Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Mi Presento

  • : Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • : Diari di viaggio delle passeggiate prevalentemente sulle montagne del Ticino, con foto e testo. Articoli tematici e links utili per la pianificazione di una escursione. Trekking ed escursionismo per tutti.
  • Contatti

Scrivimi

Puoi mandarmi un mail a questo indirizzo: upthehill chiocciolina gmx punto ch

Cerca Nel Blog

Archivio

Feedelissimo

Ticino Top - classifica blog e siti ticinesi

10 giugno 2010 4 10 /06 /giugno /2010 21:08

Percorso effettuato: Osco Q1157) - Calpiogna (Q1143) - Figgione (Q1035) - Rossura (Q1054) - Tengia (Q1099) - Calonico (Q961) - Anzonico (Q984) - Cavagnago (Q1020).

Difficoltà: strada asfaltata, forestale T1, sentiero T2.

Dislivello: salita 750 metri, discesa 900 metri per questo tratto, 1'600 metri in tutto.

Lunghezza del percorso: 16 chilometri per questo tratto, 33 chilometri in tutto.

Sforzo equivalente: 24 chilometri per questo tratto, 49 chilometri in tutto.

Durata (incluse le pause): 4.75 ore per questo tratto, 9.5 ore in tutto.

Riferimenti: la "Strada Alta" su Ticino Turismo, la funicolare del Ritom.

Nota 1: ho trattato il percorso completo in due articoli, dato che l'escursione nel suo insime sarebbe da classificare come "trekking molto impegnativo", mentre ognuna delle due sezioni è percorribile senza problemi in una giornata da parte di molti.

Nota 2: in questa escursione ho provato un nuovo regime alimentare. Mi sono accorto che i panini con l'affettato mi davano un abbiocco tremendo, e che in fondo non ne avevo bisogno. Così ho deciso di tentare l'escursione portando con me unicamente delle barrette di cereali, frutta secca, e noccioline salate. La cosa ha funzionato meravigliosamente.

12:50 Mi sono gustato 20 minuti di pausa, con caffé ad Osco, e mi sembra sia ora di ripartire. Le gambe mandano i primi segnali di affaticamento, ma non mi preoccupo troppo, ho già percorso più di un terzo del cammino che mi sono prefissato, e penso che il peggio sia passato. Uscendo dal paese di Osco riprendo un sentiero T2 che entra in una valletta laterale, e, fregatura, scende. So che la pagherò.

2010.06.06-Strada-Alta-Parte-2 4178
La roccia presenta stratificazioni "rotte", mi sembra anche abbastanza friabile. Per fortuna il sentero è consolidato, e non mi dovrebbe franare sotto i piedi.

2010.06.06-Strada-Alta-Parte-2 4179
13:10 Dopo un bel po' di discesa, giungo al corso d'acqua in fondo alla valletta.

2010.06.06-Strada-Alta-Parte-2 4181
E dall'altra parte si ricomincia a salire. Posso confrontare quanto sono sceso vedendo dietro di me Osco.

2010.06.06-Strada-Alta-Parte-2 4183
Risalgo un bel pezzo, poi nuova curva in una seconda valletta laterale, e discesa.

13:30 Arrivo anche a questo secondo riale, qui non c'è ponte per attraversare, ed è l'unico punto in cui fare un po' di attenzione se ci sono bambini assieme.

2010.06.06-Strada-Alta-Parte-2 4193
Subito dopo il sentiero (indovina) risale nuovamente. Questo tratto è molto bello, ma quanto sali-scendi...

13:45 Giungo a Calpiogna, praticamente alla stessa altezza di Osco, ma in mezzo mi sono digerito un bel po' di dislivello. Davanti a me vedo una chiesetta, posta su di un poggio, visibile anche dall'autostrada, presso la quale passerò più avanti. Qualità della foto pessima, la foschia è onnipresente.

2010.06.06-Strada-Alta-Parte-2 4201
Mi consolo vedendo che anche dopo Calpiogna si continua su sentiero. E rientro nuovamente in una valletta laterale, e di nuovo scendo. Sta iniziando a diventare una costante!

14:15 Ennesimo riale, questo con ponticello. Quando è ingrossato deve essere ben pericoloso, dato che prima e dopo questo tratto di percorso viene indicato di scendere fino a Faido, per risalire sull'altro versante, in caso di piena. A guardarlo così non fa paura.

2010.06.06-Strada-Alta-Parte-2 4207
Poco dopo mi ritrovo a camminare quasi all'aperto, circondato da prati, con la musica dei grilli in sottofondo.

