Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Mi Presento

  • : Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • : Diari di viaggio delle passeggiate prevalentemente sulle montagne del Ticino, con foto e testo. Articoli tematici e links utili per la pianificazione di una escursione. Trekking ed escursionismo per tutti.
  • Contatti

Scrivimi

Puoi mandarmi un mail a questo indirizzo: upthehill chiocciolina gmx punto ch

Cerca Nel Blog

Archivio

Feedelissimo

Ticino Top - classifica blog e siti ticinesi

9 agosto 2010 1 09 /08 /agosto /2010 10:00



Percorso effettuato: Pian Geirett (Q2012) - passo Uffiern (Q2628) - Sasso Lanzone (Q2826) - lago Retico (Q2372) - capanna Bovarina (Q1870) - Ronco di Gualdo (Q1573) - Campo Blenio (Q1216).

Difficoltà: da forestale T1 a sentiero alpino T4.

Dislivello: salita 1080 metri, discesa 1880 metri.

Lunghezza del percorso: 17 chilometri.

Sforzo equivalente: circa 32 chilometri.

Durata (incluse le pause): 10.5 ore.

Riferimenti: "Il sentiero degli stambecchi", capanna Bovarina, capanna Scaletta, serie "Laghetti alpini della Svizzera Italiana, lago Retico", "L'incanto della Greina, 14-15.08.2009", il sito delle escursioni di Andreas (in tedesco).

Ci sono dei nomi di percorso che già a sentirli ti fanno sognare. Pensa alla Route 66: ti immagini subito centinaia di chilometri di strade dritte, che passano per canyons e gole, da una costa all'altra degli Stati Uniti d'America. Ho sentito nominare il Sentiero degli Stambecchi per la prima volta due anni fa, quando avevo iniziato da poco l'attività escursionistica, e mi aveva colpito, entrando nel mio immaginario. Avevo letto il prospetto descrittivo (che trovi alla prima referenza), e mi ero preoccupato per il grado di difficoltà che presenta. L'anno scorso, quando avevamo pernottato alla capanna Scaletta, l'idea era di percorrerlo, ma guardando la parete di salita mi ero scoraggiato, e avevamo lasciato stare (per fortuna, con il senno del poi).

L'urgenza di metterlo negli scarponi è cresciuta con il passare del tempo, e finalmente mi viene un'idea brillante. Perché non chiedere ad Andreas, con il quale avevo fatto la Tamaro - Lema l'anno scorso, e che va per sentieri T5 e oltre in valle Bavona, di accompagnarmi? Gli scrivo, qualche problema organizzativo, poi tutto si aggiusta al meglio. Appuntamento per sabato 31.07.2010, alle 6:45 a casa mia, per salire assieme fino a Campo Blenio. Da li prendiamo il bus della Greina che porta a Pian Geirett, si arriva verso le 8:50, così abbiamo tutto il tempo per percorrerlo senza fretta. Rita è bloccata, non può unirsi a noi...

06:45 Sono in piedi da 45 minuti, sto per uscire in strada quando il telefono suona: è Andreas che ha dato un pattone alla sveglia (il giorno prima aveva percorso un T5+ in val Bavona, era rientrato alle 22:00). Niente problemi, controllo il foglietto con gli orari, c'è ancora un bus alle 10:00 a Ghirone. Ci diamo appuntamento da li ad un'oretta, per permettergli di rimettersi in piedi.

10:25 Eccoci a Pian Geirett, in cima alla valle Camadra, sopra Campo Blenio e Ghirone. Il resto dell'organizzazione ha funzionato bene, abbiamo piazzato l'auto a Campo Blenio così la riprendiamo li questo pomeriggio quando scenderemo dalla Bovarina. Abbiamo avuto anche il tempo per un caffé e cornetto ad Olivone, e mentre attendavamo il bus a Campo Blenio, abbiamo dato informazioni a diversi turisti. In basso vediamo la valle Camadra.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5851
E sopra di noi, sul versante opposto rispetto alla nostra salita, la capanna Scaletta.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5848
L'aria è tersa in un modo incredibile. Il vento che ha spazzato il cielo fino a stanotte ci ha lasciato un azzurro incredibile. Sono un uomo veramente fortunato: un compagno esperto, una giornata perfetta per questo percorso, la salute e la forza per fare la gita, e la fortuna di sapere di essere fortunato.

