Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Mi Presento

  • : Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • : Diari di viaggio delle passeggiate prevalentemente sulle montagne del Ticino, con foto e testo. Articoli tematici e links utili per la pianificazione di una escursione. Trekking ed escursionismo per tutti.
  • Contatti

Scrivimi

Puoi mandarmi un mail a questo indirizzo: upthehill chiocciolina gmx punto ch

Cerca Nel Blog

Archivio

Feedelissimo

Ticino Top - classifica blog e siti ticinesi

28 febbraio 2011 1 28 /02 /febbraio /2011 11:38



Percorso effettuato: Vira Gambarogno (Q210) - Fosano (Q350) - Monti di Fosano (Q649) - Bivio dei Monti di Piazzogna (Q769) - Monti di Piazzogna (Q778) - Monti di Vairano (Q820) - Monti di Gerra (Q820) - Monti di St.Abbondio (Q815) - Monti di Caviano (Q673) - Caviano (Q274).

Difficoltà: T1 e T2.

Dislivello: salita 1175 metri, discesa 1116.

Lunghezza del percorso: 13 chilometri.

Sforzo equivalente: 25 chilometri.

Durata (incluse le pause): 6.5 ore.

Riferimenti pagina delle escursioni dell'Ente Turistico del Gambarogno., il comune del Gambarogno su Wikipedia.

Da un anno a questa parte, per motivi di lavoro, ho iniziato a frequentare il Gambarogno, passando brevemente anche da frazioni poste ben al di sopra del livello del lago. Zona che ho sempre avuto davanti agli occhi in gioventù (sono cresciuto a Locarno), ma che non posso dire di conoscere... Come al solito per domenica è previsto brutto, ma c'è qualche speranza per sabato. Consultando il mio DVD, vedo un percorso che promette bene, e che unisce tutti i Monti del Gambarogno attorno a Q800. Il profilo non è mortale, lo propongo a Rita, e sabato si va.

10:20 Non c'è che dire, siamo ben pigri. Orami è metà mattina, e ci accingiamo a partire solo adesso.  La meteo aveva promesso una bella giornata, e contavo su questo per fare qualche bella panoramica del Locarnese. Invece, una foschia permea tutto, e già alla partenza rinuncio all'idea di usare il grandangolo sull'estuario della Maggia. Passiamo sotto la ferrovia, e imbocchiamo il sentiero che sale a Fosano. Sull'altra sponda si intravvede il Locarnese, parte del Piano di Magadino, e vigile, la sentinella della Verzasca, il pizzo Vogorno.

2011.02.26 Monti del Gambarogno 8884
La foto qui è migliore di quanto fosse l'originale, l'ho passata attraverso Picasa. Lungo la via di salita, vediamo le prime accordature degli strumentisti, che si preparano per la sinfonia mandalica di quest'anno. Piccole promesse di cose a venire, mi sa che non manca molto.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8888
10:30 La mulattiera sale abbastanza tranquilla, riesco persino a tenere il passo con Rita. Gli sforzi di salita iniziano a ripagarci, e sotto di noi Vira inizia a mostrarsi.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8893
10:45 Siamo a Fosano, piccolo insediamento estremamente ben tenuto. Quasi tutti gli edifici sono ancora in pietra, le vie del paese lastricate in sasso. Giardini riparati dal freddo mostrano anche loro che l'orchestra s'è desta.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8899
Piccola sosta per coccolare un cane e quattro chiacchere con due signore, poi alla fontana del paese mezzo cornetto integrale con riga di cioccolata nera, e thé caldo. Siamo veramente ben attrezzati! Poi su nuovamente per portarci verso il sentiero T2 che sale ai Monti di Fosano.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8900
11:10 Il sentiero è entrato nel bosco, prevalentemente castagno, e ogni tanto incrocia la strada che porta verso l'alpe di Neggia ed Indemini. Tanta foglia, e salendo il castagno inizia a lasciare posto alle betulle. Ogni tanto un manufatto d'altri tempi, come questo muretto a secco, costruito con tecnica mirabile, lungo un pendio abbastanza deciso.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8906
E di nuovo, uno strumento che viene accordato...

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8910
Rita, dopo aver messo il carburante in pancia, ha ripreso il suo ritmo normale di salita, il che significa che mi lascia indietro come niente fosse. Troppo bello per durare il passo uguale... Nei pochi sprazi in cui il bosco si apre vediamo il lago Maggiore, scatto anche qualche foto, ma ti risparmio il risultato.

