Overblog Segui questo blog
Edit page Administration Create my blog

Mi Presento

  • : Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • : Diari di viaggio delle passeggiate prevalentemente sulle montagne del Ticino, con foto e testo. Articoli tematici e links utili per la pianificazione di una escursione. Trekking ed escursionismo per tutti.
  • Contatti

Scrivimi

Puoi mandarmi un mail a questo indirizzo: upthehill chiocciolina gmx punto ch

Cerca Nel Blog

Archivio

Feedelissimo

Ticino Top - classifica blog e siti ticinesi

/ / /

Se sei alla ricerca di alcune idee per delle passeggiate, eccole qui. Le ho divise in tre gruppi: a) quelle che ho già effettuato e di cui puoi leggere la descrizione per verificare se ti garba, b) quelle che vorrei effettuare in una giornata, c) quelle che vorrei effettuare su più giorni. Se ne fai una che non ho ancora fatto, mandami le tue impressioni e consigli: saranno apprezzati.

Non ti ripeterò che adagio adagio farò tutte le passeggiate descritte dalla serie "
Laghetti alpini della Svizzera Italiana", perché sennò ti annoio.

Passeggiate già effettuate

1) Bivio di Corippo - Sonogno: passeggiata deliziosa, nel bosco fino a Brione, poi sentiero esposto al sole. Sentiero T2 senza difficoltà, 17 Km e 400 metri di dislivello. La valle è stupenda, se non riesci a fare tutta la passeggiata in una volta non è un problema, ogni 4 Km circa puoi tornare in paese (Lavertezzo, Brione, Frasco) e prendere il postale per rientrare. L'ultimo postale parte da Sonogno alle 16:30, e impiega circa 40 minuti per arrivare al bivio di Corippo. Fatta nel 2007, 2008 e 2009 (per me è una classica di primavera). Descritta in questo articolo e questo articolo.

2) Mesocco - Nassel - Calnisc - Gumegna - Mesocco:
descritta in questo articolo. Fatta nel 2007.

3) Alpe Cruina - laghetto delle Pigne -
capanna Piansecco - alpe Pesciora - Ronco Bedretto. Passeggiata relativamente impegnativa nel tratto tra Piansecco e Pesciora (si passa una frana, ma il sentiero è ben marcato), e poi la discesa mozzafiatto fino a Ronco. C'è il problema di tornare all'alpe Cruina per recuperare l'auto: la si può lasciare a Ronco, poi salire con il postale fino all'alpe. In alternativa si può scendere direttamente dalla capanna a All'Acqua, oppure tornare all'alpe Cruina. Fatta nel 2003.

4) Naret - Cristallina - Sfundau - lago Nero - Naret:
descritta in questo articolo. Fatta nel 2008.

5) Stazione di Castione - Cama (
con il trenino della ex ferrovia della Mesolcina, circola solo alcune domeniche d'estate, ma è molto pittoresco), poi a piedi Cama - stazione di Castione lungo il versante sinistro della valle. 17 Km praticamente in pianura, diversi pezzi esposti al sole. Fatta nel 2007.

6) Cadagno - Tom - Cadlimo - passo dell'Uomo - Cadagno:
descritta in questo articolo (2008) e in questo articolo (2009).

7) San Bernardino - laghetto Doss - alpe Doss - pian Cales - San Bernardino: giro di tutto relax, con circa 200 metri di dislivello, si percorre in circa due ore. Possibilità di acquistare prodotti caseari freschi all'alpe Doss da giugno a fine agosto. Fatta diverse volte.

8) Campo Blenio - capanna Bovarina - alpe Pradasca - passo Cantonill - pizzo Rossetto - Campo Blenio:
descritta in questo articolo. Fatta nel 2008.

9) Mornera -
capanna Albagno - cima Gaggio - Mornea: descritta in questo articolo. Fatta nel 2008.

10) Rodi - lago Tremorgio - giro del Leit - Tremorgio - Rodi:
descritta in questo articolo. Fatta nel 2008.

11) Acquacalda - alpe Casaccia - passo delle Colombe (oppure passo del Sole) - Acquacalda: circa 700 metri di dislivello, ultimo pezzo impegnativo verso il passo del Sole, più agevole verso il passo delle Colombe (che ha anche un laghetto). Fatta nel 2004.

12) Camperio -
capanna Dötra - Camperio: passeggiata di tutto relax, circa 2 ore fino alla capanna, dislivello di circa 300 metri. Adatta ad una domenica pomeriggio. Fattibile anche con le racchette da neve. Fatta nel 2008. Si può allungare il percorso andando fino al passo del Lucomagno (+3 ore per andata e ritorno), restando praticamente alla stessa altezza, oppure arrivando fino al passo del Cantonill. Questa passeggiatta è fattibile anche con le ciaspole: in questo caso attenzione al pericolo valanghe.

13) Falera (sopra Laax) - Laax - Flims - Fidaz: passeggiata strafamigliare, i sentieri sono delle autostrade, cartelli gialli ogni 500 metri. La zona è bellissima, il percorso si effettua in circa 5 ore. Fatta nel 2007.

