Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog

Mi Presento

  • : Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • Passeggiate sulle montagne del Ticino
  • : Diari di viaggio delle passeggiate prevalentemente sulle montagne del Ticino, con foto e testo. Articoli tematici e links utili per la pianificazione di una escursione. Trekking ed escursionismo per tutti.
  • Contatti

Scrivimi

Puoi mandarmi un mail a questo indirizzo: upthehill chiocciolina gmx punto ch

Cerca Nel Blog

Archivio

Feedelissimo

Ticino Top - classifica blog e siti ticinesi

4 novembre 2011 5 04 /11 /novembre /2011 10:10



Percorso effettuato Locarno (Q198) - Losone (Q228) - Golino (Q269) - Intragna (Q339) - Calezzo (Q564) - Slögna (Q727) - Verdasio (Q711) - Lionza (Q775) - Borgnone (Q713) - Camedo (Q549). Rientro con la ferrovia delle Centovalli.

Difficoltà: sentiero T1 e T2.

Dislivello: salita 1'200 metri, discesa 850 metri

Lunghezza del percorso: circa 22 chilometri

Sforzo equivalente: 33 chilometri

Durata (incluse le pause): 7.25 ore.

Domenica in solitaria, e come sempre in questi casi avevo pianificato una maratona kilometrica, lungo la via dei Mercati delle Centovalli e valle Vigezzo. Questa via, una mulattiera, congiungeva Domodossola (nella valle che porta al passo del Sempione) con Intragna, passando le varie località vigezzine e centovalline. L'economia di montagna non è autosufficiente, per cui ci si doveva approvvigionare di granaglie, sale, metalli, e in cambio si cedevano lana, formaggi, insaccati. I muli, con il basto ed il loro carico, percorrevano questa via, che nella parte svizzera resta in alto, portando mercanzie arrivate a Domodossola dalla Pianura Padana, e ritornando con i prodotti agricoli.

L'idea è di partire da Locarno, farmi tutto il fondovalle fino ad Intragna, per imboccare la via dei Mercati, e tirare almeno fino a Santa Maria Maggiore. L'ultima Centovallina (in Italia chiamata Vigezzina) parte da Domodossola verso le 20:30, per cui di ore a disposizione ne ho quante ne voglio.

05:30 La suona sveglia, apro gli occhi, ho la testa rintronata. Già da ieri ho i podromi di un bel raffreddore: naso che pizzica, e gola che gratta. Si sta preparando alla grande. Resto a letto un po', vado, non vado... Poi decido di alzarmi, le escursioni da solo sono sempre un grande regalo. Sento però che il fisico oggi non è da record.

07:15 Arrivato a Locarno, ho già mezz'ora di ritardo sulla tabella di marcia. Da diversi giorni tengo d'occhio l'orario di albeggio, per partire alle primissime luci, tenuto conto dell'orario solare rientrato stanotte, avevo calcolato di mettermi in marcia alle 6:45. Mi sono bevuto il caffé, cornetto per chiudere il buco nello stomaco. Parcheggio al tennis di Locarno, e mi preparo per partire. Verso Est il profilo del Camoghè ed il Gesero.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2772
A Ovest il Gridone / Ghiridone / Limidario già illuminato. Gli passerò dietro, sull'altra versante. Si preannuncia una giornata coi fiocchi, cielo terso, e temperature fuori dall'ordinario per il periodo. Lavoro meticoloso di scelta degli strati di vestiti, per non avere freddo alla partenza, e non morire di caldo a mezzogiorno.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2773
Percorro le vie di Locarno, città nella quale sono cresciuto, e da cui manco da almeno 30 anni. Anche le città, come ogni organismo, hanno un ciclo di rigenerazione spontaneo. Spuntano nuovi edifici, risplendono, invecchiano, vengono abbattuti per lasciare posto a nuove costruzioni. Il volto di una città cambia, ma con un ritmo così lento che chi vi abita non lo percepisce. Ma 30 anni cominciamo a mostrare i segni: quartiere una volta periferico, oggi con una sua chiesa, grande magazzino: tutto cambiato. Passo accanto alla grande rotonda di Piazza Castello, quando ero bambino non esisteva, e imbocco il percorso che porta alla passerella pedonale accanto alla "direttissima" Locarno - Ascona, altra struttura recente.

