Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Mi Presento

  • : Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • : Diari di viaggio delle passeggiate prevalentemente sulle montagne del Ticino, con foto e testo. Articoli tematici e links utili per la pianificazione di una escursione. Trekking ed escursionismo per tutti.
  • Contatti

Scrivimi

Puoi mandarmi un mail a questo indirizzo: upthehill chiocciolina gmx punto ch

Cerca Nel Blog

Archivio

Feedelissimo

Ticino Top - classifica blog e siti ticinesi

22 marzo 2010 1 22 /03 /marzo /2010 20:35



Percorso effettuato: Campo Blenio (Q1216) - Ponte Orsàira (Q1465) - Ronco di Gualdo (Q1573) - capanna Bovarina (Q1870) - alpe Bovarina (Q2008) - alpe Pradasco (Q1742) - Ronco di Gualdo - Campo Blenio.

Difficoltà: sentiero WT2. 

Dislivello: 860 metri.

Lunghezza del percorso: 13 chilometri.

Sforzo equivalente: 22 chilometri.

Durata (incluse le pause): 9 ore.

Riferimenti capanna Bovarina, UTOE

In Ticino, il giorno di San Giuseppe è festivo, quest'anno di venerdi. A questo aggiungi che la meteo era annunciata buona, mentre sarebbe peggiorata di molto durante il fine settimana. Poi aggiungi il fatto che è da un anno che vorrei salire alla capanna Bovarina, ma che l'anno scorso il pericolo valanghe era sempre troppo alto, mentre per venerdi era annunciato due su cinque, e puoi ben capire quale sia stata la meta di questa escursione.

Mando gli inviti per l'escursione, e Laura ed Enrico (con la sua cagnolina Billie) si annunciano dei nostri. Bisogna anche aprofittare del fatto che ormai siamo agli sgoccioli con le escursioni con le ciaspole, dato che la temperatura sta salendo rapidamente, e ne è caduta meno che l'anno scorso.

09:45 Siamo pronti alla partenza. Ce la siamo presi comoda, tanto ho calcolato tre ore per arrivare alla capanna, e due orette per la discesa. E c'è luce quasi fino alle 19:00. La meteo è veramente splendida, il sole non è ancora sorto, nascondendosi dietro il Sosto che domina Campo Blenio. Foto di gruppo alla partenza.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 1775
Saliamo decisi seguendo i bordi della pista di sci, ci sono anche i cartelli del tracciato dei sentieri per le ciaspole. Cielo terso e nitido, temperatura già gradevole per il periodo, tutto preannuncia una giornata con i fiocchi. Dall'altra parte della valle, le montagne che portano fino all'Adula.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 1787
Saliamo deecisi, per portarci fuori dalla pista e imboccare la forestale, coperta di neve, che passa da Orsera e porta fino a Ronco di Gualdo. La pendenza iniziale è decisa, e in breve dobbiamo allegerirci di diversi strati per non finire vaporizzati.

10:30 Ci siamo già innalzati bene, e sotto di noi possiamo godere della vista di Campo Blenio. Davanti a noi uno dei vari insediamenti presenti nella valleta che porta verso l'alpe Bovarina.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 1811
Ma soprattutto, bianco e azzurro, entrabi immacolati.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 1821
La pista è segnata, ma meno profonda di quanto immaginassi, segno che non è così frequentata. Uno dei timori era che avremmo incontrato frotte di escursionisti come domenica scorsa al monte Bar. Per intanto, nessuno. Enrico, secondo il quale siamo partiti un po' tardi, scherza affermando che sono già tutti alla capanna ad attenderci. Meglio così, penso, almeno avranno scaldato l'ambiente.

11:00 Tranquilli tranquilli continuiamo il nostro percorso, per arrivare ad Orsera, bell'insediamento piazzato su di una terrazza naturale che domina la valletta. Tante casette e rustici ben tenute, e abbondante uso di legno.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 1846
Fin qui siamo saliti senza ciaspole: la neve portava bene, e non si sprofondava. Ma qui la situazione cambia. Breve sosta per spachettare le racchette da neve e calzarle, poi via di nuovo, sempre seguendo il tracciato della forestale. Zona pianeggiante, di ampio respiro, si procede bene.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 1849
E un sorbo, unica macchia rossa tra il bianco e l'azzurro.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 1855
11:15 Arriviamo al ponte. Il fiume sembra essere stato addolcito con strati di panna montata da parte di un pasticciere che non ha lesinato con le quantità.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 1859
Appena pasato il ponte tagliamo per il bosco, accorciando così la strada, ed aumentando la pendenza. Ahia. Enrico e Rita partono alla stambeccoide veloce, Laura ed io restiamo indietro. Li fotografo un'ultima volta, caso mai...

