Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Mi Presento

  • : Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • : Diari di viaggio delle passeggiate prevalentemente sulle montagne del Ticino, con foto e testo. Articoli tematici e links utili per la pianificazione di una escursione. Trekking ed escursionismo per tutti.
  • Contatti

Scrivimi

Puoi mandarmi un mail a questo indirizzo: upthehill chiocciolina gmx punto ch

Cerca Nel Blog

Archivio

Feedelissimo

Ticino Top - classifica blog e siti ticinesi

25 ottobre 2010 1 25 /10 /ottobre /2010 15:57

Percorso effettuato: alpe Croveggia (Q960) - alpe Pian Grande (Q1120) - capanna Cremorasco (Q1120) - alpe del Tiglio (Q1052) - Cima di Dentro (Q1014) - Isone (Q748) - alpe Mürecc (Q951) - alpe Zalto (Q996) - Gola di Lago (Q972) - alpe Santa Maria (Q1000) - Matro di Stinché, bivio (Q1075) - Condra (Q989) - convento del Bigorio (Q728) - Bigorio (Q615) - Sala Capriasca (Q548) - Ponte Capriasca (Q447) .

Difficoltà: sentiero T1 e T2.

Dislivello: 1'030 metri di salita, e 1'540 metri di discesa.

Lunghezza del percorso: 20 chilometri.

Sforzo equivalente: 32 chilometri.

Durata (inlcuse le pause): 8 ore.

Riferimenti: teleferica Camorino - Croveggia, il convento Santa Maria del Bigorio dei frati Cappuccini, la capanna Cremorasco, la chiesa di Santa Maria Assunta del Bigorio, "Dai fortini della fame a Croveggia (13.04.2009)", "Cima di Medeglia e Matro (17.05.2009)"



Me lo ero ripromesso l'anno scorso, quando avevo fatto in solitaria questo percorso: "devo portare Rita". La stagione quest'anno non è così avanzata come un anno fa, gli alberi hanno ancora quasi tutte le foglie, e i rossi iniziano a vedersi solo ora. La voglia di andare però tanta, era stata un'esperienza fantastica. Per domenica prevedono brutto andante, così ci organizziamo per il sabato, sperando che Locarno-Monti abbia ragione, e che la pioggia non arrivi già nel pomeriggio.

Quando pensi al Ticino, se lo pensi come l'ho sempre pensato io, a due dimensioni, vedi un fondovalle percorso da binari ed asfalto. Lo spazio in basso è poco, e dato che si tratta di un cantone di transito, buona parte del fondovalle è occupato da autostrada e linee ferroviarie. Ma se inizi a pensarlo in tre dimensioni, e ti alzi verso Q1000, trovi un Ticino diverso, percorso da 4'000 Km di sentieri, eredità dei nostri avi, che permettono di percorrerlo in buona parte senza incrociare strade. Questa escursione in effetti spazia su quasi un quarto del territorio ticinese nei boschi e nei prati, con pochissimi tratti asfaltati (la zona dell'alpe del Tiglio e Gola di Lago), e senza incrociare veicoli. E' un percorso da pellegrini, passando pochi borghi (Isone, Bigorio) e tutto nella natura.

08:00 Puntalissima la teleferica di Croveggia parte. Unici due occupanti i sottoscritti. Il cielo è decisamente plumbeo, e mi sembra ci sia meno luce dell'anno scorso, non ostante allora fossi nella nebbia. Rifletto, e mi rendo conto che l'anno scorso era già rientrata l'ora solare, per cui ero partito un'ora dopo... Il piano di Magadino verso Locarno inizia a delinearsi. Il mio sacco intanto ha subito un attentato. Vi ho infilato una bottiglia d'acqua già aperta da uno dei due figli, il quale non l'ha richiusa bene (come al solito), e stupido io non ho controllato... Morale: il contenuto si è rovesciato quasi tutto, per fortuna senza bagnare la macchina fotografica e le cibarie. Però sono rimasto con una scorta abbastanza esigua di acqua.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7739
08:10 Arrivati a Croveggia. La teleferica supera i 700 metri di dislivello (bel risparmio, devo ammetterlo) con una campata unica. Cabina piccola, è meglio non dondolarsi troppo quando si è a bordo...