07:30 Scavalco la Maggia, che ha costruito il grande delta sul quale è stata edificata Locarno e Ascona. Appena oltre scendo, per prendere l'Astrovia.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2778
Da bambino giocavo sulle due grandi dighe della Maggia: la diga sommergibile e la diga insommergibile. Grandi massi, qualche metro piano tra la prima e la seconda, ogni tanto una lepre che scappava, cartelli "Bandita di caccia" che mi chiedevo "ma cosa centrano i banditi con la caccia?", per scoprire molto tempo dopo che i banditi erano coloro che erano stati allontanati dalla comunità, e non potendo vivere in modo onesto, rubavano ed assalivano. Per cui, per traslato, il bandtio (allontanato) è diventato il malvivente. Nel famoso cartello di gioventù, la parola veniva utilizzata nel senso originario, di divieto, allontanamento. E se camminando mi metto a fare riflessioni di questo tipo, puoi renderti conto in che stato confusionario mi trovavo... Il percorso sulla diga insommergibile, terreno incolto e pronto per i sogni dei bambini, è stato trasformato in una zona di svago e relax. In particolare, lungo la sponda di Ascona, è stata creata un'Astrovia: in pratica trovi il sole alla foce della Maggia, poi risalendo verso Golino trovi i vari pianeti, con la loro scheda, piazzati a distanza proporzionata. I primi distano poche centinaia di metri, gli ultimi più di un chilometro tra l'uno e l'altro.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2779
Terreno piano, dovrei filare come un treno... Invece sento che manca la gamba. Testa a pallone, mani che non si scaldano, oggi sono messo veramente male.

08:00 Passato Solduno e Losone, oramai sto per arrivare al punto di confluenza tra la Maggia e la Melezza, dove svolterò a sinistra per portarmi verso Intragna. Attorno a me, gli alberi più sensibili al richiamo d'autunno hanno già dato la loro risposta, agghindandosi a festa. Troppo presto, la loro voce mancherà nel gran finale.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2785
Poi mi accorgo di aver percorso molta più strada di quanto pensassi: sono già a Nettuno. Fra poco uscirò dal sistema solare :-)

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2786
08:10 Passato il ponte di Tegna, mi si apre la parte bassa delle Centovalli, denominata "Terre di Pedemonte", con i suoi tre comuni (Tegna, Verscio e Cavigliano) che da anni stanno lottando per fusionare oppure no.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2789
Sono un po' imbesuito, ma guardando il cielo, sono felice di aver avuto il coraggio di partire. Dovessi arrivare anche solo ad Intragna, ne sarà valsa la pena. Giornata splendida per essere la fine di ottobre.

08:50 Prima di Golino, sosta di un quarto d'ora con un signore che portava a spasso i suoi due cani. Gli dovevo stare simpatico (al signore, non solo ai cani), ha iniziato a raccontarmi delle sue esperienze di gioventù con cani e affini. Interessantissimo, ma ho dovuto chiedergli il permesso di partire, sennò i muscoli, già messi male di loro, raffreddandosi sarebbero diventati dei legni. Davanti a me si profila Intragna, prima salita della giornata.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2794
Come terranno le gambe in salita? Passo accanto a Golino, edifici antichi e nuovi, anche qui il volto che cambia.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2800
Poi su al ponte...

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2801
...e la bella pozza di Golino.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2802
E adesso si fa sul serio... Da giovane percorrevo spesso le Centovalli con il motorino, il papà di un mio amico aveva una fabbrica di tessuti a Camedo, tutto personale frontaliero, e la salita verso Intragna dovevo farla pedalando, tanto è ripida: il motore non ce la faceva.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2805
Quella pedonale, per fortuna, sembra più facile. Esistono scalini da un passo, scalini da due passi, da tre, e così via. I peggiori sono quelli a passi pari, è sempre la stessa gamba che fa lo sforzo più grande. Ci vuoi credere che questa è una scalinata da due passi? Ogni pochi scalini devono rompere il ritmo, per cambiare gamba di sforzo. Golino dietro di me.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2808
E Intragna accanto.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2810
09:10 Ci sono. Il campanile più alto del Ticino (65 metri) si staglia netto. Mi infilo in un ristorante, e faccio 15 minuti di pausa (la foto l'ho scattata all'uscita del ristorante, per questo l'orologio non corrisponde al mio orario).