Ci avviamo con passo misurato lungo il pendio di salita, pendenza abbastanza decisa ma non mortale. Sono circa 600 metri fino al passo Uffiern, ho calcolato un due orette. Il paesaggio è ancora erboso in questa zona, ma cominciano a presentarsi le prime formazioni pietrose che troveremo in abbondanza in alto. Man mano che saliamo, la Scaletta sull'altro versante ci fa da misuratore di elevazione.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5857
Andreas, che ha un passo da gatto con gli stivali, è bravissimo, e tiene il mio ritmo, stando sempre davanti a me. La via è marcata in modo splendido, ogni 50-70 metri c'è una marca, un paletto, che danno la direzione. L'unica preoccupazione è il fatto che fino a pochi anni fa questo sentiero era classificato come T4, e dunque marcato bianco-blu-bianco. Poi, non so sulla base di quali criteri, lo hanno declassato a T3, rifacendo tutte le marche in bianco-rosso-bianco.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5862
Qua e là begli affiornamenti quarziferi, ma non cristallizzati.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5868
11:20 Il paesaggio inizia a cambiare, il prato lascia sempre più spazio alle rocce, e il paesaggio si fa sempre più forte.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5872
E mentre saliamo le montagne si stagliano con maggior vigore sullo sfondo blu di un cielo perfetto. Vedo la Scaletta, ormai sotto di noi, il sentiero di salita al passo della Greina che corre verso l'alto e destra, e le montagne che delimitano il piano della Greina.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5877
11:50 Ci siamo tirati bene verso l'alto, ma il passo ancora non lo si vede. Tre volte, guardando in alto, ho visto un paletto che mi ha fatto pensare che fossimo arrivati, e tre volte, raggiuntolo, ho dovuto costatare che la salita continuava ancora.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5879
Nel frattempo, verso Sud-Est, è apparso Sua Maestà (come dice Floriano), l'Adula.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5883
12:00 Arriviamo ad una lingua di neve, niente di drammatico.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5888
Il percorso è marcato, lo seguiamo senza problemi, la neve tiene bene il nostro peso. Qualche piccola difficoltà unicamente dall'altra parte, per aggirare sulla neve lo spuntone roccioso che vedi appena sopra il percorso.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5893
12:15 Prima cordina della giornata (ce ne saranno ancora molte più avanti). Andreas ne aprofitta per verificare la mia capacità di gestire la situazione. Gli ho detto che soffro di vertigini, non lo voglio prendere alla sprovvista. Per buona misura ha con se 15 metri di corda, come diceva Sam "non si sa mai...".

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5898
Test superato senza problemi, ormai inizio ad avere un po' di esperienza :-) Intanto la Scaletta si è abbassata bene sotto di noi, e questo è un buon segno.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5900
Guardando verso Sud, invece, mi si sbarrano gli occhi: posso vedere praticamente fino a Bellinzona. Là davanti, la piana tra Biasca e Bellinzona, dista almeno 35 chilometri.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5902
12:40 Siamo in pausa pranzo: Andreas si sbaffa due panini, io un po' di noccioline salate, ed una albicocca. Anche lui, come me, tiene il serbatoio piuttosto basso durante gli sforzi. Il paesaggio attorno è splendido.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5909
2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5912
A Est, la valle Carassina, che porta alla capanna Adula CAS, poi alla capanna Adula UTOE, e che dà accesso alla via di salita all'Adula.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5916
13:10 Terminata la pausa, si continua la salita. Forse stavolta ci siamo...

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5930
13:25 Pass Uffiern raggiunto. Questa era la parte facile del percorso (assieme alla discesa dal Retico).