10:45 Monti di Fosano raggiunti. Anche qui splendido insediamento d'altri tempi, con tanto di oratorio,segno che almeno in estate il posto era abitato con regolarità.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8916
Gente in giro non ce n'è. A parte le due signore a Fosano, non incontreremo quasi più nessuno. Proseguiamo il cammino lungo il sentiero che porta al Bivio dei Monti di Piazzogna, restando poco sotto la strada carrozzabile di Indemini. Al bivio il sentiero sale, e ci porta sulla strada.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8922
Il grosso della salita in una sola volta è fatto. Abbiamo ancora circa 500 metri di sali-scendi lungo il percorso, ma sostanzialmente restermo a questa quota fino ai Monti di Caviano. Continuiamo verso i Monti di Piazzogna, e lungo il percorso il Generale Inverno ci mostra le sue ultime armi, spuntate ormai, che perso il filo tagliente, si mostrano artistiche.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8926
Il pendio del Gambarogno, essendo esposto a Nord, gode di molto meno calore e luce rispetto alla zona di Locarno ed Ascona. In certe zone per quasi due mesi il sole non sorge mai. Più avanti ancora quadri ghiacciati, anche se per poco orami.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8933
2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8935
12:15 Orario buono per la fermata pic-nic. Una bella panchina dà verso il Ghiridone / Gridone / Limidario, il goflo di Locarno, le Isole di Brissago, con vista praticamente fino a Cannobio. Il tutto avvolto da una foschia che impedisce di godere dei dettagli. Panino, frutta secca, mentre mangiamo con la coda dell'occhio intravvedo un gatto. So che sa che so che c'è, per cui decide di farsi avanti. Bel micione, con molto DNA del gatto delle foreste norvegesi (come la nostra Tea), arriva a farsi coccolare a tutto spiano.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8941
12:40 Sistemata la pendenza alimentare, le coccole, la regolazione degli scarponi, ci infilimo i K-Way: la temperatura è calata, ed è partita la digestione. Il percorso verso i Monti di Vairano è su forestale, quasi in piano. Anche su questo tratto giochi di ghiaccio, non più temibile ormai come lo era stato tre settimane fa.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8948
 13:00 Arriviamo ai Monti di Vairano, che si sviluppano in orizzontale, a differenza degli altri che incontreremo. Notevole attività edilizia, casette ristrutturate e casette nuove.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8953
Finalmente, passato l'insediamento, il sentiero entra deciso nel bosco. Corre con leggere salite e discese, silenzio tutt'attorno, siamo gli unici abitanti della terra. Il fruscio della foglia morta sotto lo scarpone, il camminare allo stesso passo, il camoscio che passa sotto di noi, a circa 20 metri, e giochi d'acqua e ghiaccio incantevoli ad ogni angolo.
 
2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8964
13:25 Raggiungiamo un riale, ponte smontato per l'inverno. Fra poco qualcuno si prenderà cura della cosa, e lo rimonterà per il periodo estivo.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8966
Poco oltre, un ponte serio, in metallo. Raggiunta la metà, a sinistra uno spettacolo delizioso. Con l'aiuto di Rita sostituisco lo zoom con il grandangolo, senza guardare in basso, dove si trova il vecchio ponte orami marcito...

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8969
...e foto ad una cascata splendida, con i bordi completamente congelati. Valeva la pena di fare l'escursione anche solo per vedere questo.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8971
Si continua in un mondo fiabesco. Segni di risveglio...

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8977
...terreno gelato...

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8978
...statue di ghiaccio...

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8979
...e la mano dell'uomo, rispettosa.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8982
13:50 Monti di Gerra. Insediamento decisamente di rilievo, penso potesse ospitare qualche centinaio di persone. Case tutte ben tenute e curate, e c'è chi si è fatto aiutare dalla natura per costruire la terrazza.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8985
Più avanti, la testa di monte di una piccola teleferica, anche lei integrata nel paesaggio.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8986
Poi ci rituffiamo nel bosco, viandanti d'altri tempi che arrivavano e partivano, portando notizie e racconti, senza casa e a casa propria ovunque. Di nuovo un messaggio forte e chiaro, che la stagione sta volgendo.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8993
Il bosco si è trasformato, e diventato un faggeto. Splendido, alberi che diventano immensi e hanno bisogno di spazio per svilupparsi. In effetti non sono fitti come il castagno o la betulla. Alcuni mostrano una veneranda età, altri giovincelli sono ancora slanciati.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8995
La foglia comunque inizia ad esser un problema. Piuttosto abbondante, arriva metà polpaccio, e impedisce di vedere il fondo. Eccezionalmente mi faccio prestare un bastone da Rita (normalmente non li uso) per poter sondare il terreno davanti a me. Poi, ponte che non sembra molto stabile. Passiamo uno alla volta per non sovracaricarlo, usando la mano sinistra come moschettone.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8997
Dall'altra parte, "Alien" congelato.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 8999
Fin'ora abbiamo perso poco del panorama, il bosco è abbastanza fitto. Poi, in una radura, vista su Ascona (foto ritoccatta).