14) Monti di Paudo - capanna Genzianella - Monti di Paudo. Passeggiata facile facile, con poco dislivello. La capanna non è presidiata, ma ha una cucina disponibile, e terrazza esterna. Ideale per portarsi dietro gli spaghetti in compagnia, cucinare in loco, godersi la giornata, e rientrare. Descritta in questo articolo.

15) Il Parco della Breggia: scampagnata, più che passeggiata, di tutto relax e piacevolissima, in un piccolo parco miracoloso. Si percorrono 200 milioni di anni di geologia in un'oretta di cammino, in un ambiente naturale splendido. Descritta in questo articolo.

16) Capanna Mognone (eventualmente con il rifugio Orino, e/o la cimetta di Orino): passeggiata di 800 metri di salita, da San Defendente (sopra Sementina), entrando in parte nella valle di Sementina. Vista splendida sul piano di Magadino dal pianoro della capanna. Si può risalire fino alla cimetta di Orino (circa 300 metri di salita), e/o continuare fino al rifugio Orino, distante 5 chilometri, praticamente senza dislivello dalla capanna Mognone. Descritta in questo articolo.

17) Cima di Medeglia e monte Matro: partenza da Medeglia, salita fino alla cima di Medeglia, poi si continua paralleli al piano di Magadino. Possibilità di ridiscendere a Medeglia dai monti di Medeglia e da Tassare, oppure si può continuare fino a Nevera, per scendere poi a Isone e raggiungere nuovamente Medeglia a piedi o con il postale. Descritta in questo articolo.

18) Giro dei fortini della fame: a Camorino, giro di meno di due ore che percorre il sentiero didattico dei fortini della fame. Eventualemente (come nel nostro caso), salita fino a all'alpe Croveggia, e discesa con la teleferica. Da non farsi in piena estate. Descritta in questo articolo.

19) Il monte San Giorgio: salita da Riva San Vitale (circa 1000 metri), oppure da Meride (circa 600 metri) ad una cima che offre una vista incredibile a 360° sul luganese, verso il bellinzonese, e la catena alpina del Vallese con il monte Rosa. Diverse varianti possibili. Per i più pigri è possibile partire da Serpiano, sono solo 300 metri di salita. Descritta in questo articolo.

20) Mornera e dintorni: salita da Monte Carasso con la teleferica fino a Mornera, poi passeggiata facile adatta alle famiglie fino al Baltico, e rientro passando da Pientina, per risalire nuovamente fino a Mornera. Vista splendida sul bellinzonese e sul piano di Magadino. Descritta in questo articolo.

21) Da Ramosch a Zuort e ritorno via Vnà: passeggiata nella Bassa Engadina, risalendo la valle Sinestra, su sentiero nel bosco. Passeggiata adatta alle famiglie, con dislivello relativamente contenuto. Due splendidi ponti sospesi costruiti su cavi di acciaio. Flora spettacolare.

22) Le gole del Clemgia: due chilometri di stupore, in fondo ad una gola, su sentiero stra-sicuro, con ponticelli a sbalzo sulle pareti verticali, seguendo il Clemgia che scende da S-Charl a Scuol. Passeggiata da fare assolutamente se sei in zona. Descritta in questo articolo.

23) Da San Bernardino villaggio ad Hinterrhein, passando per il passo del San Bernardino: passeggiata adatta alle famiglie, senza difficoltà particolari. Possibilità di rientrare da Hinterrhein a San Bernardino con il postale. Descritta in questo articolo.

24) Da Cusié (val Malvaglia) alla capanna Quarnei: due orette in uno splendido bosco di larici, adatta alle famiglie. Poi, per i più avventurosi, si continua per sentiero T3 fino al passo del Laghetto per raggiungere il laghetto dei Cadabi, posto subito dopo. Se sei veloce in salita, puoi aggiungere una scappata fino alla capanna UTOE Adula (circa 40 minuti ad andare, 50 a tornare). Dal laghetto splendida vista sull'Adula. Descritta in questo articolo.

25) Da Camorino a Lugano (eventualmente solo fino a Bigorio): partendo dall'alpe Croveggia, si arriva alla capanna Cremorasco, per passare poi la cresta che divide da Isone, scendere a Isone, salire a Gola di Lago, scendere nuovamente a Bigorio, ed eventualmente continuare fino a Lugano via Sala Capriasca, Ponte Capriasca, Origlio, Comano e Porza. Bellissima in autunno e in primavera. Descritta in questo articolo.

26) Capanna Brogoldone e Piz de Molinera: si sale da Lumino ai Monti di Savurù, prendendo poi il sentiero delle sculture fino a Domâs, per salire alla capanna. Da qui, in meno di un'ora si ascende al Piz de Molinera, facente parte del gruppo a cui appartiene anche il Pizzo di Claro. Descritta in questo articolo.