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7745
Verso Ovest, lungo il filo della montagna, la cima di Matro, la cima di Medeglia, e Manera, con la sua grande antenna. Appena dietro, ma non visibile, il monte Tamaro.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7747
08:15 Partenza. Entriamo subito nello splendido faggetto che porta a Pian Grande. Il sentiero sale velocemente senza dare visibilità, gli alberi sono ancora tutti chiomati. Attorno solo qualche gracchiare di corvide, per il resto un silenzio bellissimo. Scatto alcune foto, ma al rientro dovrò cancellarle: la luce era talmente poca che sono venute mosse, per il lungo tempo di esposizione.

08:35 Pian Grande raggiunto. Non abbiamo fretta, e ci sistemiamo nella pancia un mezzo cornetto con riga di cioccolata nera (aaah, se imparassi a fare colazione).

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7753
08:40 Adesso inizia il bello. Si entra nuovamente nel bosco, e dato che siamo saliti a sufficienza, possiamo vedere la sinfonia d'autunno che sta facendo le prove generali a questa quota.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7760
Il sentiero in questo tratto ha dei punti leggermente esposti. Avevo letto che l'Associazione Ticinese Sentieri Escursionistici aveva fatto dei lavori di messa in sicurezza durante l'estate, e in effetti nei punti critici troviamo un corrimano, e alcune cordine di acciaio fissate alla parete che rendono più agevole il percorso. Il bosco è prevalentemente di faggi (siamo troppo in alto per il castagno), ma qua e la possiamo godere anche del larice (larix decidua).

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7768
Oppure macchie come questa...

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7776
09:30 Abbiamo percorso tutto il tratto di montagna sotto il Camoghé, e arriviamo alla capanna Cremorasco, invisibile dal basso.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7781
Breve sosta per portarci sul promontorio che sovrasta il piano di Magadino, e qualche foto panoramica tutt'attorno.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7789
09:40 In un attimo arriviamo alla fine di questo tratto di sentiero, che si congiunge con la forestale dell'alpe del Tiglio. Pezzetto monotono su asfalto, per imboccare il sentiero che scende ad Isone. Guardando indietro posso vedere la fine del piano di Magadino, verso Giubiasco e Bellinzona. Solo così ti rendi conto di quanto terreno agricolo sia stato mangiato dall'urbanizzazione.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7795
10:15 Passata l'alpe del Tiglio e Cima di Dentro rientriamo nel bosco. Qui domina la betulla, e più in basso il castagno. Il sentiero ha meno foglia dell'anno scorso, più facile vedere dove si mettono i piedi.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7811
Lungo la discesa iniziano ad apparire i primi ricci, e alcuni funghi molto particolari.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7813
Questo sembra un cervello, mentre i prossimi devono essere dei funghi sapofiti.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7816
10:35 Siamo quasi ad Isone. Dall'alto si possono ammirare le chiome colorate, ultima esplosione di colore prima della caduta.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7821
10:45 Percorriamo le stradine di Isone, e in un giardino una delle mie piante preferite: l'acero giapponese, questo di un rosso quasi arancio.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7824
Tiziana a casa ne ha uno di un rosso splendido e immenso: una qualche volta prendo una ruspa e vado a rubarglielo (ma non diteglielo). Poi ci imboschiamo in un bar per un thé ed un caffé: fretta non ne abbiamo, non so neanche a che ora avremo il postale per rientrare. Ci stiamo godendo la giornata al nostro ritmo.

11:05 Dopo aver scaldato i pancini, ripartiamo. Scendiamo verso il fiume per passare il ponte che dà accesso al sentiero di salita verso l'alpe Mürecc. Lungo la via, un nespolo quasi pronto.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7827
E lassù, l'alpe.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7828
Ci addentriamo nuovamente nel bosco, come viandanti di una volta, quando le strade asfaltate non esistevano, e le località erano congiunte unicamente da sentieri come questo. Attorno a noi colori smorti, colori vivi, macchie e poster singoli.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7838
Mi sembrava... Il tempo è adatto alle salamandre, e questo tratto di percorso passa per diverse zone umide, habitat ideale per questo anfibio. Finalmente ne incontriamo uno, il primo.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7844
Si muove goffamente, poi decide che l'immobilità potrebbe essere più vantaggiosa, magari non la vedo... Lungo il percorso, più avanti, ne vediamo alcune altre.

