Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Mi Presento

  • : Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • : Diari di viaggio delle passeggiate prevalentemente sulle montagne del Ticino, con foto e testo. Articoli tematici e links utili per la pianificazione di una escursione. Trekking ed escursionismo per tutti.
  • Contatti

Scrivimi

Puoi mandarmi un mail a questo indirizzo: upthehill chiocciolina gmx punto ch

Cerca Nel Blog

Archivio

Feedelissimo

Ticino Top - classifica blog e siti ticinesi

29 aprile 2011 5 29 /04 /aprile /2011 09:15



Percorso effettuato: Bivio di Corippo (Q496) - Lavertezzo (Q545) - La Motta (Q615) - Brione (Q740) - Gerra (Q803) - Lorentino (Q813) - Frasco (Q885) - Sonogno (Q940)

Difficoltà del sentiero: T1

Dislivello: 740 metri.

Lunghezza del percorso: 16 Km

Sforzo equivalente: 24 Km

Durata (incluse le pause): 6.25 ore

Splendida valle Verzasca: valle dai molti volti, e un'anima rustica e forte. Stretta quasi a soffocarti nella parte bassa, con le vette che si innalzano praticamente in verticale, e gli alpeggi lassù, che ti rompi le gambe per arrivarci, e appena un po' più larga in alto, giusto quel tanto da farti fiatare. Chiusa tra la Leventina e la valle Maggia, diverse vallette laterali, misteriose, che ti chiedi dove ti portino. La roccia domina il paesaggio, sia quello naturale che quello lavorato dall'uomo. Poco legno, poca terra, valle di fame e di emigrazione. Ma le acque del fiume... Uno smeraldo intenso e trasparente, cantano lungo tutto il percorso. E' un fiume splendido, sassi lavorati e levigati, nivei e candidi. Un fiume che ti attrae per un tuffo, ma che esige rispetto, cautela e prudenza. Forti correnti ti portano via, e ogni anno l'elenco dei bagnanti morti in queste acque si allunga tragicamente.

Mi sono innamorato di questo sentiero percorrendolo il giorno del mio cinquantesimo compleanno, solo Rita ed io. Avevamo iniziato da poco la nostra attività escursionistica, indossavo per la prima volta i miei adorati pantaloni da trekking e la camicia (regalo di compleanno) che porto tutt'ora. Giornata splendida di maggio, nessuno lungo il sentiero, il fascino di questo percorso, la fetta di torta di mele a Sonogno. Da allora, per noi, è divenuta una classica che percorriamo almeno una volta all'anno. Questa volta con noi ci sono Marco, assieme a Ivan e Alice.

09:45 Pigri, pigri, pigri. Sono quasi le 10:00, e siamo pronti solo ora per partire. La meteo è sul variabile, ma già negli scorsi giorni si era sbagliata, niente piogge pomeridiane. Confidiamo nella buona sorte anche per oggi. Foto di gruppo alla partenza, sul ponte del Bivio di Corippo.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9693
Già passando il ponte possiamo ammirare lo smeraldo che ci accompagnerà durante tutto il percorso. Nota bene: le foto NON sono ritoccate, è proprio il suo colore.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9696
Passiamo il ponte, poi su lungo la strada asfaltata, e alla prima curva il cartello giallo che indica l'inizio del sentiero. Poche decine di metri, panchina, Ivan si mette a sedere. Dentro di me penso "qui si mette male". Strano, dato che Ivan è geneticamente uno stambecco, non ostante la giovane età viaggia che è un vero piacere.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9699
Per fortuna si tratta solo di una defaillance momentanea. Non ostante il percorso sia di quelli adatti alle mie caratteristiche, lascio Rita a guidare davanti, e mi metto in coda per assicurarmi di non perdere bimbi per strada: l'ufficio oggetti smarriti fa sempre storie per ridarceli... Il sentiero intanto inizia a scendere portandoci a poca distanza dal fiume. Mi riempio gli occhi di verde.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9705
Si cammina bene, la temperatura è gradevolissima, la vegetazione ci ripara dal sole. Il fiume qui canta abbastanza forte da sopraffare i rumori della strada carrozzabile posta sull'altro lato.