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2811
Breve tratto lungo la strada cantonale, fino al grotto "Du Rii", poi si parte con la via dei Mercati. E anche questa scalinata è una di quelle pari.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2817
Immagino la gioia di chi arrivava alla sera, ultima tappa del tracciato, e lo sconforto al mattino, per prendere la via del ritorno. C'è un vantaggio (anzi, due): salendo si attutiscono i rumori del traffico, e la vista inizia ad aprirsi.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2821
10:00 Arrivo a Calezzo, costruito su di una piccola terrazza, con insoleggiamento favorevole. Se ricordo bene (avevo già percorso questo tratto al contrario durante l'escursione da Intragna ai Monti di Comino) da qui c'è nuovamente un lungo tratto pianeggiante.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2828
Ricordo corretto. Passato l'abitato, si apre la forestale che porta verso Slögna.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2834
Test della gamba, in effetti non tiro come al solito. Ma ormai non è più un problema. Sono felice della scelta fatta. I rumori della civiltà sono scomparsi, solo saltuariamente mi arriva lo stridere delle ruote della Centovallina sui binari, per il resto solo fruscio di foglie portate dai refoli d'aria, e canto d'uccelli. E una vanessa a fine ottobre.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2840
Non ho ancora incontrato nessuno lungo questo tratto, a parte una signora nella primissima salita verso Calezzo. Ho fortuna, riesco a scegliere spesso percorsi poco frequentati, altrimenti è come andare allo shopping-center di domenica.

10.25 Ed ecco finalmente il primo vero segno della via dei Mercati: mulattiera di quelle d'altri tempi.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2845
Tendo l'orecchio, per verificare se sento echi di zoccoli sui sassi, imprecazioni di mercanti la cui bestia non vuole più muoversi, incroci difficili e dispute per la precedenza, racconti e storie per ammazzare il tempo mentre si cammina (sono fortunato, non ho questa necessità), e discussioni sui prezzi dei prodotti, come va il mercato qua e là.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2848
10:45 Slögna. Qui il sentiero biforca, a destra si sale ai Monti di Comino, a sinistra si continua verso Verdasio. Piccola sosta banana, e controllo della tenuta delle gambe. Tanto sali scendi già in questo tratto, più avanti sarà ancora peggio. Il sentiero è una carezza sui fianchi di Madama Montagna, deve seguirne le curve ed i contorni, non può affindare unghie e dita nella carne, sennò si ribella. E' una bella signora, formosa, e così per non farle il contropelo, la via si alza e si abbassa continuamente. E ogni tanto, può richiedere un abbraccio sensuale, quando lo spazio è poco.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2852
Banana e una riga di cioccolata sistemati nel serbatoio. La scorta d'acqua sta tenendo, non fa troppo caldo, anche se oramai ho dovuto togliere la felpa. Riprendo il cammino dopo aver salutato una signora che sale verso i Monti.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2856
Sono l'unico viandante del bosco. Ogni foglia, ogni ago è stato posato per me, per rendere più morbido il mio passo. Castagni, faggi, betulle mi tengono una silenziosa compagnia, ognuno con centinaia di anni di storie da raccontarmi, e troppo poco tempo io per ascoltarli. Racconti lenti, di stagioni e fulmini, di pioggie e siccità, di castagne raccolte, di altri viandanti. Il bosco libera il bambino, puoi immaginare qualsiasi storia, e qualcuna potrebbe anche essere vera.

11:15 Madama Montagna qui ha deciso che la sua ruga (una valletta laterale) non può essere attraversata a quest'altezza. Penalità di partita, vedo una discesa decisa, e so che dall'altra parte c'è sempre una salita.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2859
Sono ingambito, non per lo sforzo ma per il raffreddore incipiente, la salita dall'altra parte sarà una pena. Arrivo in fondo, e le mie preoccupazioni si avverano.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2860
E penso ai muli... Io ho solo un sacco con pochi chili di peso, loro, col basto, ne portavano di roba. Chissà che fatica la salita, il percorso dissestato, il mercante dietro con il bastone. Fossi stato in loro, anch'io ogni tanto avrei fatto sciopero. Per fortuna la salita è breve, e appena in alto si riapre la vista.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2862
11:30 Arrivo sotto i piloni di una cabinovia, deve essere quella per i Monti di Comino. Breve pausa per riempire la bottiglia, ingurgitare nuovamente una riga di cioccolata, e lasciar riprendere le gambe, che tanto non si riprendono.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2863
Magnifica la vista anche da qui.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2868
Meno di dieci minuti, e mi rimetto in cammino. Il sentiero resta fuori bosco, ho l'impressione di arrivare alla civiltà, dai piccoli segni che vedo attorno a me. Non mi dispiacerebbe trovare una trattoria, un baretto, per poter mangiare una minestra.