11:50 Eccoci all'alpe Mürecc. Il grosso della salita per oggi è terminato (ne avremo ancora un po' dopo Gola di Lago, ma niente di trascendentale). L'orario è buono per spapparsi la seconda metà del cornetto, e ancora un po' di cioccolata. Rifornimento acqua alla fontana, e vista verso Medeglia.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7854
12:00 Ci rimettiamo in moto lungo il sentiero che ci porterà all'alpe Zalto (entrambi gli alpi producono un ottimo formaggio, se la cosa ti può interessare). Attorno a noi, ancora colori, questa volta che tendono al viola.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7863
Amo l'autunno, stagione del gran finale della Natura prima del riposo invernale. E' adesso che secondo me si raggiunge l'apoteosi. L'estate è una preparazione, e la primavera un'ouverture di breve durata, che preannuncia quale sarà il tema portante, ma passa troppo in fretta. Percorriamo anche questo tratto di bosco senza incontrare nessuno (non abbiamo incrociato una sola persona sui sentieri, a parte un cacciatore nei pressi di Condra), gustandoci il silenzio naturale e la sinfonia di colori.

12:40 Alpe Zalto. Qualche foto ad Isone e Medeglia, poi il nostro occhio viene colpito dal famoso fungo "cappello da spiaggia", e alcuni sui compari.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7876
Da qui siamo nuovamente su asfalto, per fortuna per un tratto più corto rispetto all'alpe del Tiglio. Percorriamo velocemente questo tratto per portarci all'alpe Santa Maria, dove abbiamo deciso di fermarci per il pranzo. Trovo anche qui la rosa canina, con la quale si prepara un ottimo thé.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7886
13:00 Passiamo il bivio a Gola di Lago, e dopo poche centinaia di metri arrivamo all'alpe. Subito una brutta sorpresa, riccordo di inciviltà: è fin troppo facile arrivare qui con l'auto, e chi l'ha fatto non si è degnato di portar via i suoi rifiuti. Chi cammina, chi vive il percorso, non lascia tracce del suo passaggio, soprattutto non di questo tipo. La cultura dell'auto invece, è una cultura di menefreghismo: goduto io, goduto tutti.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7890
Decidiamo di utilizzare un masso come appoggio per il posto dove la schiena cambia nome, scendendo, e Rita che vuole evitare il freddo, provvede a tapezzarla con tutto ciò che di caldo abbiamo nel sacco.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7891
Non so se raggiunga l'obiettivo, sicuramente l'appoggio è un po' più morbido. Please, non ingrandire la foto, sennò vedi che numero di piede ho :-( Intanto ci siamo infilati il K-Way, dato che c'è una leggera brezza frescolina, e sicuramente avremo un calo termico non appena inizierà la digestione. Ci gustiamo il nostro pic-nic nel silenzio, solo un biker che si cambia velocemente prima di iniziare la discesa, e riparte dopo pochi minuti. Davanti a noi, i Denti della Vecchia, semisommersi nella nebbiolina.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7892
13:30 Non abbiamo controllato l'orologio, ce l'abbiamo dentro. Mezz'ora esatta, e siamo pronti per ripartire. Teniamo il K-Way, decisamente non ostante il pasto non sia luculliano lo stomaco tira sangue in modo impressionante. Ultimo sguardo verso Isone, prima di scollinare verso la Capriasca.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7895
Questo tratto è su forestale non asfaltata, fuori bosco, ma questo non impedisce di godere di macchie di colore sparse.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7898
Il sentiero fila via liscio sotto le suole, tra radure, brevi tratti boschivi, casolari diroccati e vecchie fattorie. Tratto bellissimo, ci sarebbe la vista su buona parte della Capriasca se non fosse per la nuvolosità.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7900
2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7909
14:15 Condra sotto di noi. Si tratta di uno splendido insediamento, posto su di una radura poco pendente, che offre una vista incredibile (ce ne eravamo accorti durante il giro del Bigorio) che spazia per circa 270°. Una fattoria ancora attiva, manzette, asini, e una mamma con il suo piccolo.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7916
2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7914
Scendiamo lungo il viottolo che costeggia le case, e continuiamo la discesa. Nuovamente nel bosco. Poco più avanti, un albero cadendo ha invaso il sentiero, e trascinato pezzi di un suo compare con se.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7920
14:35 Orami in prossimità del convento, usciamo nuovamente dal bosco per trovarci su prati. Ci sembra però che il bosco si stia rimangiando il territorio che gli era stato strappato durante i secoli con il disboscamento. Bastano una decina d'anni di incura, i prati scompaiono, e il castagno si riprende ciò che era suo.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7925
14:50 Arriviamo al convento del Bigorio, faro dei frati cappuccini per tutta la Lombardia. Veniva utilizzato anche per mandare i novizi a passare il primo anno della loro vocazione, e spesso il capitolo di questi frati veniva tenuto qui. Il cimitero, semplice come la loro vita.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7928
Sulla croce il nome, l'anno di nascita, l'anno del decesso. Sic transeat gloria mundi. Sostiamo dieci minuti per gustartci la quiete del posto. Qui non accolgono più pellegrini, ma una volta queste istituzioni erano il collante dei vari tratti di percorso. Qui potevi pernottare, trovare una tazza di minestra ed una fetta di pane, anche se eri lontano da villaggi ed osterie. E sicuramente correvi meno rischi...

