione di una escursione. Trekking ed escursionismo per tutti.
  • Contatti

Scrivimi

Puoi mandarmi un mail a questo indirizzo: upthehill chiocciolina gmx punto ch

Cerca Nel Blog

Archivio

Feedelissimo

Ticino Top - classifica blog e siti ticinesi

11 marzo 2011 5 11 /03 /marzo /2011 11:34



Percorso effettuato: Riva San Vitale (Q279) - Alpe di Brusino (Q671) - Serpiano (Q640) - Crocifisso (Q670) - Meride (Q588) - Riva San Vitale.

Difficoltà: T1 e T2.

Dislivello: 820 metri.

Lunghezza del percorso: 15 chilometri.

Sforzo equivalente: 24 chilometri.

Durata (incluse le pause): 5.75 ore.

Riferimenti: "Il comune di Riva San Vitale" su Wikipedia, "Il battistero di San Giovanni" su Wikipedia, "Il monte San Giorgio" su Wikipedia.

La primavera la devi cercare ben prima che si sia palesata. Inizia in modo subdolo, un fiore qui, una gemma là, e se non fai attenzione, non te ne accorgi. Ed un giorno ti svegli, e attorno a te è tutto fiorito, e ti chiedi "ma quando è iniziato?". Il San Giorgio per questo esercizio è un'ottima zona: bassa, diverse parti ben esposte al sole, e offre diversi itinerari interessanti, che non portano necessariamente sulla cima. Tenuto conto che su versanti Nord la neve è ancora presente a partire da Q900 circa, Rita ed io decidiamo per questo giro, per verificare a che punto stiamo con la sinfonia delle stagioni.

10:00 Arriviamo a Riva San Vitale, e iniziamo subito con un caffé. Poi ci spostiamo al battistero di San Giovanni, il più antico manufatto religioso conservato per intero (è datato del VI secolo, vedi il riferimento sopra). Ci colpisce la sua semplicità, la mancanza di sfarzo che si svilupperà nel Basso Medioevo.

2011.03.10-San-Giorgio 9056
Vasca battesimale monolitica (dal greco "mono" = uno, unico e "lithos" = pietra), pochi addobbi. La pianta è ottagonale, come pure il supporto della vasca. Dato che ci siamo, visitiamo anche la chiesa annessa.

2011.03.10-San-Giorgio 9060
10:40 Percorriamo tutto l'abitato: il sentiero dovrebbe iniziare da qualche parte lungo la strada che porta a Brusino Arsizio. Preoccupato, sul cartello giallo in paese non ho visto l'indicazione che cercavo... Tra il mio DVD dei sentieri e la cartina Quadraconcept ci sono delle discrepanze, potrebbe anche darsi che in realtà il sentiero non esista. L'aria è sporca di calligine, la visibilità non è quella che avrei desiderato. Passiamo sotto il tempio di Santa Croce, e usciamo dall'abitato.

2011.03.10-San-Giorgio 9066
10:55 Percorriamo più di un chilometro, e segni del sentiero non ce ne sono. Abbiamo deciso che se non dovessimo trovarlo, continuiamo fino a Brusino, per prendere la teleferica che sale a Serpiano. Poi, davanti a me una curva a destra, e stradina che sale a sinistra. Il mio naso (che non è piccolo) mi dice che potremmo esserci...

2011.03.10-San-Giorgio 9070
In effetti al bivio, a sinistra, troviamo il cartello giallo che ci dice "siete giusti".

2011.03.10-San-Giorgio 9071
Imbocchiamo la forestale asfaltata. Poco sopra un signore sta tagliando legna, per sicurezza (sono paranoico, io), gli chiedo se siamo giusti per Serpiano. Ci guarda stralunato, e ci informa che si, la strada è giusta, ma Serpiano è mooooolto lontano. Non commento, va bene così. Intanto lungo i bordi della strada piccoli indizii ci fanno capire che la primavera ha già attraversato la soglia.

2011.03.10-San-Giorgio 9073
Primule a tutto spiano (te le risparmio, non so quante ne ho fotografate, le trovi nell'album), ma anche fiorellini di altro tipo (Rita a casa proverà poi a identificarli).

2011.03.10-San-Giorgio 9085
Poco oltre il punto in cui abbiamo incontrato il signore, un bel cartello giallo ci dice che finalmente si inizia il sentiero nel bosco. Lo imbocchiamo, ed iniziamo la salita, ben ripida a dire il vero.