12:00 Verdasio! Non pensavo di arrivarci così in fretta. A Slögna il cartello giallo dava 3.5 ore per Camedo. Il tracollo lo hai quando pensi di essere arrivato ad A, sei già stanco, e scopri di essere arrivato ad A - x. E li si vede il carattere di una persona. Secondo i miei calcoli, da Slögna ci volevano al massimo 2.5 ore fino a Camedo. Già i cartelli gialli sono tiratissimi, per tenere i loro ritmi deve correre senza guardarti attorno. Con le gambe che ho oggi, quando ci impiegherò?

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2870
Scendo l'ultimo tratto di sentiero, e mi ritrovo in un paesino d'altri tempi, vicoli stretti, case in sasso, alcune ristrutturate, lastricato a terra. E calma. E' mezzogiorno, e non si sentono rumori. In compenso sento profumini provenire dalle cucine.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2873
Un cartello indica il ristorante "Il Pentolino". Nome di buon auspicio :-) Seguo la segnaletica, e mi ritrovo su di una terrazza, tavoli in sasso, è anche aperto. Controllo la carta, c'è "minestra del giorno". Affare fatto.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2874
Arrivando ho controllato, fuori dalla porta c'è una distinzione del 2006 di una delle guide culinarie più conosciute. Cavoli, ma dove sono capitato? Tutto buono, mi prendo anche il caffé, e mi gusto il tepore della terrazza.

12:50 Sistemato il conto, mi rimetto in moto. Felice: le gambe non sono peggiorate ulteriormente, dovrei farcela ad arrivare a Camedo. Davanti a me vedo Borgnone, proprio sopra Camedo. Stessa altezza, ma in mezzo una valle, nella quale so che c'è da scendere e da salire.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2876
Guarda bene la foto: ma ti rendi conto di che giornata splendida mi hanno regalato? Qualcuno lassù mi ama. Uscendo dal paese una splendida macchia di colore, e le api ancora al lavoro.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2882
E adesso che il sole è volto a destra, posso riprendere anche la croce di cima del Ghiridone / Gridone / Limidario. Ti ricordi verlo che l'avevo visto dall parte del lago?

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2883
Appena uscito, il sentiero inizia subito a scendere, tanto per togliere ogni dubbio. Lungo la via diverse cappelle, per ricordare che dopo questa vita probabilmente la situazione sarebbe migliorata. Peggiorata era difficile.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2888
13:10 Venti minuti di discesa, chissà la salita. Arrivo ad un ponte, mi dà una sensazione di dejà-vu... Ma si, sembra tutto a quello che c'è lungo la via per andare alla capanna Motterascio, ma anche a uno che ho visto tra Foroglio e San Carlo Bavona. Decisamente non è il ponte originario della via dei Mercati.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2889
E dall'altra parte si sale. Breve, per fortuna. Passo Piazz, Q660. Sono sceso di almeno 200 e risalito di 100. E non è finita. Intanto però arrivo ad una casa solitaria, roba da gran signori.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2894
E attorno macchie di colore che mi mandano in estasi.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2896
Adoro il bosco d'autunno. Lo amo sempre, elfo dentro, ma in questo periodo mi manda in sollucchero. Poco più avanti ritrovo il percorso originario, di nuovo mulattiera. L'avevo persa da un gran pezzo, il tempo se l'è mangiata.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2898
Nuovo ponte per una seconda valle laterale. Le Centovalli hanno questo nome per il numero infinito di vallette laterali. Una di queste laterali è bella grande, e si chiama Onsernone. Ed è quasi ora di metterla sul piano di ispezione. Mauro saprà consigliarmi.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2899
Le gambe ormai stridono ad ogni salita, come le ruote della Centovallina che continuo a sentire ogni tanto sotto di me. Fa niente. Percorso bellissimo, ci devo portare Rita da Intragna via. Anche lei adora il bosco, sono sicuro che le piacerà.