10:05 Lungo la via diversi edifici con muri a secco, molti riattati, alcuni ormai in abbandono. Stalle trasformate in abitazioni, con cura e amore, rispettando le tradizioni del luogo.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9715
Per fortuna che i bimbi viaggiano bene. Gli stop-and-go mi rompono le gambe molto di più delle salite.

10:20 Tra dolci sali-scendi siamo usciti dal bosco per passare un piccolo insediamento, per rituffarci nuovamente nel bosco. In uno dei rustici, forse una coppia di sposi novelli: un simbolo mi fa pensare a due cuori ed una capanna.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9720
Intanto davani a noi inizia a profilarsi Lavertezzo.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9721

10:35 Arriviamo al ponte a due gobbe di Lavertezzo. Dall'altra parte qualche pulman turistico e auto di persone salite fin quassù per ammirarlo. Noi invece ce lo siamo guadagnati con le nostre gambe.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9735
Mentre i bimbi fanno il pieno (il loro serbatoio è molto più piccolo del nostro) metto alla prova la mia resistenza alle vertigini, fotografando la splendida pozza posta proprio sotto.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9729
10:50 Mi tocca fare il sergente... Richiamo tutti all'ordine, sennò a Sonogno non ci arriviamo. Quando viaggio da solo faccio la prima pausa dopo 2-4 ore di cammino, mi resta un po' difficile abituarmi a questo ritmo spezzato. Ad ogni modo riesco a rimettere in marcia la truppa.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9736
11:05 Rimango continuamente indietro per fotografare il fiume (la vegetazione oggi non mi dà grandi soddisfazioni), poi arriviamo di fronte a Motta, dove due anni fa il sentiero era bloccato da una slavina imponente. Nel frattempo la neve si è sciolta, e qualcuno ha utilizzato il greto del fiume per fare esercizio.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9743
E appena a monte, di nuovo lo smeraldo...

2011.04.25-Valle-Verzasca 9745
Il sentiero in questo tratto è piuttosto largo, si marcia bene. Rita sempre davanti (orami lo percorriamo a occhi chiusi), Marco incantato anche lui.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9747
11:15 Capannina di Orgnana (una delle tre poste lungo la via): pausa. Ivan e Alice hanno ribisogno di fare il pieno. Se non ci fossero Rita e Marco, credo che li farei morire lungo la via, dato che il mio fabbisogno alimentare è molto più leggero. Ad ogni modo provvediamo a riempirli nuovamente.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9749
11:30 Poco oltre, uno degli splendidi spettacoli offerti da questa valle: due cascate poste a poca distanza tra di loro, che si rompono su di una piccola ganna, creando giochi d'acqua come una fontana rinascimentale. Metto il grandangolo, sparo un po' di foto, poi rimetto lo zoom, e via un'altra serie. Già solo questa meraviglia vale lo sforzo di tutta l'escursione.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9758
11:50 Arriviamo all'unico punto un po' pianeggiante della parte bassa della Verzasca, dopo aver passato Motta (che resta dall'altra parte del fiume).

