Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Mi Presento

  • : Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • : Diari di viaggio delle passeggiate prevalentemente sulle montagne del Ticino, con foto e testo. Articoli tematici e links utili per la pianificazione di una escursione. Trekking ed escursionismo per tutti.
  • Contatti

Scrivimi

Puoi mandarmi un mail a questo indirizzo: upthehill chiocciolina gmx punto ch

Cerca Nel Blog

Archivio

Feedelissimo

Ticino Top - classifica blog e siti ticinesi

24 gennaio 2011 1 24 /01 /gennaio /2011 16:09



Percorso effettuato: Campo Blenio (Q1216) - Ronco di Gualdo (Q1573) - capanna Bovarina (Q1870) - alpe Pradasca (Q1420) - Ronco di Gualdo - Campo Blenio.

Difficoltà: WT2 / T2.

Dislivello: 940 metri.

Lunghezza del percorso: 13 chilometri.

Sforzo equivalente: 22.5 chilometri.

Durata (incluse le pause): 6 ore.

Riferimenti capanna Bovarina UTOE.

Mi sa che quest'anno la stagione ciaspolante sarà corta... Da Bellinzona la neve la si vede quasi solo con il binocolo, mentre l'anno scorso di questo periodo ce n'era una caterva. Telefonicamente Pier ed io discutiamo la situazione, si decide per la Bovarina, che essendo abbastanza in quota, dovrebbe permettere di salire con le racchette. Inoltre la capanna offre un locale invernale aperto, con stufa economica e una a gas a pagamento, per cui per il pranzo saremo al riparo.

09:50 Dopo la solita fermata caffé al ristorante Posta ad Olivone, dove la signora ci ha riconosciuti immediatamente, e salutati con un bel "Heilà giovanotti...", Arriviamo a Campo Blenio, e sistemiamo l'auto nello spiazzo delle piste da sci. La giornata, non ostante i -4°C, si preannuncia di quelle da incorniciare. Sguardo verso la nostra meta...

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8538
...e verso l'alpe Camadra.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8539
Risaliamo fino all'attacco delle piste di sci, dove sono stati marcati dei percorsi per le ciaspole, ognuno debitamente numerato. Non so quale sia il nostro numero di percorso, ma non mi preoccupo, alla Bovarina ormai ci posso arrivare ad occhi chiusi.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8553
La neve è bella compatta, con crosta ghiacciata portante. Calzo le ciaspole per superare la pendenza che aggira le piste di sci, e conduce direttamente alla forestale per Ronco di Gualdo appena sopra il paese. Appena raggiunta la forestale, tolgo le racchette, tanto si cammina più in fretta senza. Appena superata la prima curva, come settimana scorsa, biscione umano di ciaspolatori davanti a noi.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8555
Inizia ad essere difficile trovare un percorso da meditazione...

10:30 Salendo siamo usciti dal cono d'ombra del Rossetto, e sotto di noi si può ammirare Campo Blenio che inizia a vedere l'alba.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8559
Saliamo senza problemi, la pendenza è adatta ai veicoli. Adagio adagio raggiungiamo il serpentone davanti a noi, senza mai superarlo.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8563
10:45 Passata Orsaira, inizio ad intravvedere la prima meta di oggi: una baita, dietro la quale, a poche centinaia di metri, si trova la capanna.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8568
11:00 Eccoi al ponte d'Orsaira. Subito dopo il sentiero inizia a salire nel bosco, tagliando diritto verso Ronco di Gualdo.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8571
I miei compagni se la sono fatta tutta con le ciaspole, io senza. Ciò non ostante (o forse proprio per questo) sono riuscito a mantenere il loro passo anche in salita.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8572
Sul ponte mi fermo a rimirare gli splendidi giochi d'acqua e ghiaccio. Mi sovvengo delle parole di Eru, ne "Il Silmarillion", quando spiega ai Valar che Morgoth, per quanto possa cercare di addugiare il creato, in realtà ne esalta ancor di più la bellezza.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8575
L'acqua mi affascina sempre, in tutte le sue forme. E l'acqua modella la roccia, e da essa ne viene modellata.