13:45 Il paesaggio si apre nuovamente, appaiono edifici isolati. Devo essere in vicinanza di Borgnone.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2904
Pensavano a tutte le comodità una volta: cappella, piccolo oratorio, e riparo in caso di pioggia. Poco più avanti, sopra di me a destra, intravvedo Lionza.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2909
Che cielo mi hanno  regalato oggi! E che bosco. Mando un messaggio mentale a me stesso otto ore fa: alzati e vai, ne vale la pena. Deve essere arrivato, ho sentito... Intanto mi sto avvicinando alla zona del maglio. Non so dove prendessero il ferro, non è la valle Morobbia questa. Ma se c'era il maglio, di sicuro da qualche parte avevano anche il ferro.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2910
Risalgo alla strada, pochi metri sull'asfalto, poi ritrovo il sentiero, che porta alla zona del lavatoio...

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2912
...e ad una bella pozza.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2913
Me lo immagino, in estate: le mamme a sbattere i panni, sapone di marsiglia, spazzola in mano, e i bimbi a giocare nella pozza. "Fai attenzione, néeeee.". Ne ho incontrati molti di lavatoi durante i miei giri, alcuni anche molto belli. Sto quasi pensando di raccoglierli tutti in una guida. "Lavatoi della Svizzera Italiana". Magari diventerà famosa come la serie "Laghetti alpini della Svizzera Italiana". Vicino al lavatoio, la zona dove si trovava il maglio, con cartello didattico-esplicativo.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2916
2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2917
Me lo studio bene: le tecnologie di una volta mi affascinano sempre. Cosa riuscivano a fare con pochi mezzi a disposizione... Continuo la discesa fino ad una nuova cappella. Qui il sentiero termina, e si va avanti su asfalto.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2920
La strada compie un'ampia curva che porta verso Borgnone, e mi regala nuove macchie di colore.


2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2925
14:10  Borgnone raggiunta, da qui è tutta discesa. Adesso riesco a vedere bene Lionza, che prima era nascosta dagli alberi.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2929
Paesino piccolo, lo passo in un attimo.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2932
Discesa quasi tutta su asfalto, a parte il primo tratto.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2939
14:20 Ed eccomi a Camedo. Di tempo per continuare ce ne sarebbe, ma le gambe hanno già dato per oggi. Va bene così. Passo la chiesa...

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2940
...scendo in paese...

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2943
...e alle 14:35 sono alla stazione. Controllo l'orario, trenino tra 20 minuti, non vale neanche la pena di risalire per cercare un posto per bere qualcosa.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2945
Dopo pochi minuti arriva la Centovallina da Locarno.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2947
Mi preparo ad un viaggio disagevole, ricordo di panche in legno l'ultima volta che vi ero salito. Controllo, e rimango senza fiato. Questa è la seconda classe.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2948
Comodissima! Il trenino parte puntuale, provo a scattare qualche foto durante la corsa, con esiti disastrosi. L'unica che viene bene, è quella del lago artificiale di Palagnedra.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2950
15:25 Il trenino è arrivato al capolinea, alla stazione di Locarno. Esco per andare al parcheggio, e mi ritrovo in un bagno di folla. Che è? Poi capisco, domenica di apertura straordinaria dei negozi. Dato che nessuno può andare a fare compere in settimana, mi sembra giusto che almeno oggi possano andare a fare shopping. Scantono per la via meno frequentata, mi porto sul lungolago, e raggiungo l'auto.

2011.10.30-Locarno-Camedo-Via-dei-Mercati 2955
Decisamente da prendere in considerazione anche la seconda parte, da Camedo a Domodossola. Più lunga, ma con meno dislivello. Magari a inizio dicembre, quando avrò un'altra giornata libera :-)

Ecco il profilo altimetrico dell'escursione.

Profilo
Clicka qui se vuoi vedere tutte le foto della passeggiata (non che ci sia qualcosa di speciale).

Repost 0
Published by UpTheHill - in Centovalli - trekking
scrivi un commento
27 aprile 2010 2 27 /04 /aprile /2010 21:15


 

Percorso effettuato: Intragna (Q339) - Costa (Q636) - Selna (Q880) - Dröi (Q1230) - Monti di Comino (Q1155) - Slögna (Q727) - Calezzo (Q557) - Intragna.

 

Difficoltä: T1 per la maggior parte, tranne che il tratto tra Dröi e i monti di Comino (T2): si percorre un sentiero leggermente esposto, e non troppo largo.

 

Dislivello: 1'200 metri.

 

Lunghezza del percorso: 14 chilometri.

 

Sforzo equivalente: 26 chilometri.

 

Durata (incluse le pause): 8.5 ore.

 

Riferimenti: le Centovalli su Wikipedia, Intragna su Wikipedia.