2011.04.25-Valle-Verzasca 9767
Splendido alberello in mezzo al prato, non me lo ricordavo... Ma c'era le altre volte? E' la quarta volta che faccio questo percorso, mi presenta delle novità ad ogni passaggio.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9769
Poco più avanti Rita e Ivan mi fanno segno di avviciarmi silenziosamente. Ivan Hawkeye (Occhio di Falco) ha individuato due ramarri. Ti garantisco che deve avere una camera agli infrarossi negli occhi, perché anche quando mi ha indicato dove guardare, ci ho messo un buon mezzo minuto per individuarle.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9771
12:10 Siamo quasi a Ganne. Rientrati nel bosco, il fondo si è trasformato da roccioso a radicoso. Si inizia a salire per portarsi all'altezza del ponte stradale, il punto più pericoloso di tutto il percorso. Delle tricolor che non avevo mai visto mi addocchiano dal bordo del sentiero.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9779
12:20 Passato Ganne in un attimo arriviamo al ponte. Qui, dal sentiero si svolta a destra per attraversarlo. Non molto largo, senza marciapiede, curva stretta senza visibilità dall'altra parte, le auto che escono da un riparo valangare, c'è il rischio di venire assottigliati. Teniamo Ivan ed Alice in fila indiana per buona misura. In basso, smeraldo.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9787
Subito dopo il ponte scendiamo a sinistra, per riportarci a livello del fiume. Pericolo scampato.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9791
Davanti a noi la gola da cui scende la Verzasca, che aggireremo restando sulla destra.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9792
Questa è zona di salita, bisogna passare un promontorio che divide in due la valle. Ed essendo salita, rimango indietro non per chiudere la fila, ma perché gli altri mi surclassano, compresi Ivan e Alice. Mi consolo pensando che il sacco pesante l'ho preso io, ho lasciato quello leggero leggero a Rita, sarà per questo che è tanto più veloce di me. Ne aprofitto per guardarmi in giro, ancora qualche ciliegio selvatico in fiore.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9801
E l'acqua che gioca tra i sassi scendendo.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9802
Al termine di una scalinata non lunghissima, ma mortale, un'anima pia ha messo una fontanella. Faccio il pieno d'acqua, temo che i due litri non basteranno. L'acqua è deliziosa, fresca, saporita, naturale. Una vera squisitezza.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9809
13:00 Terminata la salita, davanti a noi si apre la parte alta della Verzasca. Si apre per modo di dire: un pelino più larga che la parte bassa, nel punto più ampio sarà si e non 500 metri. Il sentiero ci riconduce all'altezza del fiume, che qui è largo, e molto più tranquillo. Di fronte a noi Brione.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9817
I bimbi iniziano a sentire fame, non solo appetito. Dico loro di resistere, tra poco arriveremo alla seconda capannina, dove potremo fermarci.

13:10 Capannina di Alnasca raggiunta. Ci piazziamo al tavolone per il pic-nic. Guardo Ivan e Alice sbaffarsi due panini straimbottiti alla velocità della luce, poi cioccolata, frutta secca, e un pezzo di colomba artigianale che Rita ha portato con se. Se mangiassi tutta quella roba, non mi metterei più in moto, dopo. Loro invece, sembra che non se ne accorgano neanche. Ah, l'età....