11:20 Abbiamo entrambi un piccolo buco nello stomaco, io poiché non faccio colazione, Rita dato che sono passate diverse ore da quando l'ha fatta. Una specie di panchina ci invita ad una breve sosta. Visibilità verso il lago praticamente zero, la vegetazione nasconde tutto.

2011.03.10-San-Giorgio 9082
Mezzo cornetto integrale con riga di cioccolata nera (mi sembra di averlo già scritto da qualche parte), thé caldo, e siamo pronti per rimetterci in cammino. Il bosco qui è composto prevalentemente di castagno, la foglia ancora abbastanza abbondante. Il sentiero percorre tratti quasi piani, per fare poi salti altimetrici con pendenza decisa, seguendo i contrafforti del San Giorgio, che resta nascosto sopra di noi, a sinistra. L'ambiente è molto secco, si vede che è da molto che non piove. Un segno sonoro però ci conferma che l'abbiamo trovata, la primavera: nel bosco canti di augelli... In inverno è tutto silenzioso, al massimo senti qualche corvide gracchiare. Ora invece, i nostri amici pennuti hanno iniziato i vari rituali, e si fanno sentire.

12:20 Abbiamo iniziato a girare verso Brusino. Di fronte a noi un castagno con masso: non capiamo se sia cresciuto a ridosso, oppure se abbia fermato il masso caduto dopo il suo sviluppo.

2011.03.10-San-Giorgio 9092
In uno dei pochi squarci di vegetazione riesco a riprendere il lago.

2011.03.10-San-Giorgio 9093
Testa bassa nelle salite, capisco che ci stiamo alzando guardando le foglie per terra. Se prima era tutto castagno, ora ci sono diverse foglie di faggio, e qualche betulla. Ad occhio e croce direi che siamo a Q600. Il sentiero in alcuni tratti è impegnativo, stretto, digradante a destra, coperto da foglia abbondante. Richiede cautela, e concentrazione. Interessante, ad ogni modo: poter stabilire approssimativamente la quota dalla foglia per terra... Ci devo pensare. Adoro questi sentieri nei boschi, soprattutto quando non c'è nessuno in giro. Con la fantasia corro, come quando ero bambino, e giocavo inventando luoghi e situazioni. E qui potrei essere un pellegrino, o un viandante, o un mercante che porta merci da un borgo ad un altro, o un soldato di ventura che ritorna alla sua casa dopo cento battaglie e mille ferite. I miei passi si uniscono alla storia di centinaia di persone che hanno già percorso questi tratti, e il soffio della loro memoria viene colto, immagini che rivivono nella mia mente di cose che forse sono state, che forse saranno nuovamente.

12:45 Abbiamo percorso gran parte del tratto esposto a Nord, fiori pochini. Un'ulteriore curva lungo i fianchi della montagna ci porta ad un sentiero ben più spianato, e soprattutto ci dona finalmente il silenzio: fino a qui ci aveva accompagnati il rumore continuo dell'autostrada. Ora finalmente il rumore è scomparso.

2011.03.10-San-Giorgio 9097
Il bosco si è diradato di molto, il castagno è praticamente scomparso, e siamo accompagnati dal faggio, pianta che può crescere assai, e che di conseguenza ha bisogno di spazio tutt'attorno. Il sentiero è appena una traccia, le marche sono sbiadite e quasi non si vedono più. La foglia nasconde il percorso, sentiero ben poco battuto, ma Rita guida in modo sicuro, leggendo i pochi indizi sul terreno in modo corretto. Sulla nostra destra, tra la vegetazione, intravvedo l'Arbostora, Morcote, Vico Morcote, ma rinuncio all'uso della macchina: foschia e vegetazione non sono buoni compagni di scatto.

13:10 Rita è scomparsa davanti a me (siamo in salita), ma la curva della montagna mostra che c'è un cambiamento di pendenza importante. Inoltre vengo colpito da un venticello di cresta: penso che ci sono quasi. In effetti poco sopra il terreno si spiana.

2011.03.10-San-Giorgio 9102
Siamo arrivati all'alpe di Brusino. Un grotto (chiuso) ci mette a disposizione tavolo e sedie per il pranzo (se è da un po' che mi segui, ti lascio indovinare il menu). Mangiamo accanto ad un castagno imponente, deve essere vecchissimo, orami cavo al suo interno.