 

Sono cresciuto nel Locarnese, e da ragazzo ho percorso spesso le Centovalli, sia con il motorino che con l'auto. Lungo la strada che porta da Intragna al confine di Camedo vedi solo alte pareti a V stretta, tipico dello scavo del fiume (la Melezza), che scende impetuosa dalla diga di Palagnedra. Ti guardi attorno, e hai l'impressione di essere in un budello. Ma c'è poco da guardarsi attorno: la strada è tortuosa. stretta al limite dell'incrocio di due veicoli, nelle ore di punta trafficata da decine di frontalieri, i quali, conoscendola come le loro tasche, la percorrono a velocità che a te e a me sembra impossibile. Così, quando Enrico mi propone di andarci a fare un giretto, il primo pensiero che mi corre per la mente è "mmmmh, saremo sempre sul filo del burrone...". Mi sbagliavo, eccome se mi sbagliavo. Ma andiamo con ordine.

 

Enrico d io decidiamo di fare le cose in grande, e mettiamo assieme una banda di 11 umani e tre canidi. Ritrovo ad Intragna, per una sgambettata primaverile.

 

09:15 Danila, Laura, Piera, Pinuccia, Rita, Pierfranco, Alberto, Enrico, Marco, Ivan (che ha appena ricevuto gli scarponcini nuovi e li deve innaugurare), il sottoscritto, più Billie, Willy e Jack: ritrovo pronti per la partenza. Meteo annunciata bella per il mattino, così così per il pomeriggio, ma confidiamo nella buona sorte.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3211

 

Percorriamo l'abitato di Intragna, caratterizzato dal campanile più alto del Ticino (alto come edificio, non come quota sul livello del mare), di cui gli abitanti vanno molto fieri.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3216

 

 

E subito via lungo il sentiero di salita che ci porterà a Costa, raggiungibile anche tramite una (come si suol dire in questi casi) comoda teleferica. E sotto di noi inizia ad aprirsi il panorama verso le Terre di Pedemonte, la fascia piana creata dalla Melezza dopo l'impeto iniziale, e prima di sfociare nel fiume Maggia.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3227

 

Il sentiero è agevolissimo. Ivan sembra trovarsi bene con gli scarponcini (dato che siamo i suoi santoli gli abbiamo regalato anche le calze da trekking), e stambecca lungo la salita ad una velocità paurosa. Non ostante abbia solo nove anni, è già salito con noi fino alla cima del Gaggio, e si è fatto senza battere ciglio da San Bernardino ad Hinterrhein: promette bene il giovanotto.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3229

 

La pietra lateralmente è stratificata a circa 45°, e presenta delle belle venature di quasi quarzo. Ho notato questa pendenza lungo tutta l'escursione, come se la montagna volesse raggiungere il pizzo Leone ed il Ghiridone / Gridone / Limidario dall'altra parte della valle.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3233

 

Lungo i bordi del sentiero costellazioni di fiori (e ci mancherebbe altro, ormai siamo in primavera), e varie farfalle. Queste, troppo affamate e di fretta, non si posano mai abbastanza a lungo per farsi riprendere. Quelle vanesie arriveranno più tardi, attorno a giugno.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3236

 

09:50 Il sentiero ci ha condotti ad un antico mulino, con la sua bella ruota. L'edificio è ben tenuto, anche se chiaramente la macina non lavora più. Un ponte permette di attraversare il riale che forniva la forza motrice, ed il sentiero biforca subito dopo.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3241

 

Prendiamo il ramo di sinistra, e la pendenza cambia improvvisamente, per portarci con un salto veloce verso Costa. In pochi metri di percorso il ponte è già ben sotto di noi.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3247

 

Salendo sento un cuculo cantare per un bel pezzo: probabilmente è tutto felice, avrà piazzato il suo uovo nel nido di un altro uccello.

 

10:10 Improvvisamente il sentiero si spiana, e davanti a me appare la stazione di monte della teleferica, e subito dietro la chiesetta di Costa. Resto stupito dal paesaggio: come già in val Malvaglia, scopro che la parte alta della valle si allarga con delle belle terrazze, invisibili dal basso, costellate di piccoli nuclei e villaggi (come Palagnedra), su entrambi i versanti della valle. Mai e poi mai, guardando la valle dal fondo, mi sarei immaginato un panorama simile: deliziosa scoperta.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3264

 

I miei compagni si sono già piazzati per un piccolo spuntino (ah, dimenticavo di dirti che sono arrivato per ultimo),  e ci godiamo la vista. La temperatura inizia ad aumentare in modo notevole, e io ho dato fondo ad un terzo delle mie riserve d'acqua... Spero di trovare un punto di approvvigionamento, sennò sono dolori.