2011.04.25-Valle-Verzasca 9825
13:45 Mi tocca nuovamente fare il sergente. Il postale parte alle 16:32 da Sonogno, e c'è ancora un bel po' di strada davanti a noi. E poi, se fosse aperto, vorrei fermarmi a Lorentino per un caffé. Anche stavolta riesco a far ripartire la carovana, penso che orami mi odieranno. In pochi minuti arriviamo ad Alnasca, splendido insediamento.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9833
Da qui il percorso è sostanzialmente all'aperto. Cappellini, crema solare, le gambe molli per il pasto, e il caldo che inizia a farsi sentire. Per fortuna la scorta d'acqua è ancora ad un buon livello. Sull'altra sponda, puzzle di colore tra larici e conifere. Belli adesso, meravigliosi in autunno, quando i larici sono gialli.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9837
14:05 Stiamo per iniziare l'aggiramento di Gerra.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9842
Il sentiero sale e scende continuamente, portandoci a livello del fiume, per risalire e aggirare qualche sporgenza rocciosa che bloccherebbe il cammino. L'anima della Verzasca si manifesta anche qui.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9845
Ponte con cascata, splendida anche questa.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9846
Poi l'ultima capannina, quella dove sarebbe più bello fermarsi per il pic-nic, e dove non sono mai riuscito a pranzare, la Froda.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9848
14:30 Ultima salitella prima di scendere nei campi di Lorentino. Muretti a secco, per creare lo spazio per gli orti.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9853
Poi la discesa, e la vasta pianura di Lorentino.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9862
Poche farfalle per il periodo, l'unica che si lascia fotografare bene è morta.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9861
14:40 L'agriturismo è aperto, caffé garantito. Mi permetto anche un gelato, mi dà la carica senza appesantirmi. Non è vero che le cose buone facciano sempre male.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9865
15:05 In marcia. Alice inizia a mostrare segni di affaticamento, ha rallentato il passo. Marco ed io valutiamo se interrompere l'escursione a Frasco, per non perdere il postale. Ce ne sarebbe uno anche alle 18:32, ma si arriverebbe a casa piuttosto tardi. Intanto, in barba alla meteo, il sole picchia sopra di noi. Questo tratto (da Brione a Sonogno) non è da farsi in estate, roba da colpo di calore.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9866
Passiamo un piccolo insediamento, in buona parte diroccato. Qui cucinavano anche il pane, il forno è ancora in piedi.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9868
E sempre un occhio sullo smeraldo.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9872
15:25 Arriviamo al secondo ponte del percorso, molto meno pericolo del primo. Ne hanno costruito uno nuovo in cemento per le auto, e quello in pietra lo hanno lasciato per i pedoni. Il cartello giallo indica di prendere lungo la strada di Frasco per andare a Sonogno, ma noi non ci facciamo fregare: dall'altra parte del ponte c'è il sentiero, nascosto. Attraversiamo, e subito dopo il ponte prendiamo la scalinata che scende a destra.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9876
15:45 Arriviamo al ponte pedonale di Frasco, percorrendo il sentiero che fa dei zig-zag tra vari rii e minuscoli corsi d'acqua. Marco ed io ci consultiamo: Alice ha fatto un exploit, è arrivata fino a qui (circa 14 Km e più di 700 metri di dislivello), decide di lasciarci liberi di andare fino a Sonogno, lui si ferma e attende il postale.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9874
Da qui il percorso è sostanzialmente in piano, forestale, roba che mi mangio in un batter d'occhio. Lascio andare avanti Rita per scattare qualche foto, tanto la raggiungo in un attimo... Alla faccia!!!! Non so com'è, ma Rita parte ad una andatura praticamente uguale alla mia, e c'è poco da raggiungerla. Per fortuna che si ferma per attendermi.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9882
Ripartiamo assieme, schiaccio quasi a tavoletta, e posso fare a meno di mettere fuori la freccia per il sorpasso: Rita tiene il passo. Voliamo il sentiero assieme, e alle 16:00 siamo a Sonogno (un quarto d'ora dal ponte: credo sia un record).

2011.04.25-Valle-Verzasca 9892
Beh, ci sta un secondo caffé :-) Ci piazziamo sulla terrazza di un ristorante, e ci godiamo il meritato riposo. Poi scendiamo alla fermata del postale.

2011.04.25-Valle-Verzasca 9900
Salgo, al volante una giovane signora con un bel sorriso. Sono felice: le donne guidano meglio, sono più prudenti e attente, e meno burbere dei maschietti. Partenza, a Frasco recuperiamo Marco e combricola. Ci gustiamo il viaggio di rientro, commentando con Ivan e Alice i vari posti da cui siamo passati. Giornata splendida, grazie Verzasca.

Ecco il profilo altimetrico dell'escursione.

Profilo
Clicka qui se vuoi vedere tutte le foto (non che ci sia qualcosa di speciale).

Condividi post

Repost 0
Published by UpTheHill - in Verzasca - trekking
scrivi un commento

commenti

Greg 04/30/2011 09:09


Ciao Nino!

Che valle splendida!! E pensare che é da una vita che non ci vado!!
Ho visto alcune foto di habitat che potrebbero interessarmi.... ti ringrazio per questo stimolo!!
Bello il ghezzz!!
Greg


UpTheHill 04/30/2011 15:15



Ciao Grégoire,


se dovessi andarci in "battuta di caccia", potrebbe essere l'occasione buona per insegnarmi qualcosa: posso farti da guida, tu da maestro :-)


UpTheHill
www.montagnaticino.com



Parole chiave

Geolocalizzazione: Svizzera, Ticino, Sopraceneri, Sottoceneri, Leventina, Bedretto, Blenio, Riviera, Mesolcina, Calanca, Maggia, Verzasca, Onsernone, Muggio, Bellinzonese, Locarnese, Luganese, Mendrisiotto 

 

Interessi: trekking, escursioni, passeggiate, foto, natura, rifugi, capanne, flora, fauna, laghi

 

Percorsi: forestale, sentiero, transumanza, valico, passo, bocchetta, ganna