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5938
Appena oltrepassato il passo, un mini-lago con rifugio.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5940
Poco sotto, il Lai Uffiern (lago Uffiern). Non è nella serie "Laghetti alpini della Svizzera Italiana", dato che è collocato nel canton Grigioni (il passo fa da confine tra Ticino e Grigioni), ma merita anche lui una visita.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5957
Ma quello che mi stupisce, è l'apertura dell'orizzonte. In tutte le direzioni ormai si iniziano a vedere cime, dalle alpi vallesane a quelle bernesi, dallo Scopi, sopra il passo del Lucomagno...

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5941
...riconoscibile per le sue grandi antenne dell'installazione militare, al Pizzo di Claro e cima del Gaggio, in zona Bellinzona.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5977
13:50 Ma la strada non è terminata. Affrontiamo la salita verso la cresta del Sasso Lanzone. Il terreno ormai è composto unicamente da roccia franata. Per intanto tengo ancora bene, e Andreas non deve preoccuparsi per me.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5960
Rallento la marcia fermandomi ogni pochi passi per riscattare le stesse fotografie ancora e ancora. Ho paura di perdere qualcosa, di non riuscire a imprimere un dettaglio, un particolare. Andreas, avezzo a questi spettacoli, non mi mette fretta.

14:05 Ultimo strappo per arrivare alla cresta. Mi sto godendo ogni passo, ogni sguardo. La temperatura è perfetta, non sudo neanche, il cielo è perfetto, la compagnia è perfetta, il paesaggio è perfetto, la giornata è perfetta.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5987
14:15 Ecco lassù il paletto che indica l'inizio della cresta vera e propria.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5996
Mi sono già fatto un paio di altre cordine, ogni volta un po' più impegnative.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5994
E finalmente vedo la cresta vera e propria. Lo stomaco sussulta.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 5997
Alla mia sinistra, 1500 metri di discesa libera, i primi 300 quasi verticali. A destra, solo 600 metri di discesa, tutti verticali.

14:30 Cresta.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-1 6001
Il cammino continua dritto davanti a me... Mi fermo, e mi guardo attorno. Esprimo ad Andreas la mia meraviglia, e mi accorgo che la voce mi si incrina, e lacrime di commozione e gioia mi sgorgano. Non avevo mai visto una cosa tanto meravigliosa. Cioè, nei documentari si, quando vedi quelle riprese fatte da in cima ad una montagna, tutt'attorno solo altre cime, il silenzio, il blu del cielo, il grigio della roccia ed il bianco della neve. Rimango senza fiato... Andreas rispetta in religioso silenzio questo momento così coinvolgente, e sconvolgente per me, e me lo lascia gustare fino in fondo. Poi mi obbliga a mettere via la macchina fotografica, per avere entrambe le mani libere.

15:15 Sono solo ottocento metri... Quasi tre quarti d'ora per percorrerli, pensavo non finissero più. Se Rita avesse visto come abbracciavo i sassi, sarebbe diventata gelosa. Sempre al limite dell'attacco di iperventilazione, il sentiero stretto stretto stretto, cordine in continuazione, parete verticale a destra. E Andreas... Andreas sempre un metro davanti a me, sopra, in cresta, calmo, uno sguardo per guidarmi, poche parole, sicuro, senza fretta. Io quattro o cinque passi, poi pausa per lasciar calare la respirazione, lui serafico, approvando con lo sguardo il mio operato. Avrà detto quattro parole in tutto il percorso, ma che guida!!! Sono un uomo fortunato, ad avere trovato un compagno così per condurmi in questo tratto: non avrei potuto desiderare di meglio. E a metà percorso, il coraggio di alzare gli occhi tutt'attorno, e di nuovo la voce che mi si incrina, e nuove lacrime agli occhi... 100, forse 150 chilometri di visibilità in tutte le direzioni. Vediamo il Monvisio, dietro a Torino, ed una montagna del canton Turgovia, in una spaccatura delle cime della Greina. Sono un uomo fortunato, e sono fortunato dato che so di esserlo. Terminata la cresta, mi sono riempito nuovamente gli occhi. E Andreas ha atteso paziente. Poi, inizia la discesa sul lato sinistro, con una bella cordina quasi verticale, circa 15 metri di dislivello. Fatti senza problemi. Andreas mi permette di riprendere la macchina fotografica...