 

10:20 Ci rimettiamo in moto. Enrico, capogita dato che queste zone le ha già percorse (praticamente conosce il Ticino meglio di me e te messi assieme), ci fa notare che la strada è ancora lunga. Percorriamo i sobborghi di Costa, puntando in direzione di Selna.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3274

 

10:30 Improvvisamente, il regalo della giornata. Il prato è costellato di genziane di Koch, le prime quest'anno. Non le avevo mai viste così in basso. Splendide.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3278

 

Dietro di noi inizia ad apparire il bacino del lago Verbano nella zona di Locarno (non ti metto la foto, non ho ancora imparato a togliere l'effetto nebbiolina). Passiamo la casa (il rustico) di un probabile artista del legno (un Maurizio Corona, insomma), che espone le sue opere d'arte all'esterno, poi il sentiero fa un altro salto importante verso l'alto.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3291

 

11:00 Sbuffa che ti sbuffa, arrivo anch'io a Selna. Anche qui, una splendida terrazza naturale erbosa, con pochi rustici e tanto verde. Nuova sosta rifocillante, mentre mi guardo attorno estasiato.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3299

 

Da qui si iniziano a vedere bene le varie terrazze che costellano la valle.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3305

 

11:15 Enrico ci richiama nuovamente all'ordine, e si riparte. Non deve essere facile gestire un "branco" come noi... Non lo invidio. Il sentiero entra in un bel bosco, ancora spoglio, ma che sicuramente rende vivibile la salita anche in estate. Una bella lucertola dai colori iridati (normalmente le nostre sono abbastanza opache) mi colpisce. Si nasconde, ma attendo un attimo, e si mostra nuovamente.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3307

 

Il sentiero, come spesso accade, è costellato di cappellette, probabilmente una Via Crucis. I montanari sono risparmiosi: già che si doveva salire fino ai monti, e fare fatica, si piazzavano un po' di punti di preghiera (così si tirava anche il fiato), aumentando la probabilità di andare in Paradiso, che peggio di come vivevano non era molto facile...

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3308

 

12:10 Arriviamo all'incrocio con la forestale che sale a Dröi, e attendiamo i compagni che si sono attardati. Sotto me di, in una conca riparata, un altro piccolo insediamento, che mai ti immagineresti.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3315

 

Comincia a piacermi sempre di più questa valle. E dall'altra parte della cresta, c'è la valle Onsernone, anche lei incassata in basso come le Centovalli. Vuoi vedere che si apre in alto come questa? Mi sa che la metto in alto nella lista delle priorità, la faccenda è da chiarire.

 

12:30 Gruppo nuovamente riunito, si parte lungo la forestale, e dopo poche centinaia di metri ritroviamo il sentiero, che entra nuovamente nel bosco. Il gruppo si snocciola come un serpentone, con il sottoscritto verso il fondo della fila.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3321

 

12:45 Usciamo dal bosco alla biforcazione del sentiero: dritti verso i monti di Comino, a destra verso Dröi. Si potrebbe arrivare ai monti di Comino anche passando da Dröi, poi circumnavigando il monte Aula, e rientrare da pian Segna, ma Enrico ci ha informati che c'è ancora molta neve, dato che il lato è esposto a Nord. Così prendiamo dritto, lungo il sentiero per Comino.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3325

 

Questo pezzo di sentiero è l'unico un po' più impegnativo, dato che non è larghissimo, con strapiombo, e costellato di rocce. Niente di cui preoccuparsi però, anche Ivan lo percorre senza esitazione.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3327

 

Adesso che siamo in alto e fuori bosco, il panorama inizia a farsi apprezzare. Vedo il Camoghé ed il Garzirola, un pezzettino del monte Bar, il lago e Locarno, con l'attacco del piano di Magadino. Peccato che l'aria non sia tersa...