2011.03.10-San-Giorgio 9111
Poco sopra suo fratello, anche lui vuoto. Nel prato accanto al nostro tavolo, foglie che fanno pensare ai mughetti, primule, e ranuncoli vari.

2011.03.10-San-Giorgio 9108
Tutt'attorno quiete, Dalla terrazza panoramica, nella foschia si intravvede il San Salvatore.

2011.03.10-San-Giorgio 9105
13:40 Sparecchiamo, puliamo bene tutto per non lasciare tracce indesiderate del nostro passaggio, raccogliamo le bricciole per gli uccellini, e ci mettiamo in moto in direzione di Serpiano.

2011.03.10-San-Giorgio 9115
Il sentiero si è trasformato in una bella forestale, comoda e agevole. Non ostante il sole, ci copriamo: effetto digestione. In una nicchia scavata nella roccia, una madonnina accompagna il viandante.

2011.03.10-San-Giorgio 9119
E riappaiono i fiorellini...

2011.03.10-San-Giorgio 9122
Ad un bivio il sentiero si stacca dalla forestale, che poco dopo diventa carrozzabile, e ci porta a seguirne il percorso ma una decina di metri più in alto.

2011.03.10-San-Giorgio 9123
Arriviamo sopra la casa di cura di Serpiano, che resta in basso rispetto al nostro percorso. L'idea era di fermarsi per il caffé, ma credevo ci saremmo arrivati direttamente. Decidiamo di lasciar stare, e bercelo a Meride. Il sentiero svolta verso Sud, e adesso si vede l'effetto dell'esposizione al sole. I bordi del sentiero, ed il terreno sotto le piante diventano un tappeto di fiorellini di tutti i tipi. Qualche insetto già all'opera...

2011.03.10-San-Giorgio 9132
..e farfalle. Un tipo giallo, che non si lascia fotografare volentieri...

2011.03.10-San-Giorgio 9137
...mentre le vanesse (penso) splancano le ali per riscaldarsi.

2011.03.10-San-Giorgio 9145
Percorriamo questo tratto di sentiero più bello del tappeto rosso che percorrono gli artisti al festival di Cannes. Attorno a noi un tripudio di gialli, di viola, azzurri, bianchi. Colori da cogliere con l'occhio, ma non con la mano. Passo leggero, l'occhio che volge a sinistra e destra. Anche una breve deviazione per un punto panoramico, che si rivela una perdita di tempo. Se non ci fosse la foschia ci sarebbe una vista splendida sul golfo di Lugano, e dietro il Bar, il Garzirola, il Camoghé, il pizzo di Claro. Invece si vede appena appena Melide, e si immagina Lugano.

14:35 Il sentiero ci ha condotti a Crocifisso. Da qui lo conosciamo, lo abbiamo percorso durante il giro del Poncione d'Arzo dell'anno scorso.

2011.03.10-San-Giorgio 9146
Attraversiamo la strada, riprendiamo il sentiero che porta verso il Poncione, e poche decine di metri sopra svoltiamo a sinistra per scendere verso Meride. Terminato il tratto nel bosco ci si apre davanti una piccola pianura, con tanto di camino di una fornace.

2011.03.10-San-Giorgio 9150
15:00 Non abbiamo ancora incontrato anima viva lungo il percorso. Arriviamo a Fontana. In una fattoria, nel recinto una ventina di capretti, già allontanati dalle loro mamme. Sono destinati al sacrificio pasquale :-(

2011.03.10-San-Giorgio 9160
Vengono verso di noi senza paura per farsi accarezzare, muovendo il codino per la felicità. E' una cosa che non capisco: perché la festa della rinascita, la festa della vita debba essere celebrata con la carneficina e l'uccisione di questi animali? Tradizione mi dici? Già, ma ai tempi in cui questa tradizione è nata, la carne la vedevi due volte all'anno, se avevi fortuna: a Natale e Pasqua. E il fatto che mangiassero il capretto, pieno di cartilagini, poca carne, che devi arrostire in chili di burro per renderla accettabile, ti dice come se la passavano, allora. Oggi abbiamo carne sul tavolo tutti i giorni. Le tradizioni si possono anche cambiare...

Da Fontana seguiamo la strada asfaltata che in breve ci porta a Meride, passando per l'oratorio posto fuori paese, a pianta quadrata ma con il centro ottagonale, come il battistero di Riva San Vitale.