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6006
La foto non rende giustizia... Davanti a me la lunga discesa che ci porterà al lago Retico. già si vede l'imbocco della valletta della capanna Bovarina, con il pizzo Rossetto (la prima cima conquistata :-), e il passo Cantonill.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6007
15:25 Non ostante il nome, di stambecchi non ne abbiamo visti. Però un selvatico, là in basso c'è. Probabilmente nota la nostra presenza, ma non si preoccupa. Scende dal sasso, muovendosi verso destra, e attraversa tranquillo la lingua di neve.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6008
Sotto di noi, Ghirone e l'accesso alla val Camadra (verso sinistra/basso), la diga del Luzzone (sinistra/alto), e Olivone (destra/alto).

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6016
15:30 Una marca che mostra il cambiamento di colorazione apportato pochi anni fa.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6018
E un altro selvatico...

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6019
Mi guardo indietro, e vedo il filo di cresta del Sasso Lanzone, e la discesa che abbiamo fatto per arrivare qui: il passo del Laghetto / Cadabi adesso mi sembra un gioco da ragazzi...

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6022
15:50 Ah, riappare il Luzzone, che adesso ci accompagnerà per buona parte del resto dell'escursione.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6027
Non ostante la difficoltà sia diminuita, il sentiero resta tuttavia impegnativo, sia per la pendenza, che per la continua presenza di sassi. Bisogna valutare bene ogni passo, per non prendere una storta. Sono molto soddisfatto degli scarponi nuovi, più rigidi lateralmente. Dato che ho già fatto due volte lo stiramento dei legamenti della caviglia destra, non ci tengo proprio a passare al famoso tre...

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6032
16:20 Stiamo pedalando sul percorso che ci porterà al lago Retico, ma mi sento stranito. Cerco di capire perché, poi intuisco: il corpo è qui, ma io sono rimasto lassù... Questo tratto è quasi routine, ormai, non mi dà problemi. Mi gusto il paesaggio con gli occhi, ma lo spirito... Lo spirito sta ancora guardando da lassù: ci siamo rimasti troppo poco, dovevo prendermi più tempo. Oppure tornarci, questa volta con Rita, e sempre con la guida di Andreas, non me la sento ancora di farla da solo. Rita invece non avrà problemi, è molto più stambecco di me. Andreas non sente i miei pensieri, e fila a velocità galattica verso l'ultimo dosso prima del Retico.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6039
16:30 Sotto di noi appare il lago Retico, altra metà della serie "Laghetti alpini della Svizzera Italiana". Anche su questo, come sul Canée, non metterò la croce fintanto che non ci saremo arrivati entrambi.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6046
17:10 Abbiamo fatto una breve pausa con vista sul laghetto, via una banana ed una albicocca. Poi giù fino alla sponda del lago, dove termina il sentiero di categoria T3 ed inizia quello di categoria T2. La luce inizia a diventare soffusa, il sole ormai è basso sull'orizzonte, e rende magico anche questo laghetto.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6065
17:20 Arriviamo alla piccola cresta che forma lo sbarramento di questo pianoro. Sotto di noi, la valletta della Bovarina. Siamo ancora alti, ci attendono 1'100 metri di discesa, ne abbiamo già fatti più 600. Le gambe reggono bene, meglio di quanto mi attendessi.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6078
Intavvedo la capanna Bovarina, prossima meta. La discesa ad ogni modo è sul pendente forte, e scendo con le ridotte. Mi dispiace tornare alla civiltà, sarei restato quassu ancora un poco, ma inzia ad essere tardi, e le giornate non sono più così lunghe come in giugno. L'Adula ed il Sosto ormai ci accompagnano costantemente.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6083
18:10 Discesa tranquilla, senza grosse difficoltà. L'unico problema è una mandria di mucche, diverse in mezzo al sentiero. Memore dei metodi di Danila con la mucca scozzese incontrata tra il San Lucio ed il Bar, vado deciso e con la voce le faccio spostare. Riesce benissimo, ho un futuro assicurato come mandriano.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6087
18:30 Siamo quasi alla quota della Bovarina. Sopra di me posso vedere il pendio disceso. Guardando così non si riesce ad immaginare quali meraviglie si nascondano là in alto.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6095
In questa zona guadiamo il corso d'acqua che scende dal Retico, e va ad alimentare il fiume Brenno, che percorre tutta la valle di Blenio. La luce comincia a diventare problematica per le foto, il sensore sbaglia il calcolo dei tempi, devo puntare sullo scuro, poi risalire per far si che capisca che non voglio fotografare il cielo chiaro.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6089
18:40 Il sentiero si è spianato, e una lunga curva ci porta verso la Bovarina, Sono riapparsi anche gli alberi. Il versante si eleva verso Ovest, ed il sentiero è piuttosto buio ormai. Niente problemi, ho la frontale nel sacco.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6098
18:40 Arrivati alla Bovarina, brutto orario. Stanno servendo la cena a 32 persone. Ci piazziamo all'esterno, il refettorio interno è pieno, ed il personale ci serve ugualmente caffé e bibite. Gentilissimi. Andreas è molto soddisfatto del percorso, io sono estasiato, ho bisogno di qualcuno a cui raccontare, non mi posso tenere dentro una cosa del genere, sennò rischio di scoppiare.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6099
19:10 Mezz'ora di pausa terminata. Ho calcolato che in tutto abbiamo fatto circa due ore di pause lungo il tracciato, per cui il tempo di percorrenza effettivo dovrebbe essere di circa 8.5 ore. Il Luzzone davanti a noi ci farà da guida per tutta la discesa, e lo vedremo alzarsi sempre più.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6102
19:25 Abbiamo passato l'attacco che porta direttamente all'alpe Pradasca, che avrei voluto percorrere il 28.09.2008, ma allora era chiuso per una frana causata dal maltempo di agosto. Poi vedo un cartello, e mi viene da ridere...