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3328

 

13:15 E dopo quattro ore di cammino, eccoci ai monti di Comino. Accaldati, affamati, disidratati, ma vivi.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3335

 

Piazzamento generale, sbragatura totale, pausa pic-nic. Rimepimento delle bottiglie!!! Alla nostra destra il sentiero che porta verso pian Segna, con la sua chiesetta, e appena oltre la valle Onsernone. Controllo orario, meteo, stanchezza: si decide di lasciar stare.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3342

 

14:30 Rivitalizzati dal riempimento serbatoio, riusciamo a rimetterci in moto, per dirigerci verso uno dei due grotti per il caffé. Alcuni di noi sono talmente impazienti che si catapultano in avanti, e al primo edificio che ha l'aspetto di un bar deviano dal sentiero e si portano sul patio, chiedendo di farsi servire un caffé. Il signore, imperturbabile, dice loro "mah, se volete ve lo metto su, ma questo non è il grotto...". Oooops... Capita l'antifona, lasciano che sia Enrico a guidare. Scendiamo fino alla stazione di monte della teleferica di Verdasio, e in pochi minuti arriviamo al grotto, quello vero.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3348

 

I gerenti, coridalissimi, vengono a salutarci personalmente uno ad uno. Bella terrazza con vista, caffé, e un po' di ombra, ché il sole oggi ci dà sotto... E dall'altra parte, Palagnedra.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3353

 

15:00 Inizio discesa, sarà lunghetta. Il sentiero entra nel bosco, fine della vista. Si scende, si scende, si scende.

 

15:45 Raggiungo i miei compagni che si sono fermati ad una cappella con portico.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3359

 

16:15 Arriviamo a Slögna, sempre nel bosco.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3362

 

Poco oltre, una madonnina recente, bel lavoro in sasso come sapevano fare una volta.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3363

 

16:45 Il sentiero nel bosco termina, ormai siamo scesi più che bene. Davanti a noi si apre la strada asfaltata che ci condurrà fino a Calascio. Trovandomi sul mio percorso ideale, tolgo le ridotte, e apro la falcata da pianura, lasciando in breve dietro di me il resto della combricola.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3367

 

Lungo la via ancora diversi ciliegi selvatici in fiore, che si stagliano immacolati contro il cielo. Stamane, adun certo punto, credevo di vedere farfalle bianche in ogni dove: invece erano i petali dei ciliegi che cadevano, ondeggiano con grazia nei refoli d'aria. I giapponesi adorano questo momento, ed inizio a capire il perché.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3374

 

17:10 Ed ecco le Terre di Pedemonte: Tegna, Verscio e Cavigliano, posti sul lato sinistro, e in ombra Golino, appena sotto Intragna.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3380

 

17:20 La strada ha fatto una svolta a destra con il suo tornante. Alla curva, una casa con tetto piatto. Seguo il mio naso (che non è piccolo di dimensioni, pur non raggiungendo l'onore di quello di Cirano de Bergerac), mi sposto sulla sinistra dell'edificio. Non ci sono segnali, ma qualcosa mi dice... C'è. C'è un sentiero acciottolato che scende: meglio che l'asfalto. Lo imbocco, non sono sicuro che magari non termini dopo poche decine di metri. Mi va bene, scende veramente verso Intragna. Poco dopo si allarga, e divanta una comoda strada pedonale.

  2010.04.25-Monti-di-Comino 3390 

17:30 Orami in vista di Intragna. Attendo i miei compagni al grotto Duu Rii (due riali), gestito da Stefano. Buona cucina, bella terrazza fresca che guarda nella valletta dietro l'edificio, dove due riali appunto formano le loro cascate.

 

2010.04.25-Monti-di-Comino 3392

 

Dopo un quarto d'ora arrivano anche i miei compagni, e con loro mi dirigo al parcheggio. Cotto dal sole, ma felice, e per niente stanco. Splendida escursione, bellissima valle, grande scoperta.

 

Ed ecco il profilo altimetrico. L'escursione inizia al Km 2, fino al 14, per terminare poi dallo 0 al 2.

 

Profilo

 

Clicka qui se vuoi vedere tutte le foto dell'escursione (non che ci sia qualcosa di speciale).

Repost 0
Published by UpTheHill - in Centovalli - trekking
scrivi un commento

Parole chiave

Geolocalizzazione: Svizzera, Ticino, Sopraceneri, Sottoceneri, Leventina, Bedretto, Blenio, Riviera, Mesolcina, Calanca, Maggia, Verzasca, Onsernone, Muggio, Bellinzonese, Locarnese, Luganese, Mendrisiotto 

 

Interessi: trekking, escursioni, passeggiate, foto, natura, rifugi, capanne, flora, fauna, laghi

 

Percorsi: forestale, sentiero, transumanza, valico, passo, bocchetta, ganna