2011.03.10-San-Giorgio 9164
Da qui in un attimo si arriva. Meride è un paesino delizioso, posto su di un terrazzo con esposizione al sole ottimale. Centro artistico da secoli, ha mantenuto la sua identità nel tempo.

2011.03.10-San-Giorgio 9169
15:10 Pausa caffé, ci voleva, Ci infiliamo nella solita osteria (ci veniamo una volta all'anno, oramai siamo degli abituée), la temperatura è gradevole e restiamo all'esterno, sotto il pergolato. Poi via nuovamente lungo le viuzze, visita alla chiesa, e foto ad alcuni manufatti come un portone lavorato, fontana, e quant'altro.

2011.03.10-San-Giorgio 9181
Sento sempre di più la mancanza di un obiettivo tuttofare, non mi piace cambiare continuamente dallo zoom al grandangolo, ho sempre paura di sporcare il sensore, lo specchio, le lenti. Per cui tengo lo zoom (se c'è un animale non ho tempo di cambiare dal grandangolo allo zoom, mentre i paesaggi tendono a restare fermi), ma il compleanno si avvicina, ed una vocina mi ha detto che potrebbe arrivare un 18-200 :-)

15:30 Appena fuori Meride il paesaggio si apre verso il Generoso ed il Mendrisiotto. Angolo splendido, tutto curato, amore per le cose e per la terra.

2011.03.10-San-Giorgio 9183
Nei giardini fiori coltivati, ma non per questo meno belli.

2011.03.10-San-Giorgio 9185
Arrivati alla seconda cappelletta la strada si ritrasforma in sentiero. E orami è tornato il rumore di fondo della "civiltà", camion e auto che corrono lungo l'autostrada, che qui passa in una gola piuttosto stretta, per cui il rumore rimbomba tutt'attorno.

2011.03.10-San-Giorgio 9186
In compenso sono tornati gli uccellini, che durante la salita verso l'alpe di Brusino si erano zittiti. Scendendo passiamo un punto in cui la roccia mostra la sua stratificazione, passaggio pieno di fascino.

2011.03.10-San-Giorgio 9190
16:00 Siamo in fondo al sentiero, sbarrato da questa parte. Boh, sopra non c'era nessun divieto. Sté cose io non le capisco mica.

2011.03.10-San-Giorgio 9193
Siamo ancora alti sopra Riva San Vitale, e la foschia sembra essersi diradata un pochino. Provo a fare una panoramica.

2011.03.10-San-Giorgio 9195
Poi, lungo la stradina asfaltata, giù fino in paese. Arriviamo nella zona del battistero, e ripercorriamo la strada del mattino per arrivare al parcheggio. Ultima foto ad un gallo che cura le sue galline. Non appena si accorge che ci siamo fermati per guardarle, viene verso di noi gonfiando il collo e sbattendo le ali, per farci capire che li comanda lui.

2011.03.10-San-Giorgio 9204
16:20 Siamo al parcheggio. Mentre noi facevamo il nostro giretto, gli operai hanno terminato di smontare il capannone del carnevale montato li vicino. Veloci, non c'è che dire...

Ecco il profilo altimetrico dell'escursione. Nella lunghezza manca il circa 1.5 chilometri dal punto di arrivo al punto di partenza, per cui la lunghezza effettiva è di circa 15 chilometri.

Profilo
Clicka qui se vuoi vedere tutte le foto dell'escursione (non che ci sia qualcosa di speciale).

Condividi post

Repost 0

commenti

Greg 03/15/2011 08:49


Ciao Nino!

Che bel giro!! Finalmente si respira aria di primavera...fiorellini e farfalle!!!


UpTheHill 03/18/2011 15:19



Verissimo, oggi ci sono 24°C, penso che i tuoi amici siano fuori a crogiolarsi...


UpTheHill



Parole chiave

Geolocalizzazione: Svizzera, Ticino, Sopraceneri, Sottoceneri, Leventina, Bedretto, Blenio, Riviera, Mesolcina, Calanca, Maggia, Verzasca, Onsernone, Muggio, Bellinzonese, Locarnese, Luganese, Mendrisiotto 

 

Interessi: trekking, escursioni, passeggiate, foto, natura, rifugi, capanne, flora, fauna, laghi

 

Percorsi: forestale, sentiero, transumanza, valico, passo, bocchetta, ganna