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 1865
11:40 Il gruppo si è ricompattato a Ronco di Gualdo, e decidiamo di fare una pausa cornetto - cioccolata - thé. Silenzio ovunque, non abbiamo ancora incontrato anima viva. L'insediamento è delizioso, praticamente tutte le case sono in legno, e uniscono l'antico del corno delle alpi al moderno dell'antenna parabolica satellitare.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 1885
11:55 Pausa terminata, ripartiamo prendendo la salita verso destra.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 1887
Passiamo a monte del ponte in legno, talmente carico di neve da farci temere che possa crollare se gli aggiungiamo il nostro peso, e guadiamo nel punto più stretto.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 1889
Da qui si inizia la salita dura e pura, 300 metri che portano alla capanna. Il percorso di salita è ben tracciato, non ci sono dubbi o problemi su quale strada seguire. Ma la pendenza... In alcuni punti neanche le ciaspole riescono quasi a tenere, e si tende a slittare all'indietro. Intanto, là dietro, appare l'Adula, con i suoi passa 3400 metri, e il Sosto in primo piano.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 1899
12:50 Gà semm quasi. In alto il bosco si apre, vediamo il rustico posto poco sotto la capanna, e Rita che ci fa segno: siamo sulla strada giusta.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 1906
Ultimo sforzo, e arriviamo anche noi due sul pianoro dove siamo attesi.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 1909
Giriamo l'angolo, e davanti a noi appare la capanna. Mmmmh, neanche un filo di fumo. Dov'è andata tutta le gente di cui parlava Enrico?

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 1940
13:10 Siamo alla capanna. Depongo il sacco, mi guardo indietro, e rimango meravigliato dallo spettacolo delle cime. Parto lungo il breve canale che porta verso l'alpe Bovarina, cambio obiettivo, e metto il grandangolo.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 1952
Nel frattempo Enrico e le ragazze hanno preso possesso della capanna, vuota. Inseriamo la corrente, Rita accende la stufa economica, e ci prepariamo per la pappa. Pausa lunga, due ore... Si discute quale via prendere per la discesa. Ci sono due varianti: la prima scendere per la stessa strada dalla quale siamo venuti, la seconda prevede di salire ancora fino all'alpe Bovarina, e da li prendere la forestale che porta appena sotto l'alpe Pradasca, per congiungersi nuovamente a Ronco di Gualdo. Mentre discutiamo arrivano due conoscenti di Enrico, che ci informano di essere saliti per questa seconda via, molto bella e panoramica. Olé, alea jacta est: si decide per la salita verso l'alpe Bovarina. Chiudiamo la capanna, disinseriamo la corrente, e ci prepariamo.

15:10 Già, salita. Ma bisogna passare il canale. Quando siamo arrivati in capanna presentava cosi:

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 1942
Adesso, invece, si presenta così:

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 1960
E' il momento più caldo della giornata, e sembrerebbe esserci un terzo punto in cui potrebbe staccarsi una slavina. Non sono grosse, ma abbastanza da farti cadere, e magari farti male. Partiamo decisi, 50 metri tra l'uno e l'altro, e saliamo veloci: sono circa 300 metri lineari da percorrere il più velocemente possibile, in salita, con l'aggiramento delle due slavine in fuori pista.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 1969
Passiamo le slavine, e tra le due, in alto, si vede una bella fessura orizzontale di almeno 30 metri di lunghezza che promette poco di buono.

15:25 Tutti in salvo. Percorriamo ancora un centinaio di metri, e dietro di noi sentiamo il rombo della terza slavina... Scampato pericolo. Poi lo sguardo punta verso il basso, e rimango incantato dalla gentilezza della neve, che ha formato un letto tutt'attorno ad un germoglio, ma senza coprirlo.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 1974
Alzando lo sguardo, invece, vedo il pianoro dell'alpe Bovarina, e la valle che porta verso la chiosa di montagne con il passo della Gana Negra che porta al passo del Lucomagno. Paesaggio bellissimo, è amore a prima vista.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 1981
Rita ed io ci guardiamo negli occhi, e ognuno vi legge la stessa cosa, senza bisogno di proferire parola: "Di qui ci passiamo". Dietro di noi la diga del Luzzone, che dà accesso al piano della Greina, altra zona paradisiaca. Mi sto innamorando sempre più della valle di Blenio.