Subito dopo il ponte informo la combricola che salirò lungo la forestale. Penso che dato che la pendenza è minore, dovrei arrivare assieme a loro. Salendo nel bosco invece, temo di restare indietro come al solito.

11:25 In effetti siamo arrivati quasi assieme. E' consuetudine fare una breve sosta qui, a Ronco di Gualdo, e fotografare la parete della baita con appesa una imitazione di un corno delle alpi. Propongo la foto alla mia relfex, la quale disgustata mi sputa in un occhio. Così mi accontento delle montagne che contornano il Luzzone.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8581
11:45 Ripartiti, arriviamo in un attimo al ponticello che riscavalca il fiume Orsaira. Mi avvicino, e il mio stomaco subisce una strizza da vertigini. Il passaggio sulla neve è stretto, il parapetto lo posso dimenticare dato che è al livello dei miei piedi. Mi faccio coraggio, e passo come un funambolo, con le braccia aperte.

Subito dopo inizia la salita nuda e cruda per la Bovarina. Decido di tentare, e lasciare le ciaspole nella loro custodia (pesano sulle spalle, devo dire). La neve porta bene. Mi ricordo di due o tre passaggi impegnativi, deciderò al momento cosa fare.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8590
Intanto il serpentone lo abbiamo perso completamente: a Ronco di Gualdo hanno preso a sinistra, e sono saliti verso l'alpe Pradasca. Adesso siamo soli, e mi gusto il silenzio tutt'attorno, tanto più che ciaspole o non ciaspole, Pier, Danila e Rita stanno salendo con la loro solità velocità autostradale, mentre io arranco miseramente.

12:20 I punti impegnativi sono riuscito a superarli senza tirar fuori le racchette. Il piede non sprofonda, e passetto dopo passetto mi innalzo. Ad un certo punto (ormai manca poco), un raggio di luce illumina il percorso: qualcuno mi sta attendendo.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8596
12:30 Ecco il marcatore d'arrivo: la famosa baita, così distante alle 10:00, e così prossima ora.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8598
Sotto di me, l'alpe Pradasca, e mi sembra che il serpentone sia arrivato a destinazione.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8606
12:40 Ultimi metri di salita, curva a sinistra, leggera discesa, leggera salita, ed ecco apparire la Bovarina, in spolverio invernale.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8608
L'ultima volta che vi ero passato era il 31.07.2010, tornando dal "Sentiero degli Stambecchi"... Piazziamo le ciaspole ad asciugare, togliamo gli scarponi al pianterreno, dove ci sono ciabatte per tutti, e saliamo al referttorio al primo piano. I tavoli quasi tutti occupati, il locale caldo (qualcuno ha anche pernottato). Pausa pranzo, con panino, due mandarini, thé caldo.

13:30 Usciamo, e complici una brezza in discesa dall'alpe Bovarina e l'avvio della digestione, veniamo colti da un attacco di freddo. Su tutto per coprirsi, sembriamo dei pinguini. Poi ci incamminiamo lungo la canalina di salita, che quest'anno ha poca neve, e la maggior parte del pendio ha già scaricato.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8613
Un saluto alla Bovarina...

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8616
...e via senza ciaspole. Qui la neve è meno portante, probabilmente a causa dell'esposizione al sole. Tuttavia tengo duro, e tengo il peso in spalla.

13:45 Arrivati al bivio, invece di continuare dritti verso l'alpe Bovarina, scolliniamo a sinistra, per accorciare la strada. In alto la zona del passo di Gana Negra, splendido in estate e in inverno.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8619
La neve è diventata decisamente soffice. Che faccio? Boh, provo il mio passo Shaolin, quello che non dovrebbe lasciare segno del passaggio. E' una roba mentale, penso, ma intanto funziona, e riesco a non sprofondare. Subito dopo la cresta, il sentiero scende ripido verso un gruppo di tre casette. Ho un bel numero di scarpe, magari funzionano come alternativa alle ciaspole?

