Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Mi Presento

  • : Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • : Diari di viaggio delle passeggiate prevalentemente sulle montagne del Ticino, con foto e testo. Articoli tematici e links utili per la pianificazione di una escursione. Trekking ed escursionismo per tutti.
  • Contatti

Scrivimi

Puoi mandarmi un mail a questo indirizzo: upthehill chiocciolina gmx punto ch

Cerca Nel Blog

Archivio

Feedelissimo

Ticino Top - classifica blog e siti ticinesi

6 settembre 2010 1 06 /09 /settembre /2010 17:43



Percorso effettuato: passo del San Gottardo (Q2050) - diga del lago Lucendro (Q2078) - lago della Valletta (Q2468) - lago d'Orsirora (Q2444) - lago d'Orsino (Q2286) - cassina di Giacobbe (Q2157) - passo del San Gottardo.

Difficoltà: sentiero T2.

Dislivello: 650 metri.

Lunghezza del percorso: 12 chilometri.

Sforzo equivalente: circa 19 chilometri.

Durata (incluse le pause): 5.50 ore.

Riferimenti: serie dei "Laghetti alpini della Svizzera Italiana", "Il ridotto nazionale" su Wikipedia, il passo del San Gottardo su Wikipedia, la locomotiva "Coccodrillo" su Wikipedia.

Da diverso tempo avevamo promesso a Marco ed Ivan, rispettivamente a Massimo, Helen, Elia e Alessia di portartli con noi per una escursione. Marco ed Ivan già sottoposti a test, sappiamo quanto tengono. Incognita per Massimo e famiglia. Così cerchiamo una escursione bella e non troppo impegnativa, e la scelta cade sui laghetti del Lucendro, con partenza dal passo del San Gottardo. Quasi all'ultimo momento si unisce anche Laura.

Questo passo viene chiamato "La via delle genti", ma la cosa è relativamente recente. Nel Medioevo si preferivano il San Bernardino, il Lucomagno (utilizzato ad esempio da Federico II, detto il Barbarossa, per andare a Legnano a combattere la Lega Lombarda), e il Gran San Bernardo. Il passo del San Gottardo, soprattutto nela parte urana, è impervio e coperto da neve per buona parte dell'anno. La fama attuale gli viene dopo la metà del 1800, quando i primi servizi postali regolari durante la bella stagione permettevano di mettere in contatto la Svizzera Interna con il sud delle alpi in tempi minori (ma pur sempre giorni, non ore). La costruzione del traforo ferroviario alla fine del 1800 segnò il successo di questa via: era possibile andare da Bellinzona a Berna in meno di una giornata. L'apertura della galleria stradale nel 1980 ha poi fatto il resto...

Il massiccio alpino è stato teatro anche della strategia militare svizzera durante la II guerra mondiale. Il generale Guisan, temendo una invasione sui due fronti (dalla Germania e dall'italia) aveva preparato un piano di ritirata delle truppe svizzere che prevedeva di cedere il territorio dell'Altopiano, e concentrare tutto all'interno di caverne prevalentemente nel massiccio del Gottardo. Furono costruiti chilometri di gallerie, feritoie, stanze, centri di comando, e in effetti buona parte dell'esercito venne dislocato all'interno di questo sistema difensivo, denominato "il ridotto nazionale". In pratica la popolazione, l'economia e le risorse industriali sarebbero state lasciate alla mercé dell'invasore, mentre i "veri svizzeri" (il governo, l'amministrazione federale ed i soldati) sarebbero stati al riparo. Oggi il ridotto non viene più utilizzato, e può essere visitato. Girando nella zona del Gottardo ti potrà capitare di vedere feritoie, porte e sistemi difensivi nella roccia viva: sono i resti di questa opera imponente, degna dei nani di Tolkien.

09:30 Dato che l'escursione non è lunga, facciamo i pigroni, e ci diamo appuntamento all'ospizio del passo, ristrutturato recentemente, per la seconda colazione. Arriviamo tutti in orario (cosa non scontata), e ci imboschiamo immediatamente.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6695
Uscito, mi studio il bel cartello giallo, e come al solito i piedi iniziano a trampignare: capanna Piansecco, Andermatt, Realp (ai piedi del passo della Furka) e tante altre località da raggiungere.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6697
10:10 Tutti pronti alla partenza, ci siamo spostati un po' più vicino. Foto di gruppo, anche se oggi non credo che correremo il rischio di perderci.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6709
Massimo si è caricato Alessia nel portabimbi, sono almeno 12 chili in più, mica uno scherzo... Davanti a noi vediamo lo sbarramento del lago del Lucendro: dobbiamo salire a destra per imboccare il sentiero che lo costeggia.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6713
Il primo tratto lo percorriamo su comodo sterrato, alzandoci progressivamente e dolcemente, permettendo così di riscaldare i muscoletti. Massimo, non ostante il peso che porta, è alla testa del gruppo, e vi rimarrà per tutta l'escursione: fisico degno di nota. Intanto la piana del passo si è abassata.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6717
10:40 Abbiamo superato il bivio che porta direttamente al lago d'Orsino, torneremo da quella via questo pomeriggio. Sotto di noi le acque del Lucendro.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6724
Anche qui il sentiero è agevole, largo, e non presenta difficoltà di sorta. Davanti a noi l'alpe Lucendro (da cui non passeremo), e sulla sinistra l'accesso alla valletta che porta al passo omonimo, posto sotto il pizzo Lucendro.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6727
Per la gioia dei bimbi, tunnel.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6729
Flora e fauna poca, ormai la stagione è molto avanzata. Però un piccolo colpo di fortuna mi capita... due al prezzo di uno :-)