2010.06.06-Strada-Alta-Parte-2 4208
In pochi minuti arrivo a Figgione, quattro case in croce, passo sopra il villaggio, e continuo verso Rossura. Arrivato a Rossura, dove il sentiero termina, mi ritrovo uno "Stop" in mezzo alla strada: chissà che traffico ci deve essere :-)

2010.06.06-Strada-Alta-Parte-2 4215
14:30 Passato Rossura, vedo la chiesetta sul poggio. Avevano talmente tanto poco spazio, che hanno fatto la Via Crucis tutt'attorno alla chiesa. Questo si chiama risparmiare.

2010.06.06-Strada-Alta-Parte-2 4223
Dopo Rossura il sentiero si apre nuovamente come forestale, passando prossimo alla costa della montagna. Lungo il cammino incontro diverse cascatelle, una più bella dell'altra.

2010.06.06-Strada-Alta-Parte-2 4247
15:00 Questo tratto non ha avuto pendenze particolari, ma mi accorgo che inizio a fare fatica a tenere il mio ritmo. Ormai ho messo un bel po' di chilometri nelle gambe, e quello che è peggio, dislivello. Poi un cartello mi indica nuovamente sentiero nel bosco per arrivare a Calonico.

2010.06.06-Strada-Alta-Parte-2 4243
15:30 Tratto nel bosco senza storia né gloria. Le salite cominciano a pesarmi, ma non dò ascolto alle gambe. Poi finalmente raggiungo la famosa chiesetta sul poggio: veramente carina.

2010.06.06-Strada-Alta-Parte-2 4256
E neanche dieci minuti dopo sono a Calonico. Sono in ritardo sulla tabella di marcia, avevo calcolato di arrivarci almeno mezz'ora prima. Subito dopo Calonico si rientra bel bosco (sono felice, il sole va e viene, ma quando c'è picchia di brutto).

15:50 Arrivo al grotto Pro Bell (sarà una pubblicità?). Appena sopra il grotto c'è la strada asfaltata, ma il cartello giallo indica il sentiero verso Anzonico. Ligio al dovere, evita l'asfalto e mi innoltro sul sentiero.

2010.06.06-Strada-Alta-Parte-2 4269
Maledizione, scende. Eccome, se scende.

2010.06.06-Strada-Alta-Parte-2 4273
Scendo per circa 150 metri (calcolo a occhio) per attraversare un fiumiciattolo da niente, e risalire poi nuovamente per 150 metri.

16:15 Morale della favola: 25 minuti per percorrere si e no un chilometro e mezzo lineare. Arrivo sulla strada asfaltata, che porta dal grotto a qui in piano. La prossima volta, questo tratto me lo evito. A questo punto i muscoli gradirebbero non dover più fare tanta salita. Guardo la strada, guardo il cartello del sentiero che punta verso l'alto, la strada, il cartello, mi sento come l'asino di Burano. Poi controllo la cartina, e vedo che in pratica c'è lo stesso dislivello sia su strada che sentiero. Perô il sentiero è adornato da 15 quadri, dipinti da bimbi, ragazzi e adulti, che mostrano la loro interpretazione del bosco. Al diavolo la fatica, prendo il sentiero.

2010.06.06-Strada-Alta-Parte-2 4277
Bello questo tratto nella pineta. Fotografo i quadri (li trovi nell'album), e salgo. Quello che mi è piaciuto di più è questo.

2010.06.06-Strada-Alta-Parte-2 4289
16:45 Sono ad Anzonico, e ci ho impiegato le quattro ore indicate dal cartello: perso il ritmo. Decido di fare una pausetta caffé e gelato. Fino a qui ho consumato una barretta di cereali, mezzo sacchetto di frutta secca, e circa 30 grammi di noccioline salite, più il caffé ad Osco. Mi piazzo sulla terrazza di un ristorantino, e faccio un po' di ragionamenti.

2010.06.06-Strada-Alta-Parte-2 4298
Da qui mancano ancora circa 12 chilometri, e la discesa su Biasca (un 600 metri circa). Se ce la faccio in due orette, si può fare... Mi gusto il caffé, il gelato, e rifaccio il pieno alla bottiglia, che nel frattempo ho svuotato (ma l'acqua viene calcolata come carburante?).