27) Traversata Tamaro - Lema (o viceversa): salita con le cabine all'alpe Foppa, da qui si prosegue per Manera, poi la cima del Tamaro, si continua verso il Gradiccioli, per girare verso il Lema. Discesa con la teleferica a Miglieglia. Possibilità di acquistare biglietto combinato con salita a Foppa, discesa a Miglieglia e bus da Miglieglia a Rivera. Descritta in questo articolo.

 

28) Strada Alta della Leventina: normalmente la si percorre in due o tre giorni. Partenza da Airolo, passaggio da Altanca, poi lo splendido bosco d'Öss sopra Faido, discesa e risalita fino ad Osco. Questo pezzo è prevalentemente T1. Poi da Osco ad Anzonico seguendo le vallette laterali su T2, passando per Calonico, fino a Cavagnago. Descritta in questo articolo (Airolo - Osco) e in questo articolo (Osco - Anzonico - Cavagnago).

 

29) Monte Boglia e alpe Bolla: bel giro, non troppo impegnativo, con vista a 360° di tutto pregio. Partenza da Bré sopra Lugano, salita al Boglia, poi discesa all'alpe Bolla per continuare quasi in piano attorno alla montagna, e discesa su Bré. Descritta in questo articolo.

 

30) Passo di Gana Negra e passo Cantonill: da Acquacalda (Blenio) salita al passo di Gana Negra, discesa all'alpe Bovarina, risalita al passo Cantonill, poi Anveuda, Dötra, Croce Portera fino ad Acquacalda. Bellissimo il passo di Gana Negra, con massi imponenti, neri, e flora stupenda. Descritta in questo articolo.

Passeggiate di una giornata in programma

1) San Bernardino - passo di Passit - val Calanca fino a Rossa. Circa 6 ore, 400 metri di salita e circa 700 di discesa. Rientro con i mezzi pubblici.

2) Airolo - passo del San Gottardo - Hospental - Andermatt - Göschenen. Circa 8 ore di camminata, e 1'200 metri di dislivello. Rientro ad Airolo con il treno.

3) Lumino -
capanna Brogoldone - Lumino. Passeggiata impegnativa per il dislivello. E' possibile salire con la teleferica da Lumino fino all'alpe Saurù, risparmiandosi cosi circa mille metri di dislivello (da Lumino al Brogoldone sono 1'700 metri di dislivello). Partendo dal Brogoldone sono possibili diversi itinerari, tra cui il pizzo Molinera (+2 ore per andata e ritorno), con vista mozzafiato sul Piano di Magadino, la Riviera e la Mesolcina.

4) Lumino -
capanna Gesero - Lumino. Anche qui il problema è il dislivello. E' possibile risalire un pezzo della strada carrabile con l'auto, e partire da un punto più elevato.

Passeggiate di più di una giornata in programma

1) Cadagno - Tom - Cadlimo - passo del Lucomagno + pernottamento - Acquacalda - alpe Casaccia - passo delle Colombe - Cadagno.

2) Campo Blenio - capanna Motterascio - capanna Scaletta + pernottamento - capanna Bovarina lungo il "sentiero degli stambecchi" + pernottamento - passo Cantonill - capanna Dötra - Acquacalda - passo delle Colombe - Cadagno + pernottamento - Piotta - rifugio Garzonera - lago Prato - passo del Sassello - Fusio + pernottamento - Naret - capanna Cristallina - capanna Basodino - Robiei

3) Nell'arcipelago Toscano esistono diversi tour-operators che organizzano 7-10 giorni di vela e montagna. In pratica ci si sposta con la barca a vela da un'isola all'altra (Elba, Giglio, Capraia, ecc.), e si visita tutta l'isola a piedi, attraversandola da un capo all'altro. Dato che vela e montagna sono le mie due passioni, la previsione è di fare la vacanza 2009 con questa opzione. Anche se non sono le montagne ticinesi, provvederò a bloggare la vacanza.

4) Il
CAS Ticino organizza ogni anno una settimana di trekking sulle montagne ticinesi. Per una settimana si vive di passi e capanne (tutto organizzato), con capo gita. In media partecipano una quarantina di persone. Sul loro sito, nella sezione "Attività", trovi questa gita (assieme a molte altre).

5) Flims - Disentis e pernottamento, Disentis - passo del Lucomagno e pernottamento - dal passo del Lucomagno rientro passando da variante 1) passo dell'Uomo - Ritom, variante 2) capanna Dötra - passo Cantonill - Campo Blenio, variante 3) Gana nera - Bovarina - Campo Blenio, variante 4) Acquacalda - alpe Casaccia - passo delle Colombe - Ritom.

 

Condividi pagina

Repost 0
Published by

Parole chiave

Geolocalizzazione: Svizzera, Ticino, Sopraceneri, Sottoceneri, Leventina, Bedretto, Blenio, Riviera, Mesolcina, Calanca, Maggia, Verzasca, Onsernone, Muggio, Bellinzonese, Locarnese, Luganese, Mendrisiotto 

 

Interessi: trekking, escursioni, passeggiate, foto, natura, rifugi, capanne, flora, fauna, laghi

 

Percorsi: forestale, sentiero, transumanza, valico, passo, bocchetta, ganna