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6735
11:00 Bivio. Dritti si arriva all'alpe, a destra inizia la salita.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6738
Ben visibile dinnanzi a noi, il pizzo Lucendro.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6746
E dietro il lago Lucendro.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6743
Fin qui sono arrivato bene, nel senso che non sono l'ultimo. Per cortesia lascio passare le signore che erano dietro di me, le quali non ricambiano il favore e partono, come se non esistessi.

11:35 Sembra che la parte più dura della salita sia passata. Guardando avanti mi sembra che il sentiero si spiani un po', e sono riuscito a non perdere completamente il contatto con il gruppo di testa. Ammiro Massimo, che sale come una vecchia locomotiva "Coccodrillo" del Gottardo, con il peso che ha sulle spalle (locomotiva mitica, guardati il link che ho messo nei riferimenti).

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6750
Dietro di me, intrigante, il percorso che porta al passo del Lucendro: lo controllo con il teleobiettivo, non dovrebbe essere troppo impegnativo. Discuto con Rita alla prima sosta, siamo d'accordo di metterlo nel carnet futuro.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6754
11:55 In effetti sembra che siamo arrivati ad un punto di culmine, il sentiero davanti a noi sale molto più lentamente. In basso una piccolissima piana, piena di eriofori (quelli che normalmente chiamo "cotton-fiocs"), indicanti la presenza di acqua.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6760
Il paesaggio è splendido: roccia verde (probabilmente lichene) e verde dell'erba.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6768
In questa zona abbiamo una serie di piccoli sali-scendi. Niente rumori, neanche il traffico del passo con i motârds che smanettano. Sembra di essere tornati indietro di decenni. Marco ed io camminiamo quasi appaiati, ed entrambi esprimiamo il sentimento che proviamo: su di un sentiero così, si potrebbe continuare a camminare per giorni.

12:15 Un'ultima salitella ci porta a superare una cresta, e sotto di noi si apre il primo dei laghetti di oggi: il Valletta.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6777
Scendiamo fino alle sue rive, e decidiamo di fermarmi per il pranzo: i bimbi hanno ritmi alimentari molto diversi da noi adulti, non è possibile farli marciare per molte ore senza fare il pieno. Ci mettiamo in ordine sparso, cercando di ripararci dal vento, non forte, ma pur sempre fastidioso. Mentre mangiamo passano alcune persone, tutte dal senso inverso.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6785
13:00 Siamo riusciti a chiudere il buco nello stomaco ai bimbi, ora di ripartire. Il sentiero risale sulla costa opposta, e ci porta lungo una piccola cresta verso i prossimi laghetti. Saluto al Valletta.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6793
Appena oltre la cresta, piccolo fratellino.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6794
Giriamo attorno al costone, ed eccone un altro.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6797
Ho l'impressione di essere nel carrello della "casa delle streghe" al luna-park, dove ogni pochi metri una luce, un rumore, un pupazzo hanno lo scopo di meravigliarti. Seguiamo questo binario tracciato con cura (il sentiero è marcato in modo eccellente), e dietro ogni angolo, un nuovo laghetto, tutti diversi, tutti belli.

13:20 Breve salita, e nuovo incanto.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6802
13:30 Su di nuovo, e in pochi minuti eccone un altro. Ormai ho perso il conto: sono quelli d'Orsirora, o ancora quelli del gruppo della Valletta? Sai una cosa? Non me ne frega niente, me li gusto uno per uno.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6811
Acque splendide...