Scendiamo la via Crucis che ci porta verso Bigorio City (per distinguerla dal convento), con le sue stazioni così diverse da quelle tradizionali (le trovi nell'album dell'anno scorso), e arriviamo al paese dall'alto, passando tra casette e giardini splendidi.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7938
2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7939
15:15 Porto Rita alla trattoria Menghetti (se passi da quelle parti, vacci, è un'esperienza interessante). Locale unico, come una sala privata, la signora gentile ci serve, questa volta non ci sono altri avventori. E' vecchia di 200 anni (l'osteria, non la signora), ed è stata tenuta allo stato originario.

15:40 Decidiamo di scendere a Sala Capriasca, e prendere lì il postale per rientrare. Prima di partire foto alla meridiana (mi sembra che nel Sottoceneri ce ne siano molte di più che nel Sopraceneri).

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7943
Sentiero agevole, ma anche qui l'autunno ha preparato i suoi regali...

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7946
15:55 Già arrivati. Controlliamo l'orario del postale, mancano ancora 20 minuti. Boh, già che ci siamo scendiamo fino a Ponte Capriasca, tanto la strada è breve. Ripercorriamo i viottoli, ed inforchiamo il sentiero di discesa. Da qui si vede molto bene il convento.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7953
16:10 In effetti siamo già qua. Scendiamo fino al ponticello dove si trova la fermata del bus, che dopo pochi minuti arriva e ci carica. A bordo solo una coppia giovane, anche loro con lo zaino. Un'ultima foto ad un caco prima di mettere via la macchina fotografica.

2010.10.23-Camorino-Ponte-Capriasca 7958
16:40 Arriviamo in stazione a Lugano. Siamo semplicemente deliziati, Rita mi dà ragione: è una escursione splendida, da mettere in agenda una volta all'anno. Ci sarebbe una variante interessante, che partendo da Bigorio porta a Comano direttamente, passando per una collina boschiva... L'anno prossimo!

Ed ecco il profilo altimetrico dell'escursione.

Profilo
Clicka qui se vuoi vedere tutte le foto dell'escursione (non che ci sia qualcosa di speciale).

Condividi post

Repost 0
Published by UpTheHill - in Luganese - trekking
scrivi un commento

commenti

Mario 11/01/2010 17:29


Bella escursione, non sembra possibile andare da Bellinzona a Lugano tutto per boschi. Bravi.


Parole chiave

Geolocalizzazione: Svizzera, Ticino, Sopraceneri, Sottoceneri, Leventina, Bedretto, Blenio, Riviera, Mesolcina, Calanca, Maggia, Verzasca, Onsernone, Muggio, Bellinzonese, Locarnese, Luganese, Mendrisiotto 

 

Interessi: trekking, escursioni, passeggiate, foto, natura, rifugi, capanne, flora, fauna, laghi

 

Percorsi: forestale, sentiero, transumanza, valico, passo, bocchetta, ganna