17:05 In marcia. Mi alzo, e le gambe urlano. Non le ascolto. Cioé, decido di percorrere il tratto fino a Sobrio lungo la strada asfaltata, per evitare scherzetti di sali-scendi come nel tratto precedente. Così, arrivato al cartello con l'indicazione "Strada Alta", faccio finta di non vederlo, e continuo dritto. Dietro di me, ormai, Anzonico.

2010.06.06-Strada-Alta-Parte-2 4300
Cerco di inserire il turbo da pianura, ma fa cilecca miseramente. Cammino a velocità "umana", e me ne rendo conto. Le gambe cominciano ad essere durette. Intanto dall'altra parte della valle appare Chironico, con la cascata del Ticinetto. Da li siamo partiti per la bella escursione al laghetto di Chironico.

2010.06.06-Strada-Alta-Parte-2 4308
17:40 Arrivo a Cavagnago.

2010.06.06-Strada-Alta-Parte-2 4310
Guardo il cartello giallo, e mi viene un tuffo al cuore. Biasca, 3 ore 40. Poi guardo l'orario del postale, ce n'è uno tra due minuti. Rapidi calcoli: arrivererei a Biasca verso le 21:00, poi rientrare a casa, cena, doccia, ufficio per preparare il lavoro per la settimana. Vedo il postale arrivare, faccio segno, e salgo.

2010.06.06-Strada-Alta-Parte-2 4311
Mi siedo, e le gambe cantanto "Grazie, grazie, grazie". Il postale percorre la strada all'inverso, prima Anzonico, poi su a Calonico, torna indietro, e scende a Lavorgo, sul fondo valle.

18:15 Sono alla ex-stazione di Lavorgo, attendo il postale per Bellinzona che passerà tra un quarto d'oretta. Bella cascata davanti a me, merita di essere immortatala.

2010.06.06-Strada-Alta-Parte-2 4312
Bella escursione, soprattutto il tratto tra Osco e Anzonico. Penso che posso arrivare a farla tutta in un giorno, ma devo tagliare fuori un po' di dislivello...

Ed ecco il profilo altimetrico da Osco a Cavagnago.

Profilo2
Clicka qui se vuoi vedere tutte le foto di questo tratto (non che ci sia qualcosa di speciale).


Condividi post

Repost 0
Published by UpTheHill - in Leventina - trekking
scrivi un commento

commenti

Greg 06/18/2010 11:19



Ciao Nino!


Bella mazzata la Strada Alta!!


Grazie per avermi mostrato da vicino la chiesetta sul dosso!!¨Sono anni che mi dico che devo salirci per vederla da vicino e ammirare la vista...ma ora non ne ho più bisogno:-)


Il giorno che ci salgo cercherò pure quella via crucis, sembra carina e atipica!


Grazie!


Greg


 



UpTheHill 06/18/2010 17:05



Ciao Grégoire,


grazie per i complimenti. La chiesetta è da visitare, veramente deliziosa, e in una posizione con vista invidiabile, almeno nei giorni di bel tempo (non era il mio caso).



Deborah 06/15/2010 21:31



Viene proprio voglia di percorrerla :-)



Mauro 06/13/2010 22:47



Ciao,


che resistenza!!! Hai intenzione di riprovarci e farla tutta in un giorno?



UpTheHill 06/14/2010 15:58



Ciao Mauro,


beh, si, è una bella scarpinata. In effetti mi piacere provare a farla tutta in un giorno, tagliando via alcuni pezzi con forti sali-scendi, per diminuire il dislivello, altrimenti è fuori dalla
mia portata.



Renzo 06/12/2010 12:35



Complimenti, ne hai fatto di strada in un solo giorno!!


L'anno scorso ho fatto Airolo - Biasca in due etappe (rompendo a Faido). Bei sentieri, vale la pena. La chiesetta di San Martino (a Deggio) era in ristauro e ho potuto vedere le pitture favolose
all'interno.



UpTheHill 06/12/2010 17:23



Ciao Renzo,


penso che te la sei goduta di più tu, percorrendola in due giorni. In effetti è un po' una mazzata tutta in un giorno, roba da scuola reclute.


Buona montanga



Parole chiave

Geolocalizzazione: Svizzera, Ticino, Sopraceneri, Sottoceneri, Leventina, Bedretto, Blenio, Riviera, Mesolcina, Calanca, Maggia, Verzasca, Onsernone, Muggio, Bellinzonese, Locarnese, Luganese, Mendrisiotto 

 

Interessi: trekking, escursioni, passeggiate, foto, natura, rifugi, capanne, flora, fauna, laghi

 

Percorsi: forestale, sentiero, transumanza, valico, passo, bocchetta, ganna