2011.02.26 Monti del Gambarogno 9001
14:50 Siamo quasi ai Monti di Sant'Abbondio. Una discesa in una canalina scivolosa e coperta di foglia ci impegna abbastanza. Scendiamo lentamente, per non lasciare sul terreno cadaveri.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 9011
Appena sopra l'insediamento un cartello ci indica che per continuare non si passa dall'abitato. che in effetti intravvediamo sotto di noi.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 9014
Leggera salita che ci porta su di un costone, poi il sentiero spiana nuovamente...

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 9017
...per portarci ad un ulteriore ponte.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 9018
15:50 Camminata meravigliosa, a parte la foglia. Qualche foto di corso d'acqua, funghi, panorama (trovi tutto nell'album), poi un cancello ci dice che la pacchia è finita, siamo arrivati ai Monti di Caviano.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 9027
Il paese è veramente grande (ad occhio e croce direi la metà di Indemini), quasi tutte le case ancora in sasso, un tuffo nel passato quando passavo l'estate da mia nonna in Liguria. Un fienile con il tetto in paglia...

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 9029
...passaggi incrociati come a Castello del Giglio...

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 9031
...e vista dal basso.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 9035
Qui si inizia l'avventura del signor Bonaventura... Dopo qualche centinaio di metri il sentiero si trasforma in una mulattiera con pendenza abominevole, fondo estremamente irregolare, sassi lisci che non sai se lo scarpone tiene. Una delle discese peggiori che io ricordi. I quadricipiti sempre in tensione per bloccare, il durone sotto il piede che inizia a dolere. La prossima volta faccio il giro al contrario, questo pezzo è meglio salirlo che scenderlo.

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 9037
16:45 Arriviamo a Caviano con le gambe rotte. E non per il percorso fino ai Monti di Caviano!

2011.02.26-Monti-del-Gambarogno 9047
Durante la discesa ho chiamato Andreas (con il quale avevo fatto il Sentiero degli Stambecchi) per verificare se si trova in Ticino, dato che ha una casetta qui vicino. C'è... Ci viene a prendere, e ci porta a Sant'Abbondio. Ha preparato una torta, caffé e thé. I piedi sotto il tavolo, grande vetrata con panorama sul Locarnese, il sole che tramonta, giornata splendida dietro le spalle, e chiacchere in libertà con un amico. Finale meraviglioso. Più tardi ci riporta a Vira per recuperare il nostro mezzo.

Ecco il profilo altimetrico dell'escursione.

Profilo
Clicka qui se vuoi vedere tutte le foto dell'escursione (non che ci sia qualcosa di speciale).

Condividi post

Repost 0
Published by UpTheHill - in Gambarogno - trekking
scrivi un commento

commenti

boris 11/04/2011 14:07


intendevo la via dei monti del gambarogno. perché se nevica in alto, si può andare in basso.


boris 11/02/2011 15:49


bella questa gita. da fare dopo le nevicate in alta quota del prossimo weekend.
complimenti per il blog.
ciao
Boris


UpTheHill 11/03/2011 16:58



Ciao Boris,


grazie per i complimenti, e si, San Bernardino si addice alle racchette / ciaspole, con diversi percorsi, il più lungo che sale fino al passo omonimo.


Buona montagna :-)


UpTheHill
www.montagnaticino.com



Trivago 03/16/2011 19:28


Complimenti per il blog e per questo post bellissimo! Molto belle ed esplicite anche le foto dell'avventura,ma quanta passione per la montagna!!
Ti segnalo anche Trivago il sito a cui collaboro dove sono presenti molte località da te visitate, ad esempio questa:
http://www.trivago.it/vira-gambarogno-49383
Saluti!


UpTheHill 03/17/2011 07:31



Ciao,


grazie per i complimenti e per l'informazione.


UpTheHill



virtualascona 03/13/2011 01:25


Complimenti per le foto. Anche il percorso è molto interessante. Secondo te è meglio farlo in primavera o in autunno, quando si trova anche qualche fungo o non ce ne sono?


UpTheHill 03/13/2011 09:46



Ciao,


a mio parere è splendido in entrambe le stagioni. Abbiamo deciso di ripercorrerlo in autunno, per gustare i colori finali, ti farò sapere... Per quanto riguarda i funghi, non ti saprei dire, non
me ne intendo. Li fotografo, ma non li raccolgo. Tenuto conto della posizione direi che se ne dovrebbero trovare, ad ogni modo.


UpTheHill
www.montagnaticino.com



Parole chiave

Geolocalizzazione: Svizzera, Ticino, Sopraceneri, Sottoceneri, Leventina, Bedretto, Blenio, Riviera, Mesolcina, Calanca, Maggia, Verzasca, Onsernone, Muggio, Bellinzonese, Locarnese, Luganese, Mendrisiotto 

 

Interessi: trekking, escursioni, passeggiate, foto, natura, rifugi, capanne, flora, fauna, laghi

 

Percorsi: forestale, sentiero, transumanza, valico, passo, bocchetta, ganna