16:00 Percorriamo buona parte del pianoro dell'alpe, sempre in leggera salita, fino ad arrivare allo stallaggio dell'alpe. Enrico ci attende pazientemente con Billie...

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 2002
...mentre Rita e Laura se la prendono comoda.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 2005
Breve sosta thé, poi iniziamo (purtroppo) la discesa.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 2018
La luce inizia dolcemente a scemare, e qualche nuvola foriera del brutto tempo di sabato e domenica ha deciso di portarsi avanti con il lavoro, ed è arrivata fin qui.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 2022
Questo versante è decisamente meno frequentato, e la traccia non è sempre evidente. Ma non è un problema, la neve tiene bene in quasi tutti i punti, e non vediamo segni passati o imminenti di slavine. Scendiamo con la vista quasi continua sulla diga del Luzzone.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 2026
16:40 Abbiamo passato la capanna e la valletta (sull'altra sponda) e ci stiamo avvicinando all'alpe Pradasca. Qui si inizia il fuori pista, dato che di traccia non se ne vede. Ed è tutta una goduria, essere il primo a lasciare il segno.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 2035
17:00 Siamo sotto l'alpe Pradasca, ed il sentiero si è congiunto con la forestale che scende a Ronco di Gualdo. La luce diminuisce ulteriormente, complici le cime sovrastanti, ma per intanto nessun problema. La discesa si fa meno intensa, a parte alcuni piccoli passaggi che richiedono un attimo di attenzione.

17:15 Sotto di noi compare Ronco di Gualdo.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 2071
E un ultimo sguardo al pizzo Rossetto (dove eravamo stati il 28.09.2008) prima che scompaia nascosto dal versante.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 2078
Da qui riprendiamo la stessa strada del mattino: discesa nel bosco fino a ponte...

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 2082
...poi lungo la forestale fino a Campo Blenio.

18:40 Eccoci giunti, ormai quasi al buio.

2010.03.19-Bovarina-con-le-ciaspole 2101
Enrico è profondamente dispiaciuto di essere già arrivato: è una vita che si porta le frontali con se, avrebbe voluto fare una parte della discesa utilizzandole, ma siamo stati troppo veloci.

Impacchettiamo tutto quando, poi via per un meritato caffé, e i congedi. Enrico, che era stato nominato capogita, non ostante le sue ritrosie, viene ringraziato per la disponibilità, la gentilezza, e la calma con la quale ci ha accompagnati (ha un passo con il quale avrebbe potuto lasciarci nella polvere [di neve] tutti quanti), senza mai sbuffare per la nostra lentezza ed imbranatura...

Non riesco ad immaginare un regalo più bello per la festa del papà: una giornata splendida, di silenzio, sole, neve, roccia e cielo, e la bella compagnia di Rita, Laura ed Enrico.

Ecco il profilo altimetrico da Campo Blenio a Ronco di Gualdo (andata e ritorno).

Profilo1Mentre questo è il profilo altimetrico dell'anello da Ronco di Gualdo alla capanna Bovarina, alpe Bovarina, alpe Pradasca, Ronco di Gualdo.

Profilo2
Clicka qu se vuoi vedere tutte le foto dell'escursione (non che ci sia qualcosa di speciale).

Condividi post

Repost 0
Published by UpTheHill - in Blenio - ciaspole
scrivi un commento

commenti

greg 03/23/2010 16:46


Ciao Nino!
Splendidi paesaggi!!
Mi sembra che state diventando temerari...slavine, il maltempo che si avvicina e il buoi che avvanza verso la fine della camminata...
Ma comunque so che sei prudente!!
Greg


UpTheHill 03/23/2010 18:36


Ciao Grégoire,

tra una vipera e l'altra (stavo per scrivere "atra") ti posso solo suggerire di farne anche tu, che ami così tanto la natura, di escursioni di questo tipo. E' vero che a quelle quote i tuoi amici
di sicuro non sono ancora usciti, ma magari una volpe in livrea invernale ci scappa...

Buone uscite anche a te, penso che ormai sei pronto con l'apparecchio fotografico.

UpTheHill


Parole chiave

Geolocalizzazione: Svizzera, Ticino, Sopraceneri, Sottoceneri, Leventina, Bedretto, Blenio, Riviera, Mesolcina, Calanca, Maggia, Verzasca, Onsernone, Muggio, Bellinzonese, Locarnese, Luganese, Mendrisiotto 

 

Interessi: trekking, escursioni, passeggiate, foto, natura, rifugi, capanne, flora, fauna, laghi

 

Percorsi: forestale, sentiero, transumanza, valico, passo, bocchetta, ganna