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6108
Ma voi, non sapete cosa ho fatto io oggi!!! Sentiero pericoloso? Mi accorgo che i parametri di valutazione delle escursioni stanno cambiando continuamente. Quello che ieri era difficile, oggi è medio, e ciò che era medio, oggi è facile. Devo fare attenzione a non sopravalutarmi, e iniziare a fare scemenze da incoscienza.

19:55 Arriviamo a Ronco di Gualdo. Non ho fotografato la baita con il corno delle alpi, sennò la macchina fotografica si mette a vomitare tante volte ha dovuto inquadrarla. Preferisco riprendere le montagne, orami indorate solo sulle cime.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6120
20:10 Ecco Orsàira. Al ponte, poche centinaia di metri prima, termina il tratto T2 e passiamo a T1 su asfalto. Da qui è routine domenicale arrivare a Campo Blenio.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6122
Andreas non crede che io sia veloce in piano. Per cafoneria, e per verificare lo stato delle gambe, decido di dargli una dimostrazione: meraviglia, dopo tutto questo percorso, il turbo si inserisce senza problemi, e comincio a passare alla terza, poi quarta, poi quinta, lasciandolo indietro in un attimo. Andreas si ricrede... Freno, rimetto le ridotte, e tengo il suo passo.

20:20 Due selvatici ci osservano da un prato sulla nostra sinistra.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6130
20:25 Posti già visti, fotografati, percorsi, ma c'è una gioia nuova nell'incontrarli ancora. Li vedo con occhio diverso, c'è il ricordo di quella cresta. Scendo e li guardo come se stessi tornando da loro per raccontare qualcosa, un amico che si desidera rivedere per farlo partecipe del proprio vissuto.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6133
20:45 Siamo quasi a Campo Blenio, ormai il tramonto sta terminando, ma decide di fare un ultimo gioco di prestigio, e trasformare il grigio in rosa.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6140
20:55 Al parcheggio. Che pedalata. Ho ancora la forza di premere il bottone dello scatto.

2010.07.31-Sentiero-degli-Stambecchi-parte-2 6146
22:00 Arriviamo a casa mia. Andreas è in Ticino da solo, l'ho invitato a cena. Rita ci accoglie con una signora cena, poi fuori in terrazza per il caffé, per contarsela su, per renderla partecipe e farle venire voglia di intrapprendere questo percorso anche lei. E' stata una giornata lunga, Andreas è stanco di ieri e di oggi, e ciò non ostante ci lasciamo solo dopo mezzanotte.