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8620
Funzionano!! Riesco a fare telemarking... Non tutti i mali vengono per nuocere. Subito dopo le casette riprendiamo il sentiero, tiene bene tanto è stato battuto. Il vento ci sferza ancora, facendo abbassare la temperatura percepita di un buon 10 gradi.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8621
Passaggio e paesaggio di quelli che ti restano nel cuore...

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8628
Iniziamo la discesa, faccio il gradasso e mi porto in testa. Lavorando di tacco riesco a scendere ad una velocità impressionante, senza perdere l'equilibrio. Decisamente i miei scarponi sono meglio delle racchette da neve. Forse da Ghirone mi stanno osservando...

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8631
14:25 Alpe Pradasca. I ciaspolatori del mattino non ci sono più, probabilmente sono già rientrati. Oltre i tetti delle stalle, il Sosto ci osserva.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8640
14:45 Il sentiero nel bosco orami è agevole, largo e comodo. A questo punto inizio a rimpiangere di essermi caricato le ciaspole: potevo tranquillamente farne a meno. Un tre chiletti in meno sulle spalle non mi avrebbero fatto piangere. L'ultimo pezzo di discesa verso Ronco di Gualdo è nuovamente un po' più impegnativo, ma orami ho imparato come si fa, e scendo facendo ballare il sedere come una ballerina di can-can.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8651
Rita ad ogni modo ci ha surclassati tutti, e sta aspettano, schiena al vento per ripararsi.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8653
Bel gioco d'acqua e ghiaccio della fontana.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8659
15:20 Siamo ben avviati verso Campo Blenio, il sole si avvicina all'orizzonte, e la luce si fa più soffusa, quella che preferisco per le foto.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8667
Il Sosto dritto davanti a noi.

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8669
15:50 Nuovamente a Campo Blenio, il sole ormai tramontato (anche se abbiamo guadagnato un'oretta di luce dal solstizio d'inverno).

2011.01.23-Capanna-Bovarina 8672
Finalmente posso scaricare le ciaspole dalle spalle, mi sembra di essermi alzato di dieci centimetri. Mamma se pesano... Poi discesa ad Olivone, merenda, e ritonro a casa a orari potabili, le gote arrossate dal vento freddo e dal sole.

Questo è il profilo altimetrico da Campo Blenio a Ronco di Gualdo (e ritorno)....

Profilo1
E questo il profilo dell'anello Ronco - Bovarina - alpe Pradasca - Ronco.

Profilo2
Clicka qui se vuoi vedere tutte le foto dell'escursione (non che ci sia qualcosa di speciale).

Condividi post

Repost 0
Published by UpTheHill - in Blenio - ciaspole
scrivi un commento

commenti

Renzo 01/26/2011 09:43


Bel racconto come sempre, grazie! Noi ci siamo andati al 2 gennaio, c'era un vento glaciale. Anche al San Bernardino ci siamo stati quest'inverno, in Valcolla (Scareglia - Moncucco), al Bigorio...
per forza prima o poi ci incontreremo su una cima o l'altra.


UpTheHill 01/26/2011 15:12



Ciao Renzo,


con il vento il posto deve essere abominevole... E si, spero di incotrare te e la tua signora prima o poi. Altrimenti organizziamo un'uscita assieme come l'anno scorso.



Parole chiave

Geolocalizzazione: Svizzera, Ticino, Sopraceneri, Sottoceneri, Leventina, Bedretto, Blenio, Riviera, Mesolcina, Calanca, Maggia, Verzasca, Onsernone, Muggio, Bellinzonese, Locarnese, Luganese, Mendrisiotto 

 

Interessi: trekking, escursioni, passeggiate, foto, natura, rifugi, capanne, flora, fauna, laghi

 

Percorsi: forestale, sentiero, transumanza, valico, passo, bocchetta, ganna