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6817
13:40 Penso siamo arrivati al culmine del percorso, da qui inizia la discesa. Il primo tratto scende bene, Helen controlla Elia con perizia. Mi piazzo dietro di loro per dare una mano, caso mai ce ne fosse bisogno, ma sembra proprio che non sia necessario.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6838
Ed ecco il motivo per cui ho scelto di fare il giro in senso orario: questa roba qui, a farla in salita, a me mi fa morire.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6839
Appena terminata la parte dura della discesa, davanti a noi si splanca un ulteriore laghetto, credo il primo della serie d'Orsino, bello anche lui.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6840
13:55 Lo costeggiamo, usciamo da un piccolo promontorio, e vai che ce n'è un altro. Bellissimo, sembra di aver percorso il filo di una collana, con le perle infilate quasi a distanza regolare. Non tutte uguali, né per colore né per dimensione, ma tutte belle e naturali.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6843
Un dolce traverso lungo la parete di fondo ci porta a circumnavigare questo laghetto, fino che arriviamo sopra l'altra sponda, dove inizia la discesa.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6846
14:30 Siamo al punto di sfogo del laghetto: guardando indietro non si immagina che bellezza vi sia lassù in alto.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6853
Appena oltre ci si apre nuovamente la valle del passo del Gottardo. Il nostro sentiero gira a destra, per scendere deciso nel primo tratto fino ad una piccola chiusa.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6854
14:55 Siamo alla chiusa. Il corso che scende dal laghetto qui ha creato una bellissima cascata naturale, che sembra quasi artificiale.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6865
Scolliniamo, ed il sentiero corre lungo il fianco della montagna, quasi orizzontale.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6868
15:30 Nell'ultimo tratto il sentiero sale leggermente per portarsi all'altezza della carrozzabile del Lucendro. Da li iniziamo l'ultimo tratto di discesa, che ci riporta ai piedi della diga.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6875
E proprio davanti a noi, una probabile entrata del sistema fortificato del ridotto nazionale.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6876
Nel frattempo Massimo è arrivato al parcheggio, ha recuperto l'auto, ed è risalito fino qui per caricare anche Helene ed Elia. Ci diamo appuntamento ad Airolo, per un caffé e fetta di torta. Noi proseguiamo lungo la forestale, fino al parcheggio.

2010.09.05-Laghetti-del-Lucendro 6877
15:50 Arrivo per primo, poi alla spicciolata giungono Ivan, Marco, Rita e Laura. Tutti in auto, e via allegramente verso Airolo, dove ci attende una piacevole merenda.

Giro veramente stupendo, per niente faticoso. Senza i bambini si può fare tranquillamente in un quattro orette, roba da metterlo dentro per un pomeriggio in cui vogliamo fare i pigroni alla mattina.

Ecco il profilo altimetrico dal parcheggio fino al bivio del giro (due volte: andata e ritorno).

Profilo1
E il profilo altimetrico del giro vero e proprio.

Profilo2
Clicka qui se vuoi vedere tutte le foto dell'escursione (non che ci sia qualcosa di speciale).

Condividi post

Repost 0
Published by UpTheHill - in Leventina - trekking
scrivi un commento

commenti

Pietro 09/08/2010 17:15


Ciao Nino !!

accidenti !!! c'é mancato poco stavolta !!! ci siamo stati il giorno prima (sabato 4.9) con il solito gruppetto ... ed é stato magnifico !!! Peccato non avervi incrociato tra il mucchio di gente
che c'era !!! Sarà per la prossima volta ! Su GoogleHeart puoi vedere le mie foto ...

Prossima uscita 18.9 ai 2 passi dal Cadagno !!

Ciao ciao !!


UpTheHill 09/08/2010 17:38



Ciao Pietro,


se continuiamo così, ci vediamo piuttosto al prossimo corso CCS :-) Vado a vedermi le foto, magari imparo qualcosa. Buona escursione il 18, so dove andremo il 12, ma non ancora il 19.



Greg 09/07/2010 14:03


Ciao Nino,

ma quanti laghetti ci sono???
Splendido giro e belle foto!!
Questi paesaggi mi ricordano i tempi passati (in gioventù ;-) ) a far la guardia di tiro durante i corsi di ripetizione, disperso su qualche vetta e le notti, corte, passate in quei buchi scavati
nella roccia...
Greg


UpTheHill 09/08/2010 08:06



Ciao Grégoire,


in effetti ormai sei un vecchione... Davvero sei stato nel ridotto nazionale? Spero tu non soffra di claustrofobia, sennò deve essere terribile.



Parole chiave

Geolocalizzazione: Svizzera, Ticino, Sopraceneri, Sottoceneri, Leventina, Bedretto, Blenio, Riviera, Mesolcina, Calanca, Maggia, Verzasca, Onsernone, Muggio, Bellinzonese, Locarnese, Luganese, Mendrisiotto 

 

Interessi: trekking, escursioni, passeggiate, foto, natura, rifugi, capanne, flora, fauna, laghi

 

Percorsi: forestale, sentiero, transumanza, valico, passo, bocchetta, ganna