Grazie Andreas, è stato un privilegio, un onore ed una gioia poter essere accompagnato, guidato ed aiutato da te. Ho pianto dalla gioia e dalla commozione,  gustato ogni singolo passo fatto assieme, ogni panorama, discorso, e silenzio. Mi hai regalato uno dei giorni più belli della mia vita, e in cambio ti posso dire solo "GRAZIE", ben sapendo che è troppo poco.

Album fotografico 1: da Pian Geirett alla fine della cresta del Sasso Lanzone via Pass Uffiern.

Album fotografico 2: dalla discesa del Sasso Lanzone a Campo Blenio via lago Retico e Bovarina. 

Condividi post

Repost 0
Published by UpTheHill - in Blenio - trekking
scrivi un commento

commenti

Giuliana e Antonio 10/30/2011 14:30


Caro Nino ci siamo gustati il tuo racconto dalla prima all'ultima riga. Abbiamo immaginato tutta la tua soddisfazione e la tua emozione. Quanto alle lacrime di gioia, sono il dono più prezioso e
più raro che certi momenti della vita ci possono fare. Una giornata davvero indimenticabile!


UpTheHill 11/04/2011 20:26



Ciao Giuliana, ciao Antonio,


si, è stata una gita proprio speciale, e avete ragione, lacrime come queste alleggeriscono l'animo, lo depurano e lo liberano.


UpTheHill
www.montagnaticino.com



Jonathan 09/12/2010 10:38


L'ho fatto sabato 4 settembre con tempo non proprio bello..preso il pullman 8.18 e da pian geirett partito alle 8.40, a blenio sono arrivato alle 15.20 come hai fatto a metterci così tanto? 10 ore
e mezza?


UpTheHill 09/13/2010 21:50



Ciao Jonathan,


ho letto il tuo commento sui tempi di percorrenza del sentiero degli stambecchi. Prima di pubblicare la mia risposta, ti mando la mia presa di posizione, in modo che tu possa farmi avere il tuo
parere...


Dunque, per facilitare tutti i calcoli, diciamo che in tutto tu ci hai impiegato 7 ore. Tolgo un'ora di pausa (penso tu l'abbia fatta), per cui il tuo tempo di percorrenza è di circa 6 ore (forse
qualcosa di meno). Prima reazione: tanto di cappello, sei un centometrista alpino :-)


Per quanto riguarda me: il tempo totale è di 10.5 ore, ma devi togliere 2 ore circa di pause (45 minuti di pranzo salendo all'Uffiern, 30 minuti alla Bovarina, 3 altre pause di circa un quarto
d'ora). Per cui il tempo di percorrenza effettiva è di 8.5 ore.


Ci sono sempre 2.5 ore in più... Vediamo:


1) Io sono leeeeeeeento in salita (300 metri/ora). Immagino tu sia arrivato al passo Uffiern in 1.5 ore circa (400 metri/ora, forse anche di più), io ci ho impiegato un po' più di 2 ore --> e
qui abbiamo la prima mezz'ora.


2) Lento anche ad arrivare sulla cresta del Lanzone, avrò perso un altro quarto d'ora rispetto a te.


3) Cresta del Sasso Lanzone: presuppongo tu abbia impiegato circa 15 minuti per percorrere gli 800 metri di cresta. Io ci ho impiegato circa 45 minuti, per non morire di iperventilazione e/o
soffocato nel mio vomito da vertigini. Altra mezz'ora a tuo favore.


4) Discesa: dalla cordina di discesa, fino quasi al lago Retico, pendenza di discesa importante, lento. Se hai visto le foto, Andreas era avanti di quasi un Km rispetto a me. Non so bene, ma
direi che un altro 30 minuti lo abbiamo qui.


5) Discesa dal Retico alla Bovarina: anche qui, per me pendenza forte, per cui adagino adagino. Direi che hai guadagnato un'altra mezz'ora.


Sommando quando sopra, otteniamo circa 2 ore e 15 minuti. Direi che ci può stare...


Sono sempre così lento? No, in tedesco direi che sono un "Langstrecker", un chilometrista. A me piaciono e sono portato per i percorsi da lunghi a molto lunghi, con relativamente poco dislivello.
Ad esempio, mi sono fatto la Strada Alta della Leventina da Airolo a Cavagnago, 35 Km circa, 1600 in su, 1700 in giu, in circa 8 ore. Trovi le descrizioni qui:


1) Da Airolo ad Osco: http://www.montagnaticino.com/3-categorie-11515194.html


2) Da Osco a Cavagnago: http://www.montagnaticino.com/2-categorie-11515194.html


Da Bellinzona a Mesocco in circa 6.5 ore di marcia effettiva (04.12.2009).


Dall'alpe Croveggia (sopra Camorino) a Lugano in 8 ore (31.10.2009) incluse le pause.


Rita ti somiglia già molto di più, penso salga anche lei circa 400-450 metri/ora. Il sentiero degli stambecchi per Andreas, a farlo con me, deve essere stato un po' una noia, anche se non lo ha
mai dato a vedere.


Il fatto è che qui in Ticino non ci sono molti percorsi adatti alle mie caratteristiche, per cui vado in montagna, anche se per me salire e scendere è una pena. Sarei mooooolto più felice se
vivessi sull'altopiano svizzero-tedesco :-) L'importante, secondo me, e godere, apprezzare, vivere e gioire dei percorsi. Non mi sono mai posto il problema dei tempi di percorrenza, nella misura
in cui non diventano un rischio per la sicurezza (buio, ad esempio).


E chiaramente, con i tuoi ritmi, non ti inviterò a venire con me: moriresti di noia a metà strada :-)


Per intanto la smetto di romperti, ti auguro un'ottima settimana, mi farà piacere se vorrai rispondere a questa mia.


Buona montagna.



laura 08/21/2010 14:43


Fantastico Nino!


UpTheHill 08/22/2010 21:42



Ciao Laura,


grazie, spero che il tuo piede si sia rimesso in ordine, nel frattempo :-)



greg 08/10/2010 11:57


Ciao Nino!!
Cavoli!!! Hai fatto un giro da invidia!!!
Che paesaggi!!!
Greg


Pietro 08/10/2010 08:42


Ciao carissimo !!! dopo aver visto le foto e letto l'articolo, mi viene in m ente solo una parola: invidia, invidia nera !!! Quante volte la fantasia mi ha già portato su quel sentiero... ma la
realtà é ben diversa !!! Purtroppo non me la sento di andare oltre i T3 (con già qualche problema...) e ultimamente le ginocchia in discesa .... mi danno molto fastidio (menisco ??).
Pensa che lo stesso giorno dovevamo fare il giro della Greina ma poi visto la mancanza di partecipanti (sport club del mio lavoro), abbiamo lasciato perdere...
Cmq, ultimamente ci siamo fatti la val Verzasca e la Tamaro-Lema.

Che fate a ferragosto ? qualche giro facile ?

Ciao a presto !! Pietro


UpTheHill 08/10/2010 17:53



Ciao Pietro,


mi dispiace non abbiate fatto la Greina, me la ricordo dell'anno scorso, splendida, e per niente impegnativa. Ti auguro di riuscire a smuovere il sedere dei tuoi compagni di club.


Per Ferragosto non ho ancora pianificato niente, le previsioni meteo sono troppo instabili...


Buona montagna, e buone escursioni.



Parole chiave

Geolocalizzazione: Svizzera, Ticino, Sopraceneri, Sottoceneri, Leventina, Bedretto, Blenio, Riviera, Mesolcina, Calanca, Maggia, Verzasca, Onsernone, Muggio, Bellinzonese, Locarnese, Luganese, Mendrisiotto 

 

Interessi: trekking, escursioni, passeggiate, foto, natura, rifugi, capanne, flora, fauna, laghi

 

Percorsi: forestale, sentiero, transumanza, valico, passo